Marzo 4, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Massimo Bottura e Lara Gilmore parlano del ripensamento dell’ospitalità italiana e di un nuovo libro di cucina che sfida il genere

Massimo Bottura e Lara Gilmore parlano del ripensamento dell’ospitalità italiana e di un nuovo libro di cucina che sfida il genere

“Casa Maria Luigia è una casa e un albergo… è allo stesso tempo immaginario e reale”, ha scritto Lara Gilmore in Slow Food, Macchine Veloci: Casa Maria Luigia – Storie e Ricette, il nuovo libro scritto insieme allo Chef Massimo Bottura, suo compagno di vita e di buona tavola. Insieme hanno creato ristoranti meravigliosi come l’Osteria Francescana, tre stelle Michelin. Ma Gilmore ha iniziato la sua carriera scrivendo di arte, e Cibo lento, macchine veloci (in partenza da Phaidon il 6 dicembre) combina una serie di generi, dal libro di cucina alla raccolta di saggi, al catalogo della mostra e oltre.

Il libro è anche una meditazione puntuale, poiché Gilmour traccia l’evoluzione di una villa di campagna abbandonata in Emilia-Romagna in un idilliaco bed and breakfast dove alcuni dei migliori chef del mondo esercitano la loro arte, pieno di Ducati e Ferrari, e di arte contemporanea del artisti del calibro di Ai Weiwei, Tracey Emin e Joseph Beuys. Casa Maria Luigia Ha accolto i suoi primi ospiti quattro anni fa, ricchi di azione; Da allora, ha visto una pandemia globale, una disastrosa tempesta locale e l’apertura di due nuovi ristoranti in loco (un avamposto di Osteria Francescana e Al Gatto Verde, incentrato sulla cucina cotta a legna). Ora, Gilmore e Bottura rendono omaggio alla loro vasta tenuta fuori Modena.

Foto: Michael Gardenia

Foto: Michael Gardenia

Qui, La rivista Vogue Parla con gli autori (incluso un tour FaceTime della Casa per gentile concessione di Gilmore) e con il capo chef di Casa Maria Luigia, Jessica Rosvall, del ripensamento dell’ospitalità, della creazione di personaggi da famose opere d’arte e piatti d’autore, e del perché la passione nasce sempre dall’ossessione.

READ  Eurovision 2022: quando inizia e come posso guardarlo?

La rivista Vogue: All’inizio Cibo lento, macchine velociLara, scrive: “L’Emilia rurale è un paesaggio di case coloniche in mattoni che resistono al tempo”. Stai parlando della scoperta inaspettata di una proprietà che sembrava, come hai detto tu, “come una pesca ammaccata”. Mi sono subito innamorato di quella pesca ammaccata. Puoi raccontarci un po’ la tua esperienza nelle campagne locali e perché la struttura ti ha parlato così tanto?

Lara Gilmore: Questo non era un progetto iniziato con un foglio Excel. Tutto è iniziato con una reazione emotiva a un luogo e alle possibilità che lì vedevamo e con la mia personale scoperta della campagna emiliana. Vivo a Modena da venticinque anni, ma mi sono reso conto, quando abbiamo aperto Casa Maria Luigia, che non sapevo nulla della campagna a dieci chilometri da casa mia. Ho visto che ha stimolato Massimo e gli ha fornito un senso di libertà e possibilità completamente diverso: lui pota le rose, io coltivo un orto. Quando Jessica è diventata capocuoca e abbiamo parlato del forno a legna, ho visto illuminarsi anche i suoi occhi. Io e lei siamo entrambe donne nordamericane, quindi abbiamo portato quell’elemento anche nella campagna modenese.