Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nel film Equalizer 3, l’assassino di Denzel Washington si reca in Italia

Nel film Equalizer 3, l’assassino di Denzel Washington si reca in Italia

Il regista Antoine Fuqua sognava di prendere… Disegna per anni all’estero. Il franchise d’azione (che è vagamente basato sulla serie TV degli anni ’80) vede Denzel Washington nei panni del riluttante assassino Robert McCall, che ha messo radici in umili origini locali a Boston. Eppure Due film e 382,7 milioni di dollari di incassi al botteghino negli ultimi dieci anni, sembrava che fosse giunto il momento di viaggiare.

“Denzel è una star del cinema internazionale”, ha detto Fuqua all’Associated Press. “Abbiamo pensato che sarebbe stato bello vedere un uomo di colore in una storia più globale. Perché non portare questo personaggio in tutto il mondo? Fortunatamente a Sony l’idea è piaciuta.”

E c’era solo un posto che figurava seriamente nella lista: l’Italia. Fuqua ha detto che Washington ci va ogni estate da quando i suoi figli erano neonati. Ama la cultura, le persone e il cibo. Parla anche un po’ di italiano.

“Sembra lì”, ha detto Fuqua.

Per Fuqua, è stato un sogno da regista girare agli Studios di Cinecittà a Roma e imbattersi nella storia del cinema mentre camminava, dove Fellini e tanti altri grandi lo avevano preceduto. A Napoli, hanno trovato l’autentica grinta newyorkese degli anni ’70 che richiedeva poca scenografia per uno scontro cruciale. Sulla Costiera Amalfitana, hanno trovato il piccolo villaggio che lei e la fantasia di McCall avevano sempre sognato, nella pittoresca regione di Atrani.

È un luogo in cui penseresti che qualcuno come McCall (o chiunque altro, in realtà) si sentirebbe immediatamente connesso e protetto, che è ciò che accade in “Equalizer 3”, che sarà presentato in anteprima nelle sale nazionali venerdì. La differenza è che McCall è particolarmente più adatto ad affrontare la camorra. Da solo, ovviamente.

READ  Chi è il drago che è rinato nella "ruota del tempo"?

“Quando siamo andati in quella piccola città, sapevamo che questo era il posto giusto”, ha detto Fuqua. “La gente era così adorabile, ci sedevamo e ci portavano caffè ed espresso. Non lo chiedevamo nemmeno. O un grosso limone gigante perché faceva così caldo. Ti innamori della gente in un città come questa.”

L’unica lamentela, che in realtà non è una lamentela, riguardava i gradini. Uno dei gioielli di Atrani è una chiesa medievale situata sul fianco della montagna sopra la spiaggia che hanno deciso sarebbe stata perfetta per un’importante scena tra McCall e l’analista della CIA Dakota Fanning. Ma l’unico modo per arrivarci è salire più di 700 gradini. Non è stato un viaggio divertente con tutta l’attrezzatura necessaria per girare una scena, ma è stato un buon promemoria dell’obiettivo di Fuqua e del suo direttore della fotografia, il tre volte premio Oscar Robert Richardson. Volevano mostrare un luogo reale, non una meta di vacanza.

“Non è un diario di viaggio”, ha detto Fuqua. “Il Mediterraneo è bellissimo, ma per la gente che ci vive, questa è la vita vera. Il pescatore vive di ciò che pesca. Vivono in piccole case. Salgono quei gradini ogni giorno.”

Il film riunisce un team con decenni di storia, tra cui i produttori Todd Black e Jason Blumenthal. Oltre ai film “Equalizer”, Fuqua ha diretto Washington in “Training Day”, che gli è valso il suo primo Oscar come attore protagonista, nonché nel remake di “I magnifici sette”.

Black ha prodotto tutti i film diretti da Washington e molti altri. È stato Washington a presentare Black e Fuqua al primo film “Equalizer”, che tutti presumevano sarebbe stato solo un film, non una serie di film.

READ  Mentre The Brattle riapre al pubblico, diamo il benvenuto a Cinema Week, 'Too Late' e 'Orphans'

“Non puoi pensare a franchise o premi quando giri un film. Se stai facendo un film per vincere un premio, o anche per ottenere una nomination, o per ottenere un franchise, probabilmente sei morto.” nell’acqua”, ha detto Black. “Non al 100 per cento.” “Tutto il tempo, ma non dovresti pensare in questo modo.”

Invece, hanno preso ogni sceneggiatura una alla volta e “hanno lasciato che fosse il pubblico a decidere”. Il pubblico sembrava amare vedere Washington nel ruolo di McCall più di una volta. Il primo e il secondo film hanno incassato più di 190 milioni di dollari ciascuno contro un budget di produzione di soli 65 milioni di dollari, e la Sony era interessata a un terzo film. Ha anche aiutato il fatto che Black e Fuqua siano diventati amici, con la fiducia inestimabile che ne deriva. Entrambi sanno che nei loro film tutto sarà sicuro e controllato, sia che si tratti di affrontare l’imprevedibile atteggiamento dei fan della loro star o di assicurarsi che le riprese notturne a Napoli non siano troppo pericolose.

“Non abbiamo mai avuto incidenti nei nostri film perché siamo molto vigili”, ha detto Black. “E Antoine è davvero protettivo nei confronti degli attori.”

Ora, Black e Fuqua si trovano nell’insolita posizione di dover essere le voci principali che promuovono “Equalizer 3” piuttosto che le star del cinema, che sono al fianco degli scrittori di Hollywood. Nel profondo del lungo sciopero. Ma mentre alcuni film usciti senza l’aiuto dei racconti notturni di una star e delle apparizioni sul tappeto rosso hanno vacillato al botteghino nell’ultimo mese, Black si sente fiducioso su “Equalizer 3”.

READ  Leggi la sceneggiatura del film Pixar di Jesse Andrews e Mike Jones – Deadline

“Ho altri film in arrivo che hanno sicuramente bisogno di attori per promuoverli, ma tutti sanno che Denzel Washington è il pareggiatore”, ha detto Black. “Siamo molto, molto fiduciosi. Grazie Antoine per aver prodotto un film fantastico che finora ha avuto successo e è stato amato dal pubblico. Stiamo andando davvero bene.”

Entrambi spesso sentono la mancanza di Washington al loro fianco nel tour stampa. Black ha detto che la star 68enne ora è “più morbida” di quanto lo fosse anni fa, ed è divertente fare pubblicità con lui. Fuqua ha anche notato che McCall in “Equalizer 3” potrebbe riflettere un po’ anche il posto di Washington nella sua vita. Sono entrambi un po’ più calmi e più pazienti.

“Chiamava me e Todd alle 4 del mattino per guardare l’alba”, ha detto Fuqua. “Questo non è mai stato Denzel prima. È bello vederlo fermarsi e apprezzare davvero la vita.