Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La polizia incontrata si scusa dopo la distruzione delle tende dei senzatetto

La polizia incontrata si scusa dopo la distruzione delle tende dei senzatetto

Spiegazione video,

Tende gettate nel retro di un camion della spazzatura Veolia. Credito: Cucina di strada

La polizia metropolitana ha chiesto scusa a un uomo dopo che le tende dei senzatetto sono state distrutte nel centro di Londra.

Il commissario Sir Mark Rowley ha ammesso che gli agenti hanno agito illegalmente quando hanno emesso l'ordine di dispersione e che alcune tende sono state gettate nei camion della spazzatura.

È successo il 10 novembre a Huntley Street, Camden.

Anthony Sinclair, arrestato sul posto, ha dichiarato: “Spero che nessuno in futuro riceva le cure che ho ricevuto io”.

Martedì gli è stata inviata una lettera di scuse a nome di Sir Mark.

Ha affermato che le forze dell’ordine hanno riconosciuto che le sue “decisioni erano illegali” quando hanno autorizzato un ordine di dispersione per S35 fuori dal sito dell’University College London Hospital (UCLH) e hanno emesso istruzioni che richiedevano alle persone che vivono in tende di lasciare l’area.

La lettera aggiungeva: “Si accetta che le misure adottate dagli ufficiali del Commissario per affrontare la questione non erano legittime in questo caso e si sarebbero dovute seguire alternative.

“Tuttavia, ciò non dovrebbe sminuire le preoccupazioni sollevate dall’UCLH, che riguardano la sicurezza del personale e dei pazienti”.

Fonte immagine, Maryam Ismadar/BBC

Commenta la foto,

Gli agenti sono stati visti parlare con le persone all'interno prima di rimuovere le tende

Il signor Sinclair è stato arrestato quando si è rifiutato di andarsene e, mentre era in custodia, il comune si è sbarazzato dei suoi averi, compresa la tenda, la biancheria da letto e gli articoli da toeletta.

Ha minacciato azioni legali contro le forze dell’ordine sulla base del fatto che gli ordini di dispersione non dovrebbero impedire alle persone di accedere al luogo in cui vivono – in questo caso, la tenda dove ha vissuto per otto mesi.

“Il trattamento che io e altri abbiamo ricevuto da parte degli agenti di polizia è stato disumano”, ha detto Sinclair, aggiungendo di essere felice di vedere la polizia ammettere che le loro azioni erano sbagliate.

Ch Sup Andy Carter, capo della polizia di Camden, ha dichiarato: “Non sottovalutiamo l'impatto che questo incidente ha avuto sull'uomo e lo incontreremo per scusarci di persona e ascoltare qualsiasi opinione possa avere”.

Ha aggiunto: “I miei ufficiali prenderanno parte ad ulteriore formazione legale sull'uso dei loro poteri di distrazione in modo da poter garantire che ciò non accada di nuovo e che utilizziamo questa tattica in modo responsabile”.

Fonte immagine, Abi Lewis/BBC

Commenta la foto,

Le barricate sono state posizionate lungo il lato dell'edificio dopo che ai senzatetto è stato detto di andarsene

“Questo invia un chiaro messaggio che gli ordini di dispersione non dovrebbero essere usati contro le persone che vivono per strada in questo modo”, ha detto Lana Adamo, avvocato di Liberty.

“Siamo lieti di vedere la polizia ammettere che i suoi agenti non avrebbero dovuto trattare il nostro cliente o le altre persone colpite in questo modo e che i diritti del nostro cliente sono stati violati, e accogliamo con favore le scuse del commissario”.

Un portavoce dell’UCLH ha dichiarato: “Siamo impegnati a imparare da questi eventi per garantire di fornire un supporto migliore a coloro che vivono nelle tende fuori dai nostri ospedali.

“Continuiamo a lavorare con i nostri partner, a fornire assegni sociali e a garantire l’accesso a operatori specializzati di sensibilizzazione”.

Il Comune di Camden, i cui appaltatori di rifiuti hanno rimosso le tende, ha dichiarato in un comunicato: “Ciò che è accaduto il 10 novembre era inaccettabile e non sarebbe dovuto accadere.

“Ove possibile, siamo rimasti in contatto con le persone trasferite dal sito UCH per offrire loro una gamma completa di supporto e alloggio.

“Incoraggiamo chiunque con cui non abbiamo ancora parlato a contattarci”.

READ  Il disegno di legge "Don't Say Gay" passa nello stato americano della Florida, va al governatore