Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia è la regina della diplomazia mondiale in difesa dei valori culturali ed economici del vino

L’Italia è la regina della diplomazia mondiale in difesa dei valori culturali ed economici del vino

Il vino in Italia è un settore produttivo che vale 13,8 miliardi di euro, ovvero il 10% del totale dell’industria agroalimentare, che comprende 241.000 cantine e 33.000 aziende vitivinicole, con un export che vale 7,8 miliardi di euro. Ma è anche, o soprattutto, storia, cultura, ricchezza estesa e tutela del territorio. Per questo l’Italia può e deve essere una delle grandi potenze in prima linea per tutelare un prodotto che oggi è condizionato, per molti aspetti, dai cambiamenti sociali in atto ma anche da volontà politiche dal nuovo sapore proibizionista. in pericolo. Ecco perché, nel centenario della fondazione dell'Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino – OIV, presieduta dal professore italiano Luigi Moio, il ministro dell'Agricoltura, Francesco Lollobrigida, ha invitato colleghi e rappresentanti di 30 paesi del mondo. , che si riunirà al “Wine Ministerial Meeting” in Franciacorta, il 12 aprile, per poi dare il tono alla “Wine Opera” di Wine Spectator, il 13 aprile, e al Vinitaly, dal 14 al 17 aprile, a Verona, “dove mostreremo al mondo: la capacità dell'Italia Puntiamo sulla creazione di valore attorno al vino, le nostre eccellenze nel controllo di filiera, ma anche la nostra storia e la nostra cultura enologica, anche attraverso le opere d'arte che arriveranno dal Museo del Vino Torgiano della Famiglia Lungarotti , e la capacità di innovare attraverso mostre e spazi che possono essere visti e vissuti più di quanto si possa raccontare oggi.” Le parole dello stesso Francisco Lollobrigida, oggi, al Ministero dell'Agricoltura e della Sovranità alimentare, in Sala Cavour. “Un nome non casuale, il nome di questa sala, perché Cavour, appassionato e produttore di vino, volle nel creare l’Italia unita dotarla fin dall’inizio di un Ministero dell’Agricoltura, e quella sovranità alimentare, per noi, è “il diritto dei cittadini, che dovrebbero poter scegliere cosa produrre e cosa “mangiare”, ha detto Lollobrigida (nei prossimi giorni una videointervista realizzata dal Ministro oggi a WineNews, ndr), al tavolo con il presidente di Veronafieri , Federico Pricolo. E in comunicazione con il presidente dell'OIV Luigi Moio di Digione, il presidente dell'Ice Matteo Zupas e il famoso nutrizionista Giorgio Calabrese. E se torna quest'ultimo per sottolineare che “il vino, che è soprattutto acqua, è un il cibo liquido, consumato con moderazione, nell'ambito di una corretta alimentazione e di uno stile di vita sano, non solo non fa male, come alcuni sostengono. dell'Oiv Moio ha sottolineato che questo appuntamento, che riunisce in Italia i governi dei più importanti paesi del vino al mondo, arriva in un momento importante. “Abbiamo dichiarato il 2024 Anno Mondiale del Vigneto da vino, per valorizzare il settore dal punto di vista storico, scientifico e culturale. In questo contesto è nata la Prima Conferenza Interministeriale Internazionale sul Vino, un convegno che è stato molto voluto dal Ministro Lollobrigida, che ringrazio, e che riveste un'importanza significativa non solo per il suo valore simbolico, ma per la visione strategica della filiera globale. Il Presidente Luigi Moio ha confermato, “C'è grande preoccupazione in questo settore. È possibile che la società odierna evolva verso un modello scettico nei confronti del vino, a causa di cambiamenti nella percezione delle bevande alcoliche, con un cambiamento radicale nei consumi, con una quantità in forte diminuzione e nelle modalità, portando ad un forte calo dei consumi. Il settore ha bisogno di rassicurazioni, e il valore culturale che questa bevanda ha da secoli deve essere trasferito alle nuove generazioni. Il vino è una bevanda unica, si beve a piccoli sorsi con cibi che ne aumentano la Senza dimenticare che il vino è il risultato di un atto agricolo, lo collega direttamente alle zone di produzione: la viticoltura è protettrice delle regioni, tutte, tra l’altro, alle prese con una fase di turbolenza climatica. l’urgenza di rispondere con sicurezza e trasparenza.Desidero esprimere la mia profonda gratitudine al Ministro Lollobrigida per questa nomina, che apre le celebrazioni ufficiali del nostro centenario, che si concluderanno in ottobre a Digione, con il 45° Congresso dell’OIV, alla presenza dei Ministri da tutti i 50 paesi membri”.
Gratitudine è stata espressa anche al Ministro Lollobrigida per la sua presenza al Vinitaly “che mai è stata così forte e bella come quest'anno”. Federico Pricolo, Presidente di Veronafieri, “Grazie al grande lavoro svolto con l'Agenzia Ice, attraverso la quale abbiamo promosso Vinitaly in 15 Paesi target, saranno presenti 30.000 buyer provenienti da tutto il mondo”, ha sottolineato.
