Settembre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La massiccia epidemia di coronavirus in Indonesia potrebbe essere un fertile terreno fertile per la prossima specie del mondo

Gli esperti temono che l’Indonesia, considerata uno dei focolai del coronavirus emergente nel mondo, sia ora un “punto caldo” ad alto rischio per l’emergere di un “super ceppo” del nuovo coronavirus.

L’allarmante seconda ondata nel paese è stata alimentata in gran parte dalla variante delta altamente contagiosa, che è stata identificata per la prima volta nell’epidemia fuori controllo in India.

E ora gli esperti temono che una situazione simile possa verificarsi in Indonesia, dove la diffusione dilagante del virus potrebbe creare un terreno fertile ideale per un’altra variabile preoccupante.

“Le epidemie incontrollate sono davvero punti critici per l’evoluzione delle varianti”, ha affermato Aris Katzurakis, professore di evoluzione e genomica presso l’Università di Oxford nel Regno Unito.

“Due delle variabili più impegnative che incontriamo – alfa e delta – sono molto probabilmente associate a interventi di salute pubblica molto scarsi. [in the UK and India].

Controllare l’epidemia [in Indonesia] È certamente una priorità alta ridurre il rischio della nuova variante. “

Mentre negli ultimi mesi una seconda ondata di coronavirus ha attraversato l’isola densamente popolata di Giava e Bali, in Indonesia, il sistema ospedaliero è crollato sotto la pressione di un afflusso di casi.

Con le risorse mediche al limite, i parenti disperati hanno lottato per ottenere bombole di ossigeno per i membri della famiglia che lottano per respirare in ospedale.

Altri risultati positivi al COVID sono stati tenuti lontani dagli ospedali, dove in alcuni casi è stato chiesto loro di isolarsi in case piccole, spesso affollate.

READ  I talebani appendono il corpo del presunto rapitore a una gru a Herat per scoraggiare i criminali

Il risultato è stato una tragica perdita di vite umane, con il bilancio delle vittime in Indonesia che ha superato i 100.000 dall’inizio della pandemia. Il 40 percento di loro è stato solo nelle ultime cinque settimane.

Le infezioni totali nel quarto Paese più popoloso del mondo hanno superato i 3,5 milioni.

L'”alternativa allarmante” dell’Indonesia

Già uno L'”alternativa allarmante” dell’Indonesia si è diffusa nella vicina Malesiache attualmente Ha uno dei tassi di infezione da COVID-19 più veloci al mondo.

Le autorità sanitarie dello stato malese del Sarawak il mese scorso hanno identificato sette nuovi casi di tipo B.1.466.2, identificato per la prima volta a Jakarta lo scorso novembre.

Una donna che indossa un velo e una maschera tiene il braccio di un uomo che guarda lontano.
Finora, solo una piccola percentuale della popolazione in Indonesia è stata completamente vaccinata contro il COVID-19.(

Reuters: Antara Photo e Raysan Al Farsi

)

“Due casi di variante beta e quattro “varianti indonesiane preoccupanti” sono stati identificati a Kuching, a Cebu (2) e un caso a Bintulu”, ha affermato il dott. David Pereira, direttore dell’Istituto di salute e medicina comunitaria presso l’Università della Malesia Sarawak, disse.

L’alternativa indonesiana viene monitorata da vicino, afferma il capo dell’Ejkman Institute of Molecular Biology di Jakarta.

Ma nega che questo sia “un tipo di preoccupazione” nei termini dell’Organizzazione mondiale della sanità.

“Non un VOC, né un VOI (variabile di interesse)”, ha detto il professor Amin Subandrio alla ABC.

“Tuttavia, dobbiamo monitorarlo attentamente”.

Potremmo assistere all’emergere di una “super dinastia” dall’Indonesia?

Sebbene possano esserci migliaia di versioni diverse del coronavirus attualmente in circolazione nel mondo, molte di esse non saranno all’altezza di una variabile delta o avranno un impatto significativo sull’epidemia.

Non appena possono apparire, alcuni possono svanire rapidamente.

Ma ogni tanto irrompe un virus e così facendo può cambiare il corso dell’epidemia.

Un gruppo di operatori sanitari in abiti protettivi e maschere si appoggia a un uomo collegato a una bombola di ossigeno.
Molti pazienti sono morti a casa o fuori dagli ospedali dopo che il sistema ospedaliero del paese ha raggiunto la capacità.(

Reuters: Willy Kurniawan

)

“[Mutations] Oggi diventano virus perché prendono il sopravvento, perché infettano le persone più facilmente”, ha detto all’ABC l’epidemiologo della salute pubblica, la dottoressa Emma Miller della Flinders University.

“Scoprirai che c’erano altre cose che sono apparse prima di Delta – ovviamente da Alpha a Alphabet a Delta – ma Delta le ha catturate a causa della loro capacità di fuggire, di infliggere il maggior numero possibile di persone colpite.

“Ed è per questo che il virus è nella popolazione”.

L’alto tasso di positività in Indonesia, o la percentuale di persone che sono risultate positive al test COVID-19, così come la natura incontrollata dell’epidemia, afferma l’epidemiologo Dickie Bodeman, sono segni che potrebbe emergere un nuovo “super ceppo” in Indonesia.

“È solo questione di tempo”, ha detto Bodeman, che sta consigliando il governo indonesiano sulla sua strategia per combattere l’epidemia.

