Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Origin Energy sta prendendo in considerazione un progetto eolico offshore nel New South Wales

Origin Energy sta prendendo in considerazione un progetto eolico offshore nel New South Wales

L’annuncio ha visto un certo numero di partiti guardare Hunter, soprattutto perché si prevedeva che i pesi massimi globali avrebbero perso Gippsland.

Più di 20 sviluppatori stanno prendendo in considerazione un progetto a Gippsland, tra cui centrali elettriche industriali come Orsted, il più grande sviluppatore mondiale di energia eolica offshore, Shell, Macquarie Bank, EDP Renewables e ENGIE.

Le autorità di regolamentazione australiane non hanno rivelato ufficialmente quanti richiedenti dovrebbero ricevere una cosiddetta licenza di fattibilità – che conferisce ai progetti diritti esclusivi su una parte dell’area per un periodo cruciale di sette anni per attrarre investimenti – ma fonti del settore affermano che sono probabili circa cinque approvazioni .

Con una concorrenza così intensa, fonti affermano che alcune grandi compagnie energetiche globali stanno ora rivolgendo la loro attenzione al New South Wales. Fonti del settore affermano che la compagnia energetica italiana Falck Renewables e il colosso degli investimenti danese Copenhagen Infrastructure Partners stanno prendendo in considerazione lo sviluppo di progetti eolici offshore nello stato.

I giocatori più piccoli stanno anche sviluppando piani per il New South Wales. Lo sviluppatore australiano di energia rinnovabile Spark Renewables ha stretto una partnership con lo sviluppatore di energia eolica offshore Simply Blue Group e Subsea7.

“Il consorzio esaminerà l’idoneità delle aree per lo sviluppo di parchi eolici offshore all’interno del proposto Hunter offshore e del progetto offshore Illawarra”, ha dichiarato Anthony Mariner, Presidente di Spark Renewables.

“Siamo entusiasti delle opportunità che i progetti eolici offshore possono offrire al NSW, compresa una maggiore produzione locale e quindi più posti di lavoro per sostenere l’economia locale”.

READ  La rivista scientifica ritira l’articolo in cui non sostiene alcuna prova della crisi climatica

Conduttura in crescita

La crescente pipeline di sviluppatori che esplorano progetti eolici offshore nel New South Wales arriva anche se il paese deve ancora fissare il proprio obiettivo, come ha fatto Victoria.

Victoria ha annunciato nel 2022 l’ambizioso obiettivo di far sì che l’eolico offshore rappresenti il ​​20% del suo fabbisogno energetico entro la fine del decennio. L’obiettivo poi raddoppia a 4 GW entro il 2035 e 9 GW entro il 2040. Complessivamente, Victoria vede un potenziale per 13 GW di capacità eolica offshore entro il 2050, cinque volte l’attuale produzione rinnovabile dello stato.

L’obiettivo ha scatenato una corsa globale tra gli sviluppatori e lo stato del New South Wales dovrebbe seguire l’esempio di Victoria dopo aver commissionato un rapporto sul potenziale eolico offshore.

Mentre la forza del vento potrebbe non essere buona come Gippsland, il New South Wales ha diversi vantaggi significativi. È lo stato più popoloso dell’Australia e le centrali elettriche a combustibili fossili in pensione significano che il New South Wales ha un disperato bisogno di nuova capacità di generazione.

La preoccupazione per la capacità di generazione è aumentata durante l’ondata di caldo della scorsa settimana, quando un operatore del mercato energetico ha avvertito di riserve insufficienti, il tutto mentre uno dei più grandi generatori di carbone della nazione stava per andare in pensione.

La preoccupazione per la capacità di generazione del NSW significa che la maggior parte dei commercianti si aspetta che il prossimo governo dello stato dovrà concludere un accordo con Origin Energy per mantenere aperta la centrale a carbone dopo il 2025.

READ  L'Italia approva i decreti per l'acquisizione di una partecipazione fino al 20% nella rete di Telecom Italia

Nel 2021 Victoria ha stretto un accordo segreto con EnergyAustralia per mantenere aperta la centrale elettrica a carbone di Yallourn da 1.480 megawatt fino al 2028 per consentire il tempo per la nuova generazione rinnovabile di entrare in funzione.

I dirigenti del settore hanno chiesto agli stati di stipulare i cosiddetti contratti di chiusura tra i timori di interruzioni di corrente e aumenti dei prezzi, anche se tali mosse sarebbero una sfida politica.

Tuttavia, il ritiro dell’energia dal carbone consentirebbe agli sviluppi eolici offshore di connettersi alle infrastrutture esistenti, precludendo la necessità di nuove linee di trasmissione a cui alcune comunità locali si oppongono.

Ci sono barriere notevoli nella regione di Hunter, che secondo alcuni potrebbero scoraggiare lo stesso livello di interesse visto in Gippsland. L’oceano è molto più profondo rispetto a Victoria, che è ampiamente considerata come la località eolica offshore più attraente in Australia.