Agosto 7, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’attore predatore Dane DiLiegro per i ruoli di Creatures e “Prey”

L'attore predatore Dane DiLiegro per i ruoli di Creatures e "Prey"

Le mie mani Dane DiLiegro sono carnose come carne di manzo. Può tenere un intero mazzo di carte – distese – senza che nessuno le veda.

La frase “Sono la mano di un macellaio” è stata offerta a Dario Cecchini, un macellaio di ottava generazione in Toscana il cui Delegrew affretta il bestiame praticamente ogni estate dal 2016. Quelle mani hanno coccolato un pallone da basket come un padre protettivo durante gli otto stagioni in cui Delegrew ha giocato in un ruolo professionale.

Ultimamente, le sue mani tendono ad essere coperte da guanti di gomma, a volte sbattono in pugni delle dimensioni di un melone, a volte arricchiti con artigli da 4 pollici che farebbero invidia a Barbra Streisand. DiLiegro divenne rapidamente uno dei migliori “attori di creature” di Hollywood. Avvolto in abiti di gommapiuma e lattice, appare sullo schermo sotto le spoglie di ghoul, alieni e qualunque cosa lo sceneggiatore possa immaginare. È un lavoro interno che le fa particolarmente bene.

Avendo già accumulato crediti tra cui “The Walking Dead” e “American Horror Story”, DiLiegro è ora in prima linea – o più precisamente, la creatura iconica – nel settimo capitolo del franchise di Predator. Intitolato “Prey” di Dan Trachtenberg (“10 Cloverfield Lane”) e interpretato da Amber Midthunder nei panni dell’eroina umana, andrà in onda il 5 agosto su Hulu.

Come il mostro del film horror di fantascienza originale del 1987, il Predator di DiLiegro è un alieno bizzarro e in cerca di calore con una forza sovrumana e la capacità di scomparire nell’ambiente circostante. “Ho girato l’intero film alla cieca”, ha detto, “con la testa nel collo di questa creatura”. “Affinché il predatore potesse guardare avanti, dovevo fissare i miei piedi attraverso due piccoli fori nel collo. I bastoncini erano posizionati a terra, quindi sapevo dove camminare o correre. “

Amber Midthunder e Dane DiLiegro nei panni del predatore in “Prey”.

(David Bokas)

Durante una scena, la fibra di vetro e il lattice di schiuma di DiLiegro hanno preso fuoco accidentalmente. Se ne è reso conto solo quando l’assistente alla regia ha esclamato: “Penso che la testa di Dane sia in fiamme!” DiLiegro l’ha fatto passo dopo passo. “Mi è sembrato un po’ come un bar mitzvah”, ricorda. “Riti di attraversamento per tutti i rappresentanti delle creature”.

Deligro ha 34 anni Non è il tipo di attore che può essere assunto per recitare sullo sfondo di una scena: non può adattarsi a una ripresa di massa. È alto 6 piedi e 9 piedi, rendendolo una delle più grandi star di Hollywood e un uomo che domina ogni scena. Da quando è arrivato a Los Angeles due anni fa senza alcuna esperienza di recitazione, questo giovane magro e dalle gambe larghe della zona di Boston ha interpretato strambi ultraterreni in una mezza dozzina di film e programmi TV.

READ  Napoli, la città dei contrasti, torna ad essere la patria del cinema

DiLiegro segue le massicce cadute di immortali come Boris Karloff alto un metro e ottanta, il mostro di “Frankenstein” (1935), e Haru Nakajima alto un metro e 60, il perfetto baby boomer in “Godzilla” (1954) e 11 sequel. La sua statua dell’orrore personale include Ken Hodder alto 6 piedi 2, meglio conosciuto per il suo ritratto del soprannaturale, Jason Voorhees nella serie “Venerdì 13”. Uno dei souvenir d’infanzia più preziosi di Delegro è un coltello di plastica che Hodder gli ha autografato allo Spooky World di Foxboro, nel Massachusetts.