“Vinitaly è una fiera molto importante, i vini italiani sono leader del mercato all'estero, non c'è ristorante che non abbia almeno una bottiglia in carta, e questo grazie al grande lavoro svolto dai nostri imprenditori. Quasi 8 miliardi di esportazioni valgono molto di più del “Solo il valore economico. L'Ice Agency lavora a stretto contatto con tutta la filiera”. Matteo Zupas, Presidente dell’Ice, ha dichiarato: “Puntiamo a far progredire l’intero settore agroalimentare del made in Italy, a creare ulteriore sviluppo all’estero, a rafforzare la presenza nel mondo e a portare in Italia, pagati a nostre spese, buyer e manager delle principali catene di ristorazione e hotellerie , che può fare la differenza per tante piccole e medie imprese che magari hanno difficoltà ad andare nel mondo. Anche in questo senso stiamo lavorando molto con il Ministro e con il Presidente Pricolo, anche in vista del” Vinitaly USA” a Chicago nell'ottobre 2024.
Tirando le somme, a partire dal “Riunione Ministeriale del Vino”, che si terrà il 12 aprile in Franciacorta, il padrone di casa è stato Francesco Lollobrigida. “È un evento che vuole rendere il vino italiano più forte, più ricco e più generoso, perché promuovendo il vino promuoviamo un prodotto che fa bene se consumato con moderazione, come ci dice la scienza. Questa nazione nasce dall'intuizione politica di Cavour, amante del Barolo, il quale, oltre ad essere un politico, era agricoltore e si vantava di essere un produttore di vino, e volle creare un Ministero dell'Agricoltura nella nascita dell'Italia unita. . . “Produzione, trasformazione e promozione sono gli elementi che ci rendono forti”, ha affermato Lollobrigida. Grazie a Bricolo, che sta facendo un ottimo lavoro con Vinitaly, e grazie anche al lavoro di Agenzia Ice e Zoppas, abbiamo aperto mercati e opportunità di crescita che creano ricchezza, che non è sul tavolo, contrariamente a quanto alcuni pensano . Ciò di cui abbiamo bisogno oggi è “diplomazia del prodotto”, e l’Italia, per il vino, ospiterà il primo evento di questo livello, con 31 Paesi, che parlano lingue diverse, hanno religioni diverse, produzioni diverse, ma che si riuniscono attorno al vino per discutere una strategia. Per proteggere non solo la sua economia, ma anche la sua cultura e i suoi modelli di consumo che sono sotto attacco. Come dicevano Moyo e Calabrese, il vino non è solo alcol, è anche alcol, ma molto di più. La storia dice che non serve citare Socrate, non serve citare Rita Levi-Montalcini, che fu una grande appassionata di vino e visse fino a 103 anni. Il modello italiano, poi, è un modello di sicurezza, siamo noi che abbiamo più controlli, più tracciabilità e siamo visti come “qualità” nel mondo, un ambito in cui cerchiamo di vincere tutte le sfide.
Sottolineando questo evento, il Ministro Lollobrigida ha spiegato il motivo della scelta della Franciacorta: “Chiaramente ha giocato un ruolo la vicinanza con Verona e Venitale, che si raggiungono in un'ora, ma la Franciacorta è un'area a capacità italiana, perché a solo un'ora in pochi anni riesco a raggiungere la qualità, lavoro bene nella promozione e nella creazione di valore del vino, con altissime competenze nella ricerca, nella scienza e nella conservazione del territorio.Il 12 aprile in Franciacorta si parlerà di tanti temi, e un documento si scriverà con ricerche del centro, ma anche contrastando il vino e l'abuso di alcol, con interventi difensivi, a tutela del vino, ma anche “di attacco”, per spiegare le valenze benefiche del vino. E non confondiamo vino e farmaci nella discussione come fanno alcuni, perché non hanno nulla in comune. “Prima in questa occasione, e poi a Vinitaly, faremo sapere ai rappresentanti dei Paesi come le nostre imprese creano ricchezza e lavoro, ma anche sostenibilità ambientale e non solo”, ha affermato Lollobrigida. Ha poi aggiunto, a proposito della partecipazione del Ministero delle Politiche Agricole a Venitali: “L'anno scorso con il Ministro dei Beni Culturali, Gennaro Sangiuliano, abbiamo portato, per la prima volta, due eccezionali opere d'arte, Bacco Caravaggio e Bacco Guido Reni, e era la prima volta che si assisteva ad una presenza artistica così forte”. Al Vinitaly. Quest'anno avremo un padiglione diviso in due parti: una dedicata alla storia e all'innovazione, con opere provenienti dai maggiori musei italiani, come il Museo del Vino della famiglia Lungarotti a Torgiano, che racconta, dall'antico Egitto ai giorni nostri, la storia via del vino. Produzione e consumo di vino, ma anche dal Ministero, che possiede una delle biblioteche agricole più importanti al mondo, che racconta la storia dello studio attento e del miglioramento di cui l'agricoltura è stata testimone nel tempo. Poi c'è una sezione dedicata all'innovazione, e una sala multimediale con tre prospettive sul vino: la natura come artista per eccellenza, con il vino visto al microscopio che crea opere emozionanti e affascinanti; Poi il suolo, la terra, e come si è formata in epoca geologica, che è un aspetto essenziale per produrre del buon vino; I sensi, i gusti, gli odori e le emozioni vengono poi raccontati attraverso un film in 3D. E ancora una volta, il 15 aprile, celebreremo la Giornata del “Made in Italy”, dedicata a Leonardo da Vinci, mettendo in scena gli studenti degli istituti agrari e alberghieri italiani, che rappresentano il presente e il futuro dei settori essenziali del Paese .