Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Unione Europea consiglia di aprirsi agli americani per salvare l’estate

BRUXELLES – Nella speranza che l’Europa abbia voltato pagina sulla sua situazione pandemica, l’Unione Europea venerdì ha esortato i suoi Stati membri ad aprire le porte ai turisti americani, dopo oltre un anno di rigide restrizioni e una stagnazione economica.

Si prevede che la maggior parte dei paesi apra immediatamente le porte agli americani, se non lo hanno già fatto, tra cui Germania, Francia, Italia, Spagna, Portogallo e Grecia, tra gli altri. Per le potenze turistiche europee, in particolare, la sentenza ha fornito un sollievo tanto atteso in quanto potrebbero iniziare a compensare le perdite economiche dovute alla pandemia con l’arrivo del clima estivo.

“Abbiamo molti ospiti americani e siamo rimasti davvero in contatto con loro riguardo alla pandemia”, ha detto Richard Fischer, 37 anni, direttore generale del Circus Hotel nel cuore di Berlino. “Non vedono davvero l’ora di venire e non vediamo l’ora di averli!”

Il recente aumento del numero di casi in Europa che coinvolgono varianti del coronavirus ha sollevato una certa cautela sull’azione dell’UE e richiede una vigilanza continua. Ma dopo una prima lotta per garantire i vaccini per molti europei, i miglioramenti nella vaccinazione e il numero di casi che consentono l’apertura sono segnali importanti che il blocco europeo può ancora fornire ai suoi membri in tempi di difficoltà – un importante momento di coesione sulla scia della Brexit .

La decisione è stata presa venerdì dai ministri dell’economia europei, che hanno accettato di aggiungere gli Stati Uniti alla lista dei Paesi considerati sicuri dal punto di vista epidemiologico. Ciò significa che i viaggiatori di quei paesi dovrebbero essere liberi di entrare nel blocco anche se non sono completamente vaccinati, sulla base di un test della reazione a catena della polimerasi (PCR) che non mostra alcuna infezione attiva con il coronavirus.

Ma l’UE non può obbligare gli Stati membri ad aprirsi ai visitatori americani. Ogni paese è libero di mantenere o imporre restrizioni più severe, compresi gli obblighi di quarantena all’arrivo o di sottoporsi a una serie di test aggiuntivi.

L’apertura è anche, per ora, solo a senso unico: agli europei è ancora vietato l’ingresso negli Stati Uniti per viaggi non essenziali anche se sono completamente vaccinati, dopo il divieto generale di viaggio annunciato dal presidente Donald J. Trump nel marzo 2020, e prorogato a gennaio dal presidente Biden.

Paesi come la Grecia e la Spagna, che dipendono molto dal turismo, si sono già mossi nelle ultime settimane per riaprire le porte ai turisti extracomunitari, compresi gli Stati Uniti. Le prime mosse sono state criticate dalla Commissione europea, il ramo esecutivo del blocco.

In attesa della sentenza, mercoledì la Francia ha iniziato a spianare la strada a più visitatori, affermando di aver posto fine al mandato di indossare maschere all’aperto e di aver revocato il coprifuoco notturno. Il risultato è stato un patriottico sospiro di sollievo che la vita del caffè potesse tornare completamente. Giovedì la Francia ha inserito Stati Uniti e Canada nella sua categoria di paesi “verdi”, aprendo le porte ai turisti.

READ  La migliore pizza da asporto a Bournemouth | Eco di Bournemouth

Ma non era una buona notizia in tutta Europa.

La variante delta del coronavirus sta sollevando serie preoccupazioni in alcuni paesi, tra cui la Gran Bretagna, dove un picco di casi di questo tipo ha spinto il paese lunedì a ritardare di un mese la tanto attesa riapertura dichiarata “Giornata della libertà”.

Il Portogallo ha riaperto l’accesso ai visitatori dagli Stati Uniti martedì, ma ciò ha coinciso con un aumento delle infezioni e il numero giornaliero più alto di nuovi casi da marzo. Venerdì è stata annunciata una chiusura per il fine settimana nell’area metropolitana di Lisbona, per contenere il numero crescente di casi.