La performance professionale delle creature è una delle professioni più esoteriche nel mondo dello spettacolo. La voce di Delegro si sente raramente e il suo viso non si vede mai, coperto da maschere o oscurato da trucco artificiale. “Molte volte le persone nel reparto di produzione pensano di poter semplicemente mettere uno stuntman là fuori e tutto andrà benissimo”, ha detto scettico. “Ma il rappresentante della creatura è molto rappresentativo.”

Nonostante l’ingombrante tuta di gomma, deve esprimere l’essenza del gioiello attraverso un’interpretazione profonda e non verbale, che trasuda un senso di grande forza mentre sprigiona emozioni pure. “Racconti la tua storia con le spalle, la tua posizione, il modo in cui cammini, il modo in cui ti muovi”, ha detto Delegrew. “In un certo senso, è più difficile che parlare.”

Perché un attore che crea l’ampiezza di un personaggio mostruoso, mascherato da strati di lattice dalla sommità della testa alla punta dei piedi a volte aggrovigliata, richiede ore di lavoro di preparazione e non si riposa sotto la doccia. “Devi imparare a vivere nel disagio”, ha detto Delegrew. “Sei bloccato in tute calde e pesanti e assorbi il sudore. Ti siedi e ci stai in piedi per un massimo di 12 ore. Prurito, intorpidimento e punture. Se il calore, il peso e il disgusto non ti colpiscono, probabilmente la claustrofobia lo farà .”

Per sopportare il peso di una tuta da 65 libbre e 40 libbre di attrezzatura in movimento, deve rimanere magro e forte. Scivolare nella pelle di un invasore alieno gli ha richiesto di abbassare la percentuale di grasso corporeo da 18 a otto. “Come hai fatto? Dieta, esercizio fisico, molte escursioni e biciclette. Quantità limitate di calorie. Smetti di fare colazione. “

Il mite DiLiegro ha opinioni ferme su tutto, dal taglio della carne alla brillantezza dei Boston Red Sox. È anche un filosofo, che spiega all’infinito sullo Zen di vitaVersare. “Lo trovo un po’ terapeutico”, ha detto, “soprattutto quando la mia faccia è ricoperta di silicone e gesso”. “Ti siedi lì e sei completamente intrappolato e il calore è un po’ meditativo. Altre persone potrebbero impazzire: il processo comporta un grande controllo della respirazione. “

Un uomo con un microfono risponde alle domande.

Dane DiLiegro al Comic-Con di San Diego a luglio per promuovere “Prey”.

(Alberto E. Rodriguez/Getty Images per Disney)

Percorri un percorso a serpentina da Bentown a Tinseltown: un viaggio di 3.000 miglia attraverso il New Hampshire, la Sardegna, Israele e le città italiane di Ostuni, Trieste, Siena, Verona, Forlì e molte altre città difficili da citare. Si è rivelato essere un viaggio di 12 anni.

READ  Il video di NYC Indie Film Temple Kim rianimato da Alamo Drafthouse - Deadline

DiLiegro è cresciuto, se non nato, a Newton, nel Massachusetts, figlio più giovane di un account manager Nike e di un designer di inviti a nozze. “Quando ero un bambino, correvo per casa dappertutto, come un mostro”, ha detto. “Avevo sempre fame e mi infilavo il cibo in bocca il più velocemente possibile. Mia madre diceva: ‘Mangi come un animale selvatico”.

È cresciuto a Lexington. e dormito. e dormito. Ha preso sul serio il basket solo all’età di 15 anni e, nonostante la sua altezza, non è entrato nella squadra del liceo fino all’ultimo anno. “Nelle scuole pubbliche, non mi importava molto dello sport”, dice. “E ad essere onesto, non sono mai stato davvero bravo con loro.”

Quando l’Università del New Hampshire ha offerto a DiLiegro una borsa di studio, era alto 6 piedi e 7 e 235 libbre. Soprannominato Psycho D per la sua folle concentrazione, si è laureato come il secondo maggiore in riabilitazione della scuola. Probabilmente il primo se non avesse interrotto tre partite da studente senior per aver utilizzato un contrassegno di parcheggio falso.