Bodeman ha citato l’esperienza dell’Indonesia con l’influenza aviaria nel 2007 e nel 2008 – quando il paese aveva “il ceppo più pericoloso del mondo in quel momento” – come esempio.

“Non è impossibile. Può succedere in Indonesia”, ha detto.

Il professor Katzorkis concorda sul fatto che è “giusto scegliere l’Indonesia come potenziale hotspot” e afferma che è “del tutto ragionevole” aspettarsi che emergano varianti più dannose nel prossimo anno.

“Se un nuovo ceppo virulento emerge in Indonesia, o arriva in Indonesia, potrebbe sfidare Delta”, ha detto.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 4 minuti 45 secondi

Esiste una cura per il COVID-19?

In che modo i vaccini rappresentano una sfida per le mutazioni del coronavirus

Epidemiologi ed esperti sanitari concordano sul fatto che più virus si diffonde in una popolazione, più mutazioni ci saranno e maggiore è il rischio che emergano nuove varianti.

Questo accade continuamente e la maggior parte è “insensata”, secondo il dottor Peter Drupak, specialista di salute pubblica globale e direttore dello Skoll Center for Social Entrepreneurship nel Regno Unito.

Solo quando la mutazione conferisce al virus un vantaggio competitivo rispetto ad altre varianti, ha affermato, è probabile che attecchisca nella popolazione e diventi un ceppo più dominante, come ha fatto la variante delta.

Una donna con una camicia viola appoggiata su una tomba.
La crisi COVID-19 è scoppiata in Indonesia negli ultimi mesi quando una variante delta altamente contagiosa ha spazzato il paese.(

Reuters: Willy Kurniawan

)

Questa caratteristica potrebbe essere una variante con maggiore resistenza ai vaccini.

Man mano che più persone all’interno di un paese diventano immuni, attraverso le vaccinazioni o contraendo e riprendendosi da COVID-19, meglio il virus può evolversi e trovare modi per superare tale immunità.

Questo è noto come fuga immunitaria.

Ma affinché ciò accada, gli esperti affermano che è necessario vaccinare un livello più elevato della popolazione. L’Indonesia, con solo il 7,9% della sua popolazione completamente vaccinata, non raggiunge questa soglia.

“Quando hai un ampio segmento della popolazione vaccinata e il virus si diffonde a macchia d’olio tra la popolazione non vaccinata, queste due cose insieme creerebbero probabilmente le condizioni più ideali per l’emergere di una variante resistente al vaccino”, ha detto Drupak. . .

“Se siamo particolarmente interessati alla scelta di una specie resistente ai vaccini, è probabile che si trovi in ​​un luogo in cui gran parte della popolazione è vaccinata, ma ci sono ancora molte persone non vaccinate che vengono infettate.

“Quindi ciò che sta accadendo nel Regno Unito in questo momento potrebbe essere una delle migliori condizioni”.

Lo “scenario peggiore” è una variante resistente al vaccino

Secondo il leader del progetto COVID-19 del CSIRO, il professor Seshadri Vasan, un’altra specie di preoccupazione sarà annunciata prima della fine del 2021 e “potrebbe emergere ovunque”.

Uno “scenario peggiore”, secondo Drupak, sarebbe che una variante resistente al vaccino attecchisse.

“Questo non significa che il vaccino sia resistente al 100%, ma significa che è in grado di aggirare i vaccini o una protezione immunitaria molto maggiore rispetto a Delta.

“Se è così, allora tutte le persone vaccinate che sono relativamente protette dalle altre varianti sarebbero ospiti esposti alla nuova variante”.

Ma secondo la valutazione del Dr. Drupak, le probabilità che una nuova variante sia più infettiva del delta sono relativamente basse.

“Attualmente, il delta è così trasmissibile che sarebbe difficile per una nuova variante superare il delta in termini di trasmissibilità, propagarsi facilmente”, ha affermato.

“Forse dovrebbe essere un’altra caratteristica.”

Ciò che è stato anche promettente è che i nuovi vaccini hanno resistito a tutte e quattro le variabili di preoccupazione nei test condotti presso il Centro australiano per la preparazione alle malattie, secondo il professor Vassan.

“Non abbiamo ancora un tipo di virus SARS-CoV-2 che abbia un effetto significativo che riduca significativamente l’efficacia della prevenzione o delle contromisure mediche”, ha affermato.

“Spero che prima di affrontare questa situazione, la maggioranza della popolazione mondiale debba essere completamente vaccinata.

La folla si raduna in un centro di vaccinazione nella provincia di Sumatra settentrionale il 3 agosto 2021.
L’Indonesia è uno dei paesi più colpiti dal COVID-19 nel sud-est asiatico.(

Reuters: Antara Photo/Francisco Carolio

)

La maggior parte degli esperti di salute concorda su una cosa: il virus SARS-CoV-2 che causa il COVID-19 non scomparirà.

“Ha il potenziale per diventare un’epidemia, il che significa che si diffonderà continuamente in tutto il mondo, proprio come l’influenza circola continuamente”, afferma il dott. Drupak.

“Ci sono nuovi ceppi a cui dobbiamo pensare ogni anno. Non sto dicendo che questo sarà il caso del COVID-19, ma è probabile che continueremo a conviverci.

“Continuerà a mutare. Ciò significa un monitoraggio continuo e un aggiornamento continuo dei vaccini – e la possibilità che avremo bisogno di richiami periodici che possano affrontare le nuove varianti – è molto probabile”.

Scarica il modulo…