Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La navicella spaziale russa Soyuz trasporta sulla Terra un equipaggio di 3 persone, incluso un astronauta della NASA

La navicella spaziale russa Soyuz trasporta sulla Terra un equipaggio di 3 persone, incluso un astronauta della NASA

Un traghetto russo Soyuz si è staccato dalla Stazione Spaziale Internazionale ed è tornato sulla Terra sabato mattina, trasportando un cosmonauta russo, un aereo ospite bielorusso e un astronauta della NASA in un atterraggio perfetto sulle steppe kazake.

Il comandante della Soyuz MS-24/70S Oleg Novitsky, affiancato a sinistra da Marina Vasilevskaya della Bielorussia e a destra dall'astronauta della NASA Loral O'Hara, è atterrato a circa 90 miglia a est della città di Dzhezkazgan alle 3:17 EDT.

Il comandante della Soyuz Oleg Novitsky (a sinistra), il pilota ospite bielorusso Marina Vasilevskaya (al centro) e l'astronauta della NASA Loral O'Hara (a destra) salutano i loro compagni di equipaggio della stazione spaziale prima di salire a bordo della navicella spaziale Soyuz MS-24 per il volo di ritorno sulla Terra.

televisione della NASA


Le squadre di soccorso russe sono arrivate sulla scena in pochi minuti aiutando gli aerei di ritorno dalla stazione a uscire dall'angusto modulo di atterraggio della Soyuz mentre iniziavano a riadattarsi alla forza di gravità.

Per il veterano Novitskiy e il pilota alle prime armi Vasilievskaya, il processo di riadattamento dovrebbe essere relativamente semplice. Essi È stato lanciato il 23 marzo A bordo della navicella spaziale Soyuz MS-25/71S con l'astronauta della NASA Tracy Dyson attraccò alla stazione due giorni dopo.

Dopo aver trascorso solo due settimane a bordo della stazione, sono tornati sulla Terra a bordo della vecchia navicella spaziale Soyuz MS-24, che ha trasportato il comandante della stazione Oleg Kononenko, Nikolai Chub e O'Hara al complesso del laboratorio lo scorso settembre.

La navicella spaziale Soyuz MS-24 parte dalla Stazione Spaziale Internazionale.

televisione della NASA


Kononenko e Chub sono a metà del loro soggiorno nello spazio, durato un anno. Hanno in programma di tornare sulla Terra il prossimo settembre, con Dyson, utilizzando la nuova navicella spaziale MS-25 consegnata da Nowitzki. Novitsky e Vasilevskaya riportarono O'Hara sulla Terra sul vecchio traghetto È stato lanciato lo scorso settembre.

Con l'atterraggio, O'Hara aveva registrato 204 giorni fuori dal pianeta, completando 3.264 orbite coprendo 86,6 milioni di miglia. Ha anche partecipato ad una passeggiata spaziale della durata di sei ore e 42 minuti. Novitsky e Vasilievskaya hanno trascorso 14 giorni nello spazio, coprendo 224 orbite e 5,9 milioni di miglia.

I tre apparivano sani e di buon umore mentre riposavano sulle sedie a sdraio vicino alla capsula di atterraggio della Soyuz carbonizzata, dove il personale di supporto stava aspettando.

La navicella spaziale Soyuz atterra nelle steppe del Kazakistan per completare senza problemi il suo ritorno sulla Terra.

NASA/Bill Ingalls


“Sono sopraffatto dall'emozione”, ha detto Vasilevskaya, parlando attraverso un interprete alla TV della NASA. “È incredibile. Vorrei che tutte le persone sulla Terra potessero apprezzare ciò che hanno, perché è prezioso.”

“Ringrazio tutto il popolo bielorusso”, ha continuato. “Volevamo davvero restare ancora un po', ma è fantastico essere tornati. È stato fantastico essere a bordo della stazione.”

Vasilevskaya, abile ballerina e assistente di volo della Belavia Airlines, è la prima cittadina bielorussa, stretta alleata della Russia, a volare nello spazio dopo la disgregazione dell'Unione Sovietica.

Mentre le relazioni tra Stati Uniti e Russia rimangono ai livelli o vicini alla Guerra Fredda, i due paesi continuano a cooperare nello spazio e a gestire congiuntamente la Stazione Spaziale Internazionale.

Da parte sua, Dyson ha detto prima del lancio che le è piaciuto allenarsi con Vasilevskaya, aggiungendo: “È stato un vero piacere lavorare con lei”.

O'Hara parla con il personale di supporto dopo essere stato prelevato dal modulo di atterraggio della Soyuz nelle steppe del Kazakistan. L'atterraggio ha posto fine a un viaggio di 204 giorni per O'Hara mentre i suoi due compagni di equipaggio Soyuz hanno trascorso solo 14 giorni in orbita, consegnando un nuovo traghetto alla stazione e riportando O'Hara a casa a bordo della stessa navicella spaziale lanciata lo scorso settembre.

televisione della NASA


Dopo brevi visite mediche e telefonate via satellite a familiari e amici, i tre sarebbero dovuti essere trasportati a Karaganda in elicottero. Da lì, O'Hara ritornerà a Houston su un aereo della NASA, mentre Novitsky e Vasilevskaya torneranno a Star City vicino a Mosca.

Dietro di loro nello spazio ci sono il comandante della Stazione Spaziale Internazionale Kononenko, Chubb, Dyson, l'astronauta Alexander Grebenkin e gli astronauti della NASA Matthew Dominic, Michael Barratt e Janet Epps.

Il ritorno di O'Hara sulla Terra ha completato una complessa serie di voli per sostituire cinque dei sette membri dell'equipaggio di lunga data della stazione spaziale.

La NASA ha lanciato per la prima volta Dominik, Barratt, Epps e Grebenkin torneranno sulla stazione il 3 marzo a bordo della navicella spaziale SpaceX Crew Dragon. Sostituirono altri quattro volantini che tornarono sulla Terra a bordo di un altro Crew Dragon.

Ciò ha aperto la strada al lancio di Novitsky, Vasilevskaya e Dyson, alla consegna di una nuova navicella spaziale Soyuz e della vecchia navicella spaziale della NASA alla stazione e quindi al ritorno di O'Hara sulla Terra.

READ  Le prime immagini a colori del telescopio spaziale James Webb saranno rivelate il 12 luglio