Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le vignette cinesi prendono in giro i leader del G7 e l’Australia “bifronte”

La Cina ha mostrato il suo disprezzo per i leader del Gruppo dei Sette nazioni dopo che il gruppo si è unito alla richiesta di trasparenza da Pechino e ha spinto per una nuova indagine sulle origini della pandemia di coronavirus.

Tempi globali, il portavoce del Partito Comunista Cinese, ha promosso caricature che ridicolizzavano i leader del G7 e li ritraevano come animali diversi.

L’immagine è intitolata Ultimo G7È stato pubblicato dal fumettista cinese “Bantonglaoatang” sul sito di social network Weibo.

Tempi globali Ha affermato che domenica la vignetta è stata elogiata sui social media per “rivelare chiaramente e direttamente le cattive intenzioni dell’Occidente che cerca di imporre un blocco alla Cina”.

Relazionato: Il capo dell’OMS prende di mira la Cina

Relazionato: La nuova preoccupante mossa militare di Pechino

Il cartone è una parodia dell’Ultima Cena di Leonardo da Vinci e include immagini di nove animali che rappresentano Stati Uniti, Regno Unito, Italia, Canada, Giappone, Germania, Francia, Australia e India.

L’Australia è rappresentata da un canguro, gli Stati Uniti sono un’aquila calva, il Regno Unito è un leone, il Canada è rappresentato da un castoro, la Francia è un gallo, l’India è mostrata come un elefante, l’Italia è un lupo e viene mostrato il Giappone come shiba. Il cane inu e germany è rappresentato da un falco nero.

Altri elementi del cartone includono un dollaro USA stampato su un rotolo di carta igienica, una torta stampata con una mappa della Cina e un cane giapponese che versa liquido verde nelle tazze di tutti da un bollitore con sopra un simbolo di allarme radioattivo.

READ  Derek Chauvin potrebbe dover affrontare una condanna più lunga per l'omicidio di George Floyd dopo che un giudice americano ha stabilito che era `` particolarmente duro ''

“Con questo possiamo ancora governare il mondo”, recita una citazione dal cartone animato.

Tempi globali Afferma che diverse espressioni facciali e gesti indicano che ogni leader del G7 “ha la sua ascia per superare i complotti congiunti per sopprimere la Cina e sostenere l’egemonia occidentale”.

Relazionato: Il piano della Cina per danneggiare l’Australia deve affrontare un nuovo grande ostacolo

Il post citava il vlogger The Sharp Tongue Pumpkin che affermava che il ritratto dell’Australia evidenzia la natura “bifronte” del paese.

“Seduto accanto al cane un canguro, allungando la mano sinistra sulla banconota stampata negli Stati Uniti, mentre regge la borsa con la mano destra”, Tempi globali scritto,

“Il canguro simboleggia un’Australia bifronte che collabora attivamente con gli Stati Uniti nel contenere la Cina, ma è anche desiderosa di fare soldi dalla Cina, il suo più grande partner commerciale, secondo la ‘zucca dalla lingua tagliente'”.

Il post cita anche il blogger che afferma che le foto dell’American Eagle mostrano che il paese è “intrappolato nella sua crescente crisi del debito e nel conflitto etnico, ma punta ancora il dito contro la Cina”.

Continua affermando che l’agitazione della mano del lupo mostra la riluttanza dell’Italia a cooperare con gli Stati Uniti contro la Cina e che la bevanda verde che il Giappone sta versando è “l’acqua inquinata” che il paese intende rilasciare nell’Oceano Pacifico dalla devastata nucleare di Fukushima. pianta.

La pubblicazione affermava anche che il tedesco Black Hawk e il francese Dick sembravano più interessati ai propri problemi che alla “propaganda americana”.

Relazionato: Cina: Australia colpevole di ‘violazioni’

READ  Il regista della cerimonia di apertura, Kentaro Kobayashi, è stato licenziato

I cartoni vengono dopo Dichiarazione rilasciata a conclusione del vertice G7 in Cornovaglia Ha chiesto uno studio “tempestivo, trasparente, guidato da esperti e basato sulla scienza”, convocato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), per determinare come è iniziata la pandemia.

Il gruppo ha anche invitato la Cina a “rispettare i diritti umani e le libertà fondamentali”, riferendosi al trattamento riservato alla minoranza etnica uigura nello Xinjiang e a Hong Kong.

Un precedente studio dell’OMS sulle origini di Covid-19 è stato ostacolato dalla mancanza di cooperazione della Cina. Il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha affermato che la questione non è “sufficientemente ampia” e che sono necessarie “ulteriori indagini”.

Durante la conferenza stampa del presidente degli Stati Uniti Joe Biden al termine del vertice del G7, gli è stato chiesto cosa potrebbe fare la Cina per “ridurre le tensioni” con gli altri Paesi.

Credo che la Cina dovrebbe iniziare ad agire in modo più responsabile in termini di standard internazionali sui diritti umani e trasparenza. “La trasparenza è importante su tutta la linea”, ha affermato Biden.

“Non siamo stati in grado di raggiungere i laboratori per determinare se – e non sono giunto a una conclusione, perché la nostra comunità di intelligence non è ancora sicura – se questo sia o meno un risultato di mercato, un pipistrello che interagisce con gli animali (lui significava umani) … o se fosse un esperimento distorto in laboratorio.

“È importante saperlo.”