La scorsa estate, i viaggi aperti tra i paesi europei sono stati accusati di un aumento del numero di casi mortali. Ma più della metà della popolazione dell’UE ha ora ricevuto almeno un’iniezione di vaccino, creando condizioni migliori per l’apertura delle economie e il ripristino della libertà di viaggio. Tuttavia, permangono preoccupazioni sull’apertura con la diffusione di nuove specie altamente contagiose.

“Viaggiare di nuovo tra i continenti è positivo, ma non è privo di rischi”, ha affermato Marc van Ranst, un importante virologo in Belgio e consigliere del governo. “La perdita delle restrizioni agli spostamenti durante il periodo estivo porterà inevitabilmente alla diffusione della variante delta, anche nei Paesi dove non è stata ancora istituita”.

Il dottor Van Ranst ha affermato di non aspettarsi un aumento significativo delle infezioni come quello verificatosi lo scorso autunno, ma ha insistito sull’importanza di una seconda dose del vaccino per fornire una protezione adeguata.

Anche all’inizio di questa prossima fase di riapertura, il blocco europeo ha mantenuto il cosiddetto freno di emergenza, uno strumento legale che gli consente di imporre rapidamente più restrizioni.

Per alcuni paesi dell’Europa meridionale, che avevano un disperato bisogno di un afflusso di entrate turistiche, la decisione di aprirsi agli americani non poteva aspettare. Molti altri hanno detto che l’apertura ufficiale avverrà tra pochi giorni.

Ad aprile, la Grecia ha effettivamente annullato l’obbligo di quarantena per tutti i residenti nell’UE, nonché per i viaggiatori provenienti da molti paesi terzi, inclusi Stati Uniti e Gran Bretagna, a condizione che avessero la prova della vaccinazione, si fossero ripresi dalla malattia o fossero risultati negativi al coronavirus.

L’Italia aprirà le sue porte da lunedì ai viaggiatori provenienti dai paesi dell’Unione Europea, dagli Stati Uniti, dal Canada e dal Giappone con criteri simili, hanno affermato le autorità sanitarie italiane. La Germania ha annunciato che consentirà l’ingresso a tutti gli americani dal 20 giugno, indipendentemente dal loro stato di vaccinazione.

READ  Manchester United, Liverpool e Barcellona sono tra i club che sono entrati a far parte della Premier League europea

Nella primavera del 2020, nel tentativo di frenare la diffusione del coronavirus, l’Unione europea ha in gran parte vietato l’accesso ai viaggiatori stranieri. C’erano alcune eccezioni per i paesi che soddisfacevano criteri specifici, inclusi bassi tassi di infezione, nonché condizioni generali come una risposta completa a Covid-19 e reciprocità per i paesi esterni nell’accogliere i visitatori europei.

Introducendo questi requisiti meno granulari, il blocco ha guadagnato più discrezionalità nella scelta dei paesi da includere nell’elenco. La Cina soddisfa criteri quantitativi, ad esempio, ma l’ingresso per i viaggiatori cinesi è subordinato alla reciprocità. Il requisito della reciprocità sembra essere caduto nel caso degli Stati Uniti.

La Commissione europea ha detto venerdì che “spera” che gli Stati Uniti alleggeriranno presto il divieto di viaggio.

Le politiche che limitano i movimenti su entrambe le sponde dell’Atlantico hanno separato per mesi famiglie e comunità, causato perdite per miliardi di dollari alle industrie del turismo e dell’aviazione e per lo più interrotto i viaggi commerciali attraverso l’Atlantico.

Celia Beilin, visiting fellow in politica estera presso il Centro degli Stati Uniti, ha affermato che molti europei che vivono e lavorano negli Stati Uniti non si sono recati in Europa perché una volta entrato in vigore l’embargo statunitense, si può impedire loro di tornare in America. L’Europa alla Brookings Institution.

La signora Bellin, una cittadina francese che vive a Washington, DC, ha dichiarato: “Tutta la mia famiglia è in Francia o in Belgio. Siamo completamente isolati qui. È stato straziante”.

