Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Australia aiuterà a inviare armi attraverso la NATO per sostenere l’Ucraina nella guerra contro la Russia

L’Australia verserà denaro in uno sforzo guidato dall’Occidente per aiutare ad armare i soldati ucraini che cercano di respingere un’invasione russa mentre il conflitto si intensifica.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e diversi paesi europei hanno già inviato grandi quantità di armi in Ucraina e oggi il presidente Joe Biden ha approvato armi americane per un valore di 350 milioni di dollari, comprese le armi anticarro Javelin, per i combattenti ucraini.

In una grande svolta, la Germania si è anche impegnata a inviare armi e missili anticarro in Ucraina.

Il primo ministro Scott Morrison ha affermato che l’Australia darà un contributo alla campagna per armare l’Ucraina, sebbene non abbia fornito alcun dettaglio.

“Ho appena parlato con il Segretario alla Difesa e cercheremo di fornire tutto il supporto che possiamo fornire all’assistenza letale attraverso i nostri partner della NATO, in particolare gli Stati Uniti e il Regno Unito”, ha affermato.

“Lavoreremo attraverso questi canali perché è il modo più efficace per farlo”.

ABC comprende che l’Australia non spedirà armi direttamente in Ucraina, ma fornirà invece contributi finanziari alla NATO per aumentare le spedizioni di armi.

Il governo non ha menzionato l’entità di questo contributo.

L’Australia si era già impegnata a inviare aiuti non letali sotto forma di equipaggiamento militare e forniture mediche, ma aveva escluso l’invio di truppe.

Il governo ha anche offerto all’Ucraina assistenza per la sicurezza informatica per aiutarla a difendersi dagli attacchi informatici russi.

Morrison ha affermato che l’Australia lavorerà “con passo fermo” con gli Stati Uniti e il Regno Unito e ha colto l’occasione per criticare la Cina per non essersi unita ad altri paesi e per aver imposto sanzioni più severe alla Russia.

Il primo ministro ha accusato la Cina di aver indebolito le sanzioni occidentali nei confronti della Russia la scorsa settimana, citando la divulgazione delle restrizioni sul grano e sull’orzo russi come parte di un nuovo accordo commerciale tra Mosca e Pechino.

Il presidente cinese Xi Jinping e il suo omologo russo Vladimir Putin hanno deciso di rafforzare i legami commerciali all’inizio di febbraio quando hanno raggiunto un accordo più ampio espressamente volto a minare la rete globale di alleanze degli Stati Uniti.

Putin si unisce alla lista delle sanzioni

Il Primo Ministro ha confermato ciò che ieri il Segretario di Stato Marise Payne ha indicato: che il governo sta cercando di punire personalmente Putin.

“Confermo che stiamo prendendo provvedimenti contro il presidente Putin e il suo ministro degli Esteri e continueremo ad aggiungere nomi a queste liste”, ha affermato.

Morrison ha detto che il governo sta ancora valutando se espellere l’ambasciatore russo in Australia.

READ  I gruppi affermano che WeChat vieta gli account LGBT "senza alcun preavviso"