Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’offerta di investimento russa diventa un esercizio per aumentare il morale

Il presidente russo Vladimir Putin ha organizzato l’annuale Russia Investment Conference a San Pietroburgo per mostrare le attività del paese e attirare investitori globali in Russia. Ma con la Russia impantanata in una crisi economica innescata dalle sanzioni occidentali, il forum di quest’anno sembra un esercizio per sollevare il morale.

Maxim Oreshkin, consigliere economico di Putin, ha detto giovedì in una tavola rotonda.

Altri erano più ottimisti. Un uomo d’affari legato al Cremlino, Konstantin Malofeyev, ha insistito sul fatto che “questo è il miglior anno economico per la Russia dal crollo dell’Unione Sovietica”.

Nonostante il fronte audace, la conferenza, che si svolgerà fino a sabato, è stata notevolmente più silenziosa rispetto agli affari precedenti. Quindi, gli oligarchi e le società statali hanno firmato importanti accordi commerciali e organizzato feste sontuose per una miriade di leader e politici del settore globale.

Quest’anno, i delegati occidentali ei loro alleati hanno ampiamente preso le distanze dall’intensificarsi delle tensioni internazionali durante la guerra in Ucraina.

“Ogni anno firmo qualcosa con gli italiani oi giapponesi o qualcun altro. Ora non c’è niente da firmare e nessuno da firmare”, ha detto uno dei pochi soggetti alle sanzioni occidentali.

Invece, gli organizzatori si sono rivolti ad alleati come la cinese Xi Jinping e l’egiziano Abdel Fattah el-Sisi per l’evento principale di venerdì. Ma entrambi manderebbero videomessaggi piuttosto che salire sul palco al fianco di Putin. Il leader russo parlerà insieme ai leader delle repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, le enclavi separatiste ucraine sostenute da Mosca.

READ  I mercati azionari europei inciampano sui timori di supporto Covid | Mercato azionario

Tra gli altri dignitari stranieri hanno partecipato i presidenti del Kazakistan e dell’Armenia, il primo ministro della Repubblica Centrafricana e funzionari di Cuba, Venezuela e Myanmar, nonché rappresentanti del movimento talebano afghano al potere.

I funzionari del Comitato economico principale giovedì non hanno menzionato l’Ucraina o la guerra, delineando invece i modi in cui la Russia potrebbe intervenire durante le ricadute economiche.

Le sanzioni occidentali hanno interrotto l’accesso della maggior parte delle società russe ai mercati dei capitali, danneggiato le catene di approvvigionamento delle importazioni, spinto l’emigrazione di società straniere dal paese e costretto il governo a limitare l’accesso dei russi alla valuta forte.

Intervenendo alla sessione economica principale di giovedì, il governatore della Banca centrale Elvira Nabiullina ha avvertito che “le condizioni esterne sono cambiate da molto tempo, se non per sempre”, invitando le aziende ad abbandonare il loro approccio incentrato sull’esportazione e concentrarsi sul mercato interno.

Il presidente della Banca centrale russa Elvira Nabiullina ha esortato le aziende ad abbandonare il loro approccio incentrato sull’esportazione e a concentrarsi sul mercato interno © Olga Maltseva / AFP / Getty Images

Nel frattempo, gli oligarchi russi sono riluttanti a criticare l’invasione di Putin per paura di ritorsioni interne e mantengono un basso profilo. Alcuni sono rimasti completamente alla larga, incluso il magnate dell’industria sanzionato Oleg Deripaska, che la scorsa settimana ha pubblicato un video online di un frutteto di ciliegi e ha scritto che “è ora di raccogliere il raccolto”.

Altri hanno cercato di partecipare al forum in incognito e hanno chiesto agli organizzatori di non stampare i loro nomi sui badge.

“Non ci sono molte persone, quel numero è significativamente più basso quest’anno. Tutti si riferiscono a tutti e chiedono: “Come sei sotto sanzioni?”, ha detto un dirigente di una delle principali società industriali russe. “È uno spettacolo triste”.

READ  Alexei Mordashov: l'uomo più ricco della Russia è ora bersaglio delle sanzioni Ue | super ricco

I dirigenti occidentali che hanno partecipato hanno affermato di essere preoccupati per il fatto che le sanzioni stessero danneggiando l’Occidente più della Russia incoraggiando i paesi del sud del mondo a fare affari con Mosca a condizioni migliori, anche se Stati Uniti ed Europa sono alle prese con l’aumento dell’inflazione mentre i prezzi dell’energia aumentano a causa di la guerra.

“Se stai perdendo un mercato di esportazione e pagherai il 30 percento in più per l’energia, e l’energia è la metà dei costi unitari di produzione del tuo prodotto, sai, fallirai”, ha detto un uomo d’affari occidentale al partecipanti al forum. “Il tuo concorrente cinese sta ottenendo uno sconto del 40% sull’energia. Questo è un cambiamento in termini di scambi”.

Altri hanno affermato di temere di lasciare i loro soldi alle spalle durante la corsa della compagnia per uscire dalla Russia nelle settimane successive all’invasione dell’Ucraina.

“Perché dovrei regalare un affare da un miliardo di dollari?” Vincenzo Trani, presidente della Camera di Commercio Italo-Russa, è intervenuto davanti a un panel mentre discuteva dei piani di UniCredit di disinvestire dalla controllata russa. “Questo è certamente nell’interesse dell’Italia?”

La Russia ha promesso di trovare nuovi partner internazionali anche se più aziende occidentali se ne andranno.

Sergei Chemezov, uno stretto collaboratore di Putin che guida il gruppo industriale statale a Rostec, ha dichiarato al quotidiano russo RBC: “Il tradimento dell’Occidente non è un motivo per chiudere porte e finestre. Andremo. [our] Le nostre vie separate sono con i sostenitori delle sanzioni, ma abbiamo partner in altre regioni del mondo che agiscono in modo coerente e basato sui principi”.

READ  Accordo Stellantis con Amazon per le auto connesse - Italiano

Malofeyev ha affermato che il dolore economico della Russia dovuto alle sanzioni occidentali è stato controbilanciato dai loro effetti sull’Occidente.

“Le aziende e i paesi occidentali stanno soffrendo per i prezzi elevati dell’energia”, ha affermato. “Le aziende russe stanno vincendo perché stanno conquistando aree di mercato che non avrebbero mai potuto sognare”, ha aggiunto. «L’unica vergogna [officials] Ho aspettato che l’Occidente lo riducesse piuttosto che farlo prima da solo”.

Tuttavia, non tutti i delegati stranieri condividevano la fiducia della Russia, con un importante uomo d’affari occidentale che ha affermato: “Quanto sei stato convincente quando hai sostituito le più grandi società globali con una delegazione talebana?”

Ulteriore segnalazione di Polina Ivanova a Londra