Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mario Draghi in procinto di diventare Macron 2.0: “L’ultima cosa di cui l’Italia ha bisogno!” | Il mondo | notizia

Non solo il primo ministro italiano Mario Draghi ha sentito forte e chiaro a Parigi e Berlino, ma sta anche fissando l’agenda mentre l’Unione europea cerca di uscire dalla pandemia di coronavirus. “L’Italia è sempre stata vista come un delinquente minorile nell’Unione europea, e ora è il modello europeo”, ha detto al Financial Times Jana Bojlerin, un senior policy fellow del Consiglio europeo per le relazioni estere. La BCE presenterà i piani dell’Italia di spendere 190 miliardi di euro (165 miliardi di sterline) in prestiti e sovvenzioni dell’UE insieme a una serie di riforme strutturali ritenute cruciali per la piena credibilità degli sforzi di ripresa in Europa dopo Covid.

Draghi ha anche annunciato che l’Italia avrebbe dovuto affrontare il più grande deficit di bilancio dall’inizio degli anni ’90 e ha deciso di aumentare l’indebitamento prima che il Fondo monetario internazionale chiedesse a tutti i paesi dell’Unione europea di fare lo stesso.

I mercati finanziari, che sono spesso preoccupati per l’entità del debito pubblico italiano, al momento rimangono disinteressati – un segno di fiducia nel nuovo premier.

Inoltre, secondo i diplomatici di entrambi i paesi, il rapporto precedentemente spinoso tra Roma e Parigi è sbocciato all’improvviso.

Draghi chiama regolarmente Macron, inclusa una la scorsa settimana, per discutere della pandemia e di altre questioni strategiche.

Tuttavia, Thomas Fazi, giornalista e scrittore, ha recentemente affermato che Draghi è in realtà “l’ultima cosa di cui l’Italia ha bisogno” e che è sulla buona strada per diventare “Macron 2.0”.

Il Sig. Fazi ritiene che l’idea che i problemi dell’Italia risiedano principalmente nella sua mancanza di riforme liberali e che intraprendendo le suddette riforme il paese possa finalmente rimettersi sulla via della crescita sia un’antica metafora.

READ  Il punto di vista del Guardian sul calo dei tassi di natalità: potrebbero esserci problemi in futuro | Editoriale

Sfortunatamente, ha detto, non è affatto supportato dai dati.

Ha scritto: “In effetti, dall’inizio degli anni ’90, come documenta questo ultimo studio, l’Italia ha introdotto una pletora di riforme di liberalizzazione che vanno dalle riforme del governo societario volte a rendere più competitivo il controllo delle imprese, alla privatizzazione delle banche e delle principali società statali, così come le riforme che migliorano la flessibilità del mercato del lavoro e aumentano la concorrenza nel mercato dei prodotti.

“In effetti, i dati mostrano che l’Italia ha introdotto riforme liberali più intensamente della maggior parte degli altri paesi, e soprattutto dal 1992 in poi, più della Germania, soprattutto della Francia”.

“Solo nell’ultimo decennio, il rating di“ facilità di fare impresa ”in Italia, secondo la Banca Mondiale, è balzato dal 78 ° al 58 °, con un miglioramento di 20 punti, senza impatti evidenti sulla crescita.

“In effetti, semmai, l’introduzione di queste riforme ha coinciso con l’inizio della recessione economica italiana”.

Solo in: Jeff Bezos può “ritirare” la criptovaluta di Amazon

Il signor Fazi ha affermato che questa non era una coincidenza: ora è stato documentato empiricamente che la decennale crisi italiana dovrebbe essere vista come la crisi del “sistema del capitalismo italiano post-Maastricht, basato su privatizzazioni, austerità fiscale, pressione salariale. e radicalizzazione. Liberalizzazione del mercato del lavoro, che è l’essenza di un regolamento. Macroeconomia dell’Unione monetaria europea “.

Ha aggiunto: “È interessante notare che, come ho spiegato in questo articolo, uno dei principali sponsor di questo” sistema riformista “, dall’inizio degli anni ’90, è stato nientemeno che lo stesso Draghi.

READ  Il produttore italiano di pianoforti vede l'artigianato in pericolo

“Quindi l’ultima cosa di cui l’Italia ha bisogno sono altre riforme che uccidono la crescita che hanno messo l’Italia in questo pasticcio in primo luogo”.

Ha concluso nel suo rapporto per Brave New Europe: “In generale, Draghi è sulla buona strada per diventare Macron 2.0: al momento della sua elezione, il leader francese è stato elogiato dai media mainstream come un riformatore modernista e pro-Unione europea. Inoltre, oggi ha uno dei tassi di approvazione più bassi d’Europa.

“Puoi coprire la realtà quanto vuoi, ma prima o poi si riprenderà.”

Si prevede che Draghi eserciterà maggiori pressioni sull’unione fiscale, soprattutto considerando il suo tempo alla Banca centrale europea.

non perdere:
La regina ha parlato delle responsabilità di essere capo di stato [REVEALED]
Bercow ha speso 31.000 sterline di denaro dei contribuenti per ristrutturare appartamenti [INSIGHT]
Kate Howe ha definito l’accordo Brexit di Boris Johnson un “tradimento” del Regno Unito [ANALYSIS]

Nel 2012, al culmine della crisi della zona euro, Draghi ha effettivamente detto ai leader della zona euro che avrebbero dovuto accettare un ulteriore trasferimento di poteri.

Durante una riunione del consiglio di amministrazione della banca centrale dell’eurozona, Draghi ha chiarito che i governi devono attenersi a bilanci più ristretti riformando i mercati del lavoro, aumentando la concorrenza e riequilibrando l’occupazione nei confronti dei giovani.

Ha detto: “Capisco la rabbia dei giovani, dei poveri e dei disoccupati.

“Lo capisco molto bene.

“La risposta che noi politici possiamo fornire è che le politiche proposte o attuate sono le politiche che siamo convinti siano le politiche giuste.

Anche come parte della sua visione di un “patto di crescita”, Draghi ha sostenuto gli appelli per aumentare le risorse della BEI e ha affermato che i fondi dell’UE devono essere “reindirizzati” alle regioni a basso reddito.

READ  Il ristorante italiano chiude dopo 46 anni di attività perché non trova dipendenti

Ha aggiunto: “Ma, terzo e più importante, dobbiamo impostare collettivamente un percorso per l’euro. Come ci vediamo tra 10 anni … Vogliamo un’unione fiscale?”

“Dobbiamo accettare che la sovranità finanziaria sia delegata dal patriottismo a una qualche forma di centralizzazione [government]. “

Nonostante i commenti di Draghi, i leader della zona euro non hanno mai promulgato la creazione di un’unione fiscale a tutti gli effetti.

Tuttavia, a ottobre, il ministro delle finanze tedesco Olaf Schultz ha affermato che Bruxelles sta facendo un passo verso l’unione fiscale con i suoi piani per riprendersi dalla pandemia di coronavirus, che coinvolge i prestiti della Commissione europea nei mercati finanziari.

“Ci stiamo muovendo verso l’unione fiscale, che è un grande passo avanti nella capacità fiscale e nella sovranità dell’UE”, ha detto Schulz in una conferenza interparlamentare sulla stabilità, il coordinamento economico e la governance a Bruxelles.

Per sostenere l’economia del blocco, l’Unione Europea ha annunciato un fondo di recupero da 750 miliardi di euro (678 miliardi di sterline).

“I mercati hanno fiducia nelle politiche europee e nello sviluppo delle economie europee”, ha aggiunto.

“Dobbiamo continuare questo ciclo”.