Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’autopsia cerebrale suggerisce una nuova causa dell’Alzheimer: ScienceAlert

L’autopsia cerebrale suggerisce una nuova causa dell’Alzheimer: ScienceAlert

L’analisi del tessuto cerebrale umano rivela differenze nel modo in cui le cellule immunitarie si comportano nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer rispetto al cervello sano, suggerendo un potenziale nuovo bersaglio terapeutico.

La scoperta è stata fatta da una ricerca condotta dall’Università di Washington, pubblicata ad agosto Cellule della microglia Nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer In uno stato proinfiammatorio Spesso, rendendoli meno vulnerabili alla protezione.

Le microglia sono cellule immunitarie che aiutano a mantenere sano il nostro cervello rimuovendo le scorie e mantenendo la normale funzione cerebrale.

In risposta all’infezione o per rimuovere le cellule morte, queste forme eleganti e mutevoli possono diventare meno rotanti e più mobili per inghiottire invasori e spazzatura. anche loro Le sinapsi si “potano” durante lo sviluppoche aiuta a formare i circuiti che aiutano il nostro cervello a funzionare bene.

Non è certo quale sia il ruolo che svolgono nella malattia di Alzheimer, ma nelle persone affette da questa devastante malattia neurodegenerativa, alcune microglia rispondono in modo molto forte. Può causare infiammazione Ciò contribuisce alla morte delle cellule cerebrali.

Sfortunatamente, gli studi clinici per I farmaci antinfiammatori per la malattia di Alzheimer non hanno mostrato effetti significativi.

Per approfondire il ruolo delle microglia nella malattia di Alzheimer, i neuroscienziati Katherine Prater e Kevin Green dell’Università di Washington, insieme a colleghi di diverse istituzioni statunitensi, hanno utilizzato campioni di autopsie cerebrali di donatori di ricerca – 12 con malattia di Alzheimer e 10 persone sane – per analizzare studiare l’attività della microglia del gene.

Utilizzando un nuovo metodo di promozione Sequenziamento dell’RNA a filamento singoloIl team è stato in grado di identificare in modo approfondito 10 diverse popolazioni di microglia nel tessuto cerebrale in base al loro insieme unico di espressione genetica, che dice alle cellule cosa fare.

READ  Una guida all'eclissi solare del 2024 ad Asheville. Cosa sapere, eventi e altro ancora

TTre gruppi non erano mai stati osservati prima e uno di questi era più comune nelle persone con malattia di Alzheimer. Questo tipo di microglia contiene geni che promuovono l’infiammazione e la morte cellulare.

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che le popolazioni di microglia nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer avevano maggiori probabilità di trovarsi in uno stato proinfiammatorio.

Ciò significa che avevano maggiori probabilità di produrre molecole infiammatorie che possono danneggiare le cellule cerebrali e possibilmente contribuire allo sviluppo della malattia di Alzheimer.

I tipi di microglia presenti nel cervello delle persone con Alzheimer avevano meno probabilità di essere protettivi, influenzando la loro capacità di aumentare il proprio peso ripulendo le cellule morte e i rifiuti e promuovendo un sano invecchiamento cerebrale.

Micrografia della microglia (verde) di un cervello affetto da malattia di Alzheimer. (Lexi Coquit/Laboratorio di neuroinfiammazione dell’Università del Wisconsin)

Gli scienziati ritengono inoltre che le microglia possano cambiare tipo nel tempo. Quindi non possiamo semplicemente osservare il cervello di una persona e dire con certezza che tipo di microglia ha; Monitorare il modo in cui le microglia cambiano nel tempo può aiutarci a capire come contribuiscono alla malattia di Alzheimer.

“A questo punto, non possiamo dire se siano le microglia a causare la malattia o se sia la patologia a causare il cambiamento del comportamento di queste microglia.” Egli ha detto Prater.

Questa ricerca è ancora nelle fasi iniziali, ma fa avanzare la nostra comprensione del ruolo di queste cellule nella malattia di Alzheimer e suggerisce che alcune popolazioni di microglia potrebbero essere bersagli per nuovi trattamenti.

Il team spera che il loro lavoro porti allo sviluppo di nuovi trattamenti in grado di migliorare la vita delle persone affette da malattia di Alzheimer.

READ  Il primo caso di vaiolo delle scimmie è stato segnalato in Florida

“Ora che abbiamo identificato i profili genetici di queste microglia, possiamo provare a capire esattamente cosa fanno e, si spera, identificare modi per cambiare i loro comportamenti che potrebbero contribuire alla malattia di Alzheimer”, dice Prater. Egli ha detto.

“Se riusciamo a determinare cosa stanno facendo, potremmo essere in grado di cambiare il loro comportamento con trattamenti che potrebbero prevenire o rallentare questa malattia”.

Lo studio è stato pubblicato in Natura dell’invecchiamento.

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata nell’agosto 2023.