Luglio 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le Nazioni Unite affermano che l’India ha superato la Cina come il paese più grande del mondo e la sua popolazione è la sua risorsa più desiderabile.

Le Nazioni Unite affermano che l’India ha superato la Cina come il paese più grande del mondo e la sua popolazione è la sua risorsa più desiderabile.

“Siamo 1,4 miliardi di persone e tutti dovrebbero capire che la Cina è stata creata in un modo e l’India si svilupperà in modo diverso. Siamo una democrazia davvero grande e siamo anche molto disobbedienti”, scherza. “Chiedere a una città di specializzarsi nella produzione di calzini non funzionerà”.

L’Australia, uno dei maggiori paesi di immigrazione al mondo, è tra quelli che flirtano con l’India. I tre milioni di immigrati permanenti che sono arrivati ​​in Australia dal 2000 sono il motivo per cui la nostra popolazione è cresciuta, a differenza della maggior parte dell’Europa, Nord America, Giappone, Taiwan e Corea – e più di questi immigrati sono venuti dall’India che da qualsiasi altro paese.

Le nostre università si mettono in fila per offrire opportunità di laurea e post-laurea, spesso collaborando con istituzioni indiane per aiutare a convincere aspiranti genitori che studiare nella lontana Australia è una buona idea.

Funziona. Quest’anno, il numero di studenti indiani che arrivano in Australia potrebbe superare i cinesi, che tradizionalmente guidano il mercato studentesco internazionale. L’Australia offre anche percorsi di residenza per studenti indiani specializzati nelle competenze di cui abbiamo bisogno, in particolare in IT e sicurezza informatica.

Ciò non è privo di rischi: alcune università hanno vietato le domande di alcuni stati indiani dopo un’ondata di truffe da parte di aspiranti immigrati che volevano lavorare, non studiare. Ma la tendenza a lungo termine è chiara.

I nostri leader politici si concentrano.

Come qualsiasi altro paese che richiede capitale umano per stimolare la crescita, l’Australia ha interesse per lo sviluppo dell’India. L’India lo riconosce, mentre è turbata da alcune risposte all’annuncio delle Nazioni Unite sulla riorganizzazione della lista della popolazione di piombo.

READ  I funzionari di Bali stanno diventando duri su come i turisti si vestono e si comportano con nuove campagne pubblicitarie che insegnano l'etichetta

A Pechino, un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha affermato: “Dobbiamo guardare non solo alle dimensioni della popolazione, ma anche alla qualità della popolazione”. E in Germania, A.A Lo Spiegel Una vignetta mostrava un treno gremito delle ferrovie indiane che sorpassava un treno ad alta velocità battente bandiera cinese.

Srikanth Kondapalli, preside della School of International Studies della Jawaharlal Nehru University di Nuova Delhi, racconta i commenti da Pechino e l’animazione di Lo Spiegel Razzisti, ma riconosce anche che l’India potrebbe perdere il suo dividendo demografico. Dobbiamo fornire istruzione, lavoro e infrastrutture. I nostri leader politici si concentrano su questo.

“La Cina ha ricevuto molti finanziamenti dal mondo occidentale, compresi Giappone, Corea e Taiwan. Questo non è ancora successo con l’India”, dice. “È vero che negli ultimi 70 anni l’India ha lottato, ma l’Occidente ha non era interessato a un’India democratica. Era più interessato alla Cina autoritaria.

“Ora i dati demografici sono più accomodanti e penso che stiamo andando nella giusta direzione. Abbiamo un eccesso di giovani e una classe media in crescita, ma abbiamo anche bisogno di molte infrastrutture di base”.

L’anno scorso, il primo ministro indiano Narendra Modi ha annunciato un piano di 25 anni che copre il tempo che, secondo lui, l’India impiegherà per diventare un paese sviluppato.

C’è molta strada da fare. Il PIL pro capite dell’India è di circa 2.600 dollari, secondo il Fondo monetario internazionale, rispetto ai 13.700 dollari della Cina e ai 5.000 dollari dell’Indonesia, un altro paese che cerca di evitare di invecchiare prima di diventare ricco.

Vial Acharya della New York University ed ex vice governatore della Reserve Bank of India ritiene che l’India potrebbe diventare il “prossimo gioco in città” per le società multinazionali che cercano di coprire i rischi geopolitici. Osserva che i produttori internazionali come Apple si stanno diversificando fuori dalla Cina. Ma non è un affare fatto.

READ  Su Internet viene denunciato un atto "sconsiderato" di sicurezza aeroportuale

Il CEO di Apple, Tim Cook, ha incontrato il primo ministro indiano Narendra Modi a Nuova Delhi la scorsa settimana. Apple apre i suoi primi negozi al dettaglio e aumenta la produzione di iPhone in India. PM India

In un documento pubblicato dalla Brookings Institution il mese scorso, Acharya osserva che l’India ha sperimentato una “ripresa a forma di K” dall’inizio della pandemia di COVID-19 tre anni fa, con le aree rurali in ritardo rispetto alle città. E sebbene la crescita del PIL sia forte, secondo Acharya, è inferiore del 6% rispetto a quanto avrebbero dovuto essere le tendenze pre-pandemia.

Acharya ha la sua formula per il successo. Include l’aumento della quota dell’India nel commercio globale abbattendo i muri tariffari, riducendo il potere di mercato di India Inc. – i conglomerati che dominano l’industria – modernizzando la legge sui fallimenti dell’India, riducendo i deficit di bilancio e affrontando le lacune di competenze e istruzione.

Elenca anche i punti di forza dell’India che includono un forte interesse per l’imprenditorialità tra i migliori e più brillanti, un sistema bancario solido e un “impianto idraulico digitale” superiore.

“C’è molto in gioco, sia per l’India che per il mondo”, ha scritto Acharya. Sarebbe fantastico se l’India riuscisse a farlo bene nel prossimo decennio.