È stato superato nel Draft NBA 2011 e si è diretto in Europa per giocare a pallone professionistico. Ha firmato una serie di contratti di un anno con squadre in Italia (i nonni di suo padre erano di Gaeta e Canosa di Puglia) e Israele (sua madre era ebrea). “Ero un ribelle, un sostenitore, uno sceneggiatore”, ha detto. “Ero il colletto blu che faceva il lavoro sporco, teneva la bocca chiusa e accettava il fatto che il suo lavoro fosse quello di far sembrare belle le star. Portare la mentalità di questo atleta nella recitazione è stato molto utile”.

Quando non è in campo, ha imparato a parlare correntemente l’italiano e ha girato una serie web intitolata “Adventure Monday”. “Esploravo la campagna italiana, trovavo ristoranti interessanti e intervistavo chef”, ha detto Delegro. “L’idea era di creare contenuti in modo da poter eventualmente ospitare un programma televisivo di viaggio sulla cucina”.

Un episodio del 2016 di “Adventure Monday” incentrato sull’Antica Macelleria Cecchini, una macelleria di 246 anni nella cittadina collinare di Panzano in Chianti. Il titolare, Dario Cecchini, si è innamorato delle mani di DiLiegro e ha invitato il giocatore a restare con lui durante la fase di ribasso. Di giorno, Delegrew spezzava le mucche in un ceppo della Cecchini Trading Corporation. Di notte, era ai tavoli della steakhouse di Cecchini. “La macellazione era una specie di tradizione nella mia famiglia”, ha detto Delegrew. “Il padre di mia madre, il Mall, una volta possedeva un mercato di carne kosher fuori Boston.”

READ  MSC prende in consegna la più grande nave da crociera mai costruita in Italia

Durante l’estate del 2019, mentre si allenava a Lexington per la prossima stagione italiana, DiLiegro ha ricevuto una telefonata da un agente di selezione che lo voleva come supporto nella commedia di Ryan Reynolds “Free Guy”. Delegrew ha guidato al gruppo a Boston il giorno successivo.

Durante una pausa dall’azione, il supervisore all’animazione del film, Chris O’Hara, ha detto a Delegro che ha tutto ciò che fa un attore creatura. Ha notato che c’erano solo pochi artisti di Hollywood con il fisico, la flessibilità e la sportività di Delegrew e che avevano quasi tutte le parti del mostro. “Chris mi ha avvertito che il lavoro è stretto, è spiacevole e non puoi andare in bagno lottando per muoverti”, ha detto Delegrew, “ma paghi per SAG e sarai nei film”.

La settimana successiva, DiLiegro si recò a Los Angeles per presentare il suo spettacolo gastronomico, dare un’occhiata agli appartamenti e dare un’occhiata a un paio di negozi di effetti speciali. La sua pausa è arrivata una settimana dopo, quando ha sentito parlare di uno spettacolo Netflix chiamato “Sweet Home” che stava per essere girato in Corea. Ha un lavoro come controfigura per l’attore creatura che è assegnato a ospitare un bodybuilder mutante di nome Muscle Monster. Quando l’attore si è ritirato, è intervenuto DiLiegro.

Alieno con uno scudo.

Dane DiLiegro il ruolo di un predatore nel film “Prey”.

(Studi del Novecento)

Il ruolo ha portato al suo ruolo di capo principale di Halo negli spot pubblicitari Xbox, un vagante in “The Walking Dead”, il demone della fertilità Ba’al nell’antologia FX “American Horror Story”, Bigfoot in Blink-182 Frontman Tom Delonge, film in uscita “California Beasts” e il cattivo della giungla Dragio nel concorso “The Quest” su Disney+.

Con il Predator, assume il ruolo della creatura più famosa fino ad oggi. “Adoro essere questi mostri e queste creature”, ha detto Delegrew. “Quando sono entrato nel personaggio, penso davvero di non essere più umano e di diventare invincibile. È una sensazione indescrivibile”.

Tuttavia, DiLiegro aspira un giorno a liberarsi della sua seconda pelle, interpretare un membro della sua stessa specie e trascendere il mondo ossessionato dai fumetti. “No, non ho molto tempo per interpretare Amleto”, ha detto. pausa. James Bond invece…