Aprile 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le corporazioni cinematografiche francesi e italiane si uniscono per sostenere gli attacchi americani al simposio di Venezia | Notizia

Le corporazioni cinematografiche francesi e italiane si uniscono per sostenere gli attacchi americani al simposio di Venezia |  Notizia

Con gli scioperi paralleli di WGA e SAG-AFTRA che continuano a ritmo sostenuto attraverso l’Atlantico, i principali sindacati dei cineasti in Francia e Italia si sono uniti per mostrare solidarietà e promuovere il diritto d’autore attraverso una “Dichiarazione congiunta dei cineasti” e hanno annunciato un simposio il 3 settembre a Venezia.

L’iniziativa è guidata dalle organizzazioni cinematografiche francesi ARP (Sindacato degli scrittori, registi e produttori) e dal Sindacato dei registi SRF, ideatore della Quinzaine des Réalisateurs.

Hanno scritto la lettera aperta originale alla Dichiarazione dei Cineasti a maggio, chiedendo il pieno copyright, un’equa redistribuzione delle royalties e una regolamentazione immediata dell’intelligenza artificiale, prima di ospitare un dibattito durante Cannes con Unifrance e l’Istituto francese.

La Dichiarazione dei Cineasti – Capitolo Secondo è in programma il 3 settembre alle 14 al Lido, questa volta insieme alle corporazioni italiane tra cui Writers Guild Italia (WGI), 100autori in rappresentanza di registi e sceneggiatori cinematografici e televisivi, e l’Associazione Nazionale Cineasti. Associazione Nazionale Autori Cinematografici).

L’evento è organizzato in collaborazione con la sezione parallela di Venezia, Giornate degli autori, la cui XX edizione si svolge in concomitanza con il festival dal 30 agosto al 9 settembre.

L’obiettivo dell’incontro di Venezia, spiegano gli organizzatori, è quello di proseguire il dibattito scoppiato a Cannes “con colleghi di tutto il mondo che hanno convinto le loro organizzazioni, nei loro Paesi d’origine, a firmare la dichiarazione, a lottare per l’affermazione dei principi in essa contenuti , e di sostenere gli sceneggiatori, i registi e gli attori in sciopero negli Stati Uniti alle stesse richieste.

La “Dichiarazione dei cineasti” originale è stata firmata da 500 esponenti dell’industria francese e mondiale, e il loro numero ha raggiunto finora quasi 800, ha confermato la SRF uno schermo. Tra i firmatari ci sono Jacques Audiard, Jean-Pierre e Luc Dardenne, Costa-Gavras, Claire Denis, Christophe Honoré e Claude Lelouch, oltre ai concorrenti di Venezia 2023 Bertrand Bonello e Stephane Brizy.

READ  Festival Rinascimento, Costolette Halal e Festival del Cinema Nero: 5 cose da fare

ha affermato la presidente della SRF Rosalie Brun uno schermo Ha detto che il sindacato “è pienamente solidale” con gli scrittori e gli attori in sciopero negli Stati Uniti, anche se ammette che “i diritti degli autori sono più protetti in Francia, ma abbiamo preoccupazioni simili e il nostro sistema non ci consente di scioperare. ” Nello stesso modo”.

Brun ha affermato che l’evento di Venezia è “un’altra occasione per esprimere la nostra solidarietà” e ha detto che un terzo evento del Festival del cinema di Berlino è in lavorazione nel febbraio 2024.

L’evento veneziano sarà diretto dal regista italiano e presidente dell’ANAC Francesco Ranieri Martinotti. I registi francesi Marine Francin, il vicepresidente dell’ARP Radu Mihailiano, la regista palestinese Noja Al-Najjar e gli italiani Giacomo Dorzi e Giorgio Glaviano sono tra i primi a partecipare alla lista ancora in evoluzione dei nomi presenti al simposio. Marco Bellocchio, Cedric Klapisch e l’ex presidente della WGA Howard A. Rodman parteciperà anche tramite video.

In una nota, Martinotti definisce gli scioperi “una forma di resistenza degli autori che non può essere affrontata solo a livello nazionale, che richiede una prospettiva internazionale e un’alleanza strategica con i ‘veri’ produttori indipendenti”.

“La nostra lotta non riguarda solo la difesa del cinema o della cultura”, ha detto Mihailiano. È una battaglia sociale e di civiltà e un momento decisivo nella nostra storia”. E aggiunge: “L’intelligenza artificiale come strumento al servizio dell’uomo, sì; L’intelligenza artificiale è la padrona dell’uomo, no, e la padrona del pensiero, mai!

100autori e vicepresidente delle Giornate degli autori Giacomo Dorzi hanno descritto il contesto attuale come “una crisi evidente del settore audiovisivo” e hanno affermato: “Bisogna ripensare il modello di produzione e distribuzione, migliorare le condizioni per un sistema che ci renda felici e soddisfatti, e lottare perché gli autori siano al centro del processo creativo.” industriale anche in Europa.

READ  Per la produttrice di Bear Cooking Courtney Storer, cucinare è una terapia

A luglio, ARP e SRF hanno espresso la loro “piena solidarietà” ai sindacati statunitensi WGA e SAG-AFTRA per i loro scioperi in corso in una dichiarazione congiunta che ha definito gli scioperi paralleli “un segno di un importante punto di svolta” e ha affermato: “Questo “La lotta che sta plasmando l’industria di domani attraversa i confini. È anche nostra”, promettendo di “continuare a lottare per un settore giusto, dove la diversità creativa possa prosperare”.

L’evento di Venezia si terrà nel Padiglione Italia dell’Hotel Excelsior e sarà aperto a professionisti certificati del settore.