Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Michelle di JPMorgan afferma che la stagnazione ha “prezzato” le obbligazioni

(Bloomberg) — Bob Michel, un veterano del mercato obbligazionario da oltre quattro decenni, prevede una probabilità del 75% di una recessione negli Stati Uniti nei prossimi 18 mesi, ma pensa che sia costoso.

“I clienti stanno tornando sul mercato obbligazionario, in particolare sulle obbligazioni societarie”, ha dichiarato venerdì Michelle, chief investment officer di JPMorgan Asset Management, alla “Wall Street Week” di Bloomberg TV. “Questo perché hanno rinnovato la fiducia nelle banche centrali”.

Le banche centrali di tutto il mondo stanno aumentando in modo aggressivo i tassi di interesse nel tentativo di domare l’inflazione ostinata, cercando al contempo di evitare di spingere le economie in recessione. La Banca centrale europea ha alzato i tassi di interesse questa settimana per la prima volta in oltre un decennio. Un’indagine Bloomberg su 44 economisti condotta tra il 15 e il 20 luglio ha rilevato le aspettative che la Federal Reserve aumenterà nuovamente di 75 punti base la prossima settimana, per poi rallentare a 50 punti base a settembre.

Con una previsione di recessione al 75%, Michelle ha affermato che il mercato ora sta “prezzando in qualche modo dove pensano che la Fed dovrebbe andare. E la Fed si allinea con questo. Stiamo parlando del tasso dei fondi federali intorno al 3,5%”. dell’anno.”

Il mercato azionario, che ha registrato la sua migliore settimana in un mese, non è completamente prezzato per la crisi del prossimo anno, ha detto a Bloomberg TV Erin Brown, portfolio manager per la strategia multi-asset presso Pacific Investment Management. “Il mercato sta fissando i prezzi base per una crescita stagnante”, ha affermato. “Penso che sarebbe una crescita negativa”.

READ  AutoMatters & More: L'Agenzia per il Commercio Estero a SEMA e AAPEX 2021

Nonostante abbia chiuso la settimana più forte e abbia ridotto il mercato quest’anno a circa il 17%, venerdì le azioni sono scese poiché i risultati deludenti delle società di social media e dati economici deboli si sono aggiunti ai timori di recessione.

“Guarda, si trattava di guadagnare stagione”, ha detto Brown. “Davvero quello che senti molte aziende in questo momento è che il consumatore si sta indebolendo, ma stai anche iniziando a vedere indebolirsi anche la fiducia delle imprese”.

Confermando i timori di un rallentamento, i Treasury hanno esteso il loro anticipo, spingendo il rendimento a 10 anni a circa il 2,7%, mentre l’attività commerciale mondiale è peggiorata a luglio, secondo un sondaggio di S&P Global.

L’inflazione persistente continuerà a manifestarsi negli utili del secondo trimestre, ha detto Brown, “ma la novità è che stai iniziando a vedere aumentare anche i costi di finanziamento”.

Entrambe le parti hanno concordato sulle prospettive a breve termine per l’Europa, affermando che l’inflazione rimarrebbe probabilmente strutturalmente elevata e che l’UE continuerà a lottare con l’aumento dei costi energetici a causa della guerra della Russia contro l’Ucraina.

La BCE farà il possibile per rallentare i consumi, anche se “la BCE può solo aumentare i tassi di interesse fino a quel punto, forse 1,5, 1,75%, questo è tutto quello che c’è da fare”, ha detto Michel.

“Alla fine ci piace il debito sovrano lì, ma ci piace la Germania”, ha detto. “Non siamo necessariamente venduti in Italia”.

Brown e Michel differivano dalle aspettative per il dollaro, che è sceso questa settimana dopo aver toccato un minimo storico la scorsa settimana.

Mentre Brown ha detto che si aspetta che il dollaro continui ad apprezzarsi, Michelle ha detto che il biglietto verde è “andato il più lontano possibile”.

READ  WorldSBK

© Bloomberg LP 2022