Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina critica la “cricca” del G7 per le sue critiche ai diritti umani, Hong Kong e Taiwan

La Cina ha denunciato la dichiarazione congiunta dei leader del Gruppo dei Sette che ha rimproverato Pechino su una serie di questioni, dai diritti umani a Taiwan.

I leader del G7 domenica hanno tenuto la Cina all’altezza del compito dei diritti umani nella regione a maggioranza musulmana dello Xinjiang, hanno invitato Hong Kong a mantenere un alto grado di autonomia e hanno sottolineato l’importanza della pace e della stabilità nello stretto di Taiwan: tutte questioni altamente sensibile a Pechino.

L’ambasciata cinese a Londra si è detta profondamente insoddisfatta e decisamente contraria ai riferimenti a Xinjiang, Hong Kong e Taiwan che hanno distorto i fatti e rivelato “le cattive intenzioni di alcuni paesi come gli Stati Uniti”.

Ha aggiunto che con la continua diffusione della pandemia di Covid-19 e il rallentamento dell’economia globale, la comunità internazionale aveva bisogno dell’unità e della cooperazione di tutti i paesi invece della politica di potere “oscillante” che ha seminato la divisione.

L’ambasciata ha affermato che la Cina è un paese amante della pace e cooperativo, ma ha anche una linea di fondo.

“Non dobbiamo interferire negli affari interni della Cina, la reputazione della Cina non deve essere calunniata e gli interessi della Cina non devono essere violati”, ha aggiunto.

“Difenderemo risolutamente la nostra sovranità nazionale, la sicurezza e gli interessi di sviluppo e combatteremo risolutamente contro ogni tipo di ingiustizia e abuso imposto alla Cina”.

faccia cinese

Il governo di Taiwan ha accolto con favore la dichiarazione del G7, affermando che l’isola rivendicata dalla Cina sarebbe una “forza per il bene” e continuerebbe a cercare un maggiore sostegno internazionale.

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha affermato che la dichiarazione di domenica del G7 è stata un importante passo avanti per il gruppo poiché i leader si sono radunati attorno alla necessità di “confrontarsi e competere” con la Cina in sfide che vanno dalla protezione della democrazia alla corsa tecnologica.

L'inquadratura ampia mostra le torri di guardia e un recinto di filo spinato intorno a un edificio.
I gruppi per i diritti umani affermano che i “centri di formazione professionale” cinesi per gli uiguri nello Xinjiang sono in realtà campi di lavoro. (

Reuters: Thomas Peter

)

L’ambasciata cinese ha affermato che il G7 dovrebbe fare di più per migliorare la cooperazione internazionale piuttosto che creare artificialmente scontri e attriti.

“Esortiamo gli Stati Uniti e gli altri membri del G7 a rispettare i fatti, comprendere la situazione, smettere di diffamare la Cina, smettere di interferire negli affari interni della Cina e smettere di danneggiare gli interessi della Cina”.

L’ambasciata ha anche affermato che il lavoro per indagare sulle origini della pandemia di COVID-19 non dovrebbe essere politicizzato, dopo che il Gruppo dei Sette nella stessa dichiarazione ha chiesto un’indagine completa e approfondita sulle origini del coronavirus in Cina.

L’ambasciata ha aggiunto che il gruppo congiunto di esperti sul virus tra la Cina e l’Organizzazione mondiale della sanità sta conducendo ricerche in modo indipendente e seguendo le procedure dell’Organizzazione mondiale della sanità.

“I politici negli Stati Uniti e in altri paesi ignorano i fatti e la scienza, mettono in discussione e negano apertamente i risultati del rapporto JEG e fanno accuse irragionevoli contro la Cina”, ha affermato l’ambasciata.

La NATO sottolinea il messaggio del G7 sulla Cina

I leader della NATO avrebbero dovuto descrivere per la prima volta la Cina come una minaccia alla sicurezza per l’alleanza occidentale durante un vertice post-G7 lunedì (ora locale).

Il vertice della NATO, descritto dal segretario generale Jens Stoltenberg come un “momento cruciale”, mira a mostrare al presidente degli Stati Uniti Joe Biden che l’alleanza rimane un supporto centrale per gli sforzi degli Stati Uniti per sostenere la pace e la democrazia in tutto il mondo, compresa la resistenza alla Cina e la sua ascesa Military Express.

“La Cina si sta avvicinando a noi. Li vediamo nel cyberspazio, vediamo la Cina in Africa, ma vediamo anche la Cina investire pesantemente nelle nostre infrastrutture critiche”, ha detto, riferendosi a porti e reti di telecomunicazioni.

I diplomatici hanno affermato che la dichiarazione di chiusura del vertice della NATO non descriverebbe la Cina come un avversario ma mostrerebbe preoccupazione, definendola una sfida “sistematica” alla sicurezza atlantica poiché si unisce alla Russia nelle esercitazioni militari, lancia attacchi informatici e rafforza rapidamente la sua marina.

Reuters

READ  Il mondo è scioccato dal comportamento spaventoso dell'aula di tribunale nella Bielorussia colpita dal caos