Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La star del tennis australiano Alex de Minaur nega di essere stata indagata per un falso certificato di vaccinazione

“Ciao a tutti. Volevo scrivere un breve messaggio qui per evitare qualsiasi malinteso in merito a un rapporto sui media spagnoli sul mio certificato di vaccinazione”, ha scritto de Minor su Twitter.

“Ho ricevuto la mia prima dose di vaccino a Londra la scorsa estate e la seconda all’ospedale La Paz di Madrid.

Oggi è stato riferito che l’ospedale è sotto inchiesta per aver fornito falsi certificati Covid ad alcuni dei suoi pazienti.

“Voglio essere chiaro al 100% sul fatto che ho ricevuto la mia seconda iniezione e che ho una storia di vaccinazione completamente corretta, accurata e veritiera.

“Tutti intorno a me, compresa la mia famiglia, sono stati completamente vaccinati.

“Non sono ‘indagato’ in alcun modo come suggerito e il mio nome è associato a questa storia semplicemente perché ero un paziente in ospedale (come diverse migliaia di altri)”.

Fonti della polizia spagnola hanno detto giovedì all’AFP che il nome del 23enne era tra i nomi degli atleti e di altre personalità di spicco nell’elenco dei presunti acquirenti.

Per saperne di più

Immagine per leggere altri articoli

Il numero 32 del mondo ha giocato in casa il mese scorso agli Australian Open, dove la vaccinazione era obbligatoria, e ha raggiunto gli ottavi di finale.

Secondo quanto riferito, la polizia spagnola stava esaminando la filiale spagnola di un’organizzazione che forniva pass falsi per COVID e PCR tramite app di messaggistica.

L’ATP Tour afferma che la presentazione di un falso record di vaccinazione COVID-19 è punibile con una multa fino a $ 140.000 e la sospensione dai tornei per un massimo di tre anni.

De Minaur è stato costretto a ritirarsi dalle Olimpiadi di Tokyo dello scorso anno dopo essere risultato positivo al COVID-19, lasciando il giocatore a Sydney “distrutto” dal suo ritiro.

READ  Il terzino italiano Domenico Criscito potrebbe arrivare a Toronto il mese prossimo

Dopo l’infortunio, gli ci è voluto del tempo per tornare alla sua forma più convincente, ma la sua migliore prestazione in assoluto agli Australian Open e il raggiungimento dei quarti di finale in un torneo ATP Tour a Rotterdam la scorsa settimana, hanno suggerito che tornerà a il suo meglio.

Djokovic ottiene il via libera per gli Open d’Italia

Arriva quando il ministro dello Sport italiano Valentina Vezzali ha dichiarato che Novak Djokovic sarà autorizzato a partecipare agli Open d’Italia perché gli eventi all’aperto non richiedono che una persona sia vaccinata contro COVID-19.

Martedì, Djokovic ha dichiarato di essere pronto a saltare i principali tornei piuttosto che subire il colpo di COVID-19 dopo essere stato portato via poco prima degli Australian Open a causa del suo stato di non vaccinato.

“È uno sport all’aperto e non è necessaria una corsia verde più stretta”, ha detto giovedì Vezzali al quotidiano italiano Libero.

“Quindi se Djokovic volesse venire in Italia per giocare, potrebbe farlo. Magari senza visitare hotel e ristoranti”.

All’inizio di questo mese, il governo italiano ha revocato l’obbligo di indossare maschere all’aperto nella maggior parte dei casi in risposta al miglioramento della situazione del coronavirus.

L’Open d’Italia si svolgerà a Roma dal 2 al 15 maggio, con il nuovo campione dell’Australian Open Rafa Nadal che ha battuto Djokovic nella finale dello scorso anno.

Novak Djokovic visita il padiglione serbo al Dubai Expo

fonte: AFP/Ibrahim Norouzi


Nel frattempo, Djokovic ha ricevuto una standing ovation a Dubai mentre si prepara per un atteso ritorno al campo da tennis dopo tutto il dramma globale che circonda la sua decisione di non ricevere una vaccinazione.

READ  F1 Miami Grand Prix 2022 notizie, aggiornamenti live, punteggio, griglia, tempi, video, trasmissione, Daniel Ricciardo, ora di inizio in Australia

Ha scattato selfie con adorabili fan e ha fatto una visita guidata al padiglione nazionale della Serbia all’Expo 2020 giovedì, giorni prima del suo arrivo allo stadio.

Il padiglione ospitava un evento per la sua fondazione, la Fondazione Novak Djokovic, che promuove l’educazione della prima infanzia in Serbia.

Mentre entrava nel padiglione circondato da un mare di giornalisti, i fan hanno applaudito e cantato “Noel”, il suo soprannome.

“Sono orgoglioso di essere su questa piattaforma”, ha detto Djokovic dopo che sua moglie Jelena ha tenuto una presentazione sul lavoro della fondazione con i bambini.

Per saperne di più

Foto per saperne di più sui controversi articoli

Ha detto che spesso era difficile essere coinvolto tanto quanto avrebbe voluto essere con l’istituto dato il programma dei corsi veloce, ma ha ammesso con un sorriso e un applauso pesante: “Non era così occupato come prima!”

Nel frattempo, uno degli sponsor di Djokovic, la casa automobilistica Peugeot, ha detto che si aspettava che il suo logo rimanesse sulla sua maglia quando ha gareggiato a Dubai.

“Ci aspettiamo che il marchio Peugeot sia rappresentato al torneo di Dubai con la maglia del signor Djokovic”, ha detto a Reuters una fonte vicina a Peugeot.

con Reuters.