Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Quando Covid ha colpito, la Cina era pronta a raccontare la sua versione della storia

Ma il signor Rigoni, la cui azienda è di proprietà dell’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi, ha affermato di non credere che il mix cinese di media e potere statale sia unico. Ha detto: “Non è l’unico paese in cui il governo o il parlamento controlla i principali programmi televisivi e radiofonici”.

Il segretario generale dell’IFJ Anthony Bellanger ha dichiarato in una e-mail che la sua opinione del rapporto è che mentre “la Cina è una potenza crescente nella guerra dell’informazione, è anche necessario resistere a tali pressioni da parte degli Stati Uniti. Russia e altri governi in tutto il mondo . “

Ma non c’è dubbio su quale governo sia più impegnato in questa campagna in questo momento. Rapporto dello scorso anno Scritto da Sarah Cook di Freedom House, un gruppo no-profit americano che difende la libertà politica, ha scoperto che Pechino spende “centinaia di milioni di dollari all’anno per diffondere i suoi messaggi al pubblico di tutto il mondo”.

Gli Stati Uniti potrebbero essere stati i pionieri negli strumenti di influenza segreta e palese durante la Guerra Fredda, ma i canali ufficiali di governo svanirono. La CIA ha influenzato le operazioni di influenza all’inizio della Guerra Fredda, poiché l’agenzia ha finanziato segretamente riviste influenti come Encounter, lasciando il posto ai media americani come Voice of America e Radio Liberty, che hanno cercato di espandere l’influenza americana trasmettendo notizie interne senza censure in Authoritarian paesi. Dopo la Guerra Fredda, si sono trasformati in strumenti più morbidi del potere americano.

Più recentemente, tuttavia, il presidente Donald J. Trump ha cercato di trasformare quei media in strumenti di propaganda più schietti, ei Democratici ei loro giornalisti hanno reagito. La mancanza di un consenso interno americano su come dovrebbero essere usati i suoi media ha lasciato il governo degli Stati Uniti incapace di mostrare gran parte di qualsiasi cosa. Invece, la forza culturale rappresentata da aziende come Netflix e Disney – molto più forte e meglio finanziata di qualsiasi sforzo governativo – stava facendo il lavoro.

READ  Aida si prepara a stupire quando l'alta tecnologia incontra l'antico Egitto

I giornalisti di tutto il mondo hanno espresso dubbi sulla spesso scarsa efficacia della propaganda del governo cinese, un sospetto che ho certamente condiviso quando ho riciclato il numero di edizioni non lette della settimana del China Daily che sono state rimandate a casa la scorsa settimana. Il tipo di propaganda che può avere successo in Cina, senza una vera risposta da parte della stampa, in gran parte non riesce a competere nell’intenso mercato aperto per attirare l’attenzione della gente.

“La Cina sta cercando di diffondere il suo contenuto nei media kenioti, ma non è ancora così influente”, ha detto Eric Audor, segretario generale della Kenya Journalists Association.