Mentre i viaggi di piacere all’interno degli Stati Uniti sono quasi tornati ai livelli di un’epidemia, i viaggi commerciali e internazionali – due dei produttori di denaro del settore – hanno ancora molto da fare. Per mesi, le compagnie aeree hanno fatto pressioni affinché le autorità allentassero le restrizioni di viaggio tra gli Stati Uniti e l’Europa, una rotta particolarmente redditizia.

“Lo United è davvero entusiasta della graduale riapertura dell’UE ai nostri clienti e ai viaggiatori di tutto il mondo”, ha dichiarato questa settimana Patrick Coyle, vicepresidente dello United per le reti e le alleanze internazionali, in risposta alla decisione del Portogallo di accogliere i turisti americani.

Il gruppo Lufthansa, le cui compagnie aeree includono Lufthansa, Swiss and Austrian e Brussels Airlines, venerdì ha elogiato la decisione della Germania di allentare le restrizioni sugli americani.

“Gli Stati Uniti sono il mercato più importante del Gruppo Lufthansa al di fuori dei nostri mercati europei nazionali”, ha dichiarato in una nota Frank Knife, vicepresidente delle vendite passeggeri per le Americhe. “Siamo pronti a soddisfare la domanda di viaggi repressa degli americani che desiderano recarsi in Germania per un’esperienza di vacanza europea indimenticabile o che desiderano disperatamente visitare la famiglia e gli amici che non hanno potuto vedere di persona negli ultimi 15 mesi”.

READ  Nuova scintilla in Ferrari

Gli esperti affermano che la revoca delle restrizioni di viaggio tra i paesi più ricchi del mondo con alti tassi di vaccinazione evidenzia ulteriormente le forti disparità globali quando si tratta di accesso ai vaccini.

Thomas Kenyon, chief health officer di Project HOPE, un’organizzazione globale per la salute e il soccorso, ed ex direttore della salute globale presso i Centers for Disease Control and Prevention, ha affermato.

L’ulteriore apertura dell’Unione Europea arriva mentre si sta lavorando verso l’obiettivo del 1 luglio per un’ampia applicazione del sistema di certificazione Covid. Sedici Stati membri hanno iniziato a rilasciare e ad accettare il certificato all’inizio di giugno, prima del previsto.

La pressione economica per riaprire la porta ha colpito duramente le persone in molti luoghi.

Nadia Marchica, 53 anni, lavora in un hotel nel sud di Parigi che riaprirà solo a settembre. Ma ha detto che il ritorno dei turisti americani sarebbe una “cosa carina”. È una dei tanti lavoratori francesi a prendere un congedo retribuito e ora riceve quasi l’80% del suo stipendio mensile.

Di turisti americani, ha detto: “Per hotel, ristoranti, negozi – perché a loro piace comprare tutto francese – va bene per gli affari”.

Non tutti stavano esultando. In molti luoghi, i residenti hanno descritto di aver trovato un rapporto meno teso con le loro città senza la solita corsa dei turisti.

Crescenzo Greco, 26 anni, che vive a Milano, mercoledì ha visitato Roma per guardare una partita di calcio europea, e la mattina dopo si è divertito a vagare per la tranquilla Piazza Navona, Fontana di Trevi e Villa Borghese senza attraversare gli autobus che trasportavano orde di visitatori.

“Devo dire, senza i turisti americani”, ha detto, “Roma sarebbe stata molto più bella”.

Ma nel quartiere romano di Trastevere, i ristoratori sono stati sollevati nel sentire che gli americani sarebbero tornati.

“Grazie a Dio!” “Gli americani sono i più divertenti qui e non risparmiano”, ha detto Andrea Calderoni, proprietario de Il Ciak, adornato con le foto di Francis Ford Coppola e altre celebrità americane che hanno mangiato lì per decenni.

Contribuisci alla segnalazione Christopher F Schwitz da Berlino Nikki Kitsantonis di Atene, Raffaello Minder di Madrid, Emma Popola Da Roma, Neeraj Chukchi da San Diego e Aurelien Briden da Parigi.