Febbraio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La mappa dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) mostra un aumento delle malattie a livello nazionale: scopri dove è peggiore

La mappa dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) mostra un aumento delle malattie a livello nazionale: scopri dove è peggiore

(NEXSTAR) – Che differenza può fare una settimana. Nuovi dati rilasciati venerdì dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie mostrano un aumento del 18% nel numero di persone risultate positive all’influenza la scorsa settimana.

Anche il numero di persone che si rivolgono al medico con sintomi di malattie respiratorie – che si tratti di influenza, coronavirus, virus respiratorio sinciziale (RSV) o nessuno dei precedenti – continua ad aumentare. Ora, secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, 21 stati e la città di New York stanno riscontrando livelli “molto alti” della malattia.

Confrontando i dati più recenti con quelli di una settimana fa (presentazione sotto) si vede che la situazione sta peggiorando nella metà settentrionale del paese. Ora, solo uno stato americano, il Minnesota, rimane nella categoria “minima”.

La maggior parte degli stati registra livelli “alti” o “molto alti” della malattia. (Vedi di più con la mappa interattiva del CDC Qui.)

Anche se la mappa dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie diventa sempre più cupa, l’agenzia prevede che non abbiamo ancora raggiunto il picco di questa stagione. A partire dai primi anni ottanta, Il picco più comune della stagione influenzale È arrivato a febbraio.

Non è solo l’influenza che si diffonde. Ospedale Ricoveri per COVID È aumentato del 20% nell’ultima settimana e sempre più persone vengono sottoposte al test Positivo al RSVriferisce il CDC.

READ  Era vaccinato e già contagiato dal COVID? Shot Boost offre una piccola protezione in più: i colpi

Per creare le mappe di cui sopra, il CDC confronta i dati attuali degli operatori sanitari con ciò che è normale per quell’area al di fuori della stagione influenzale. I dati si basano sul numero di persone che si sono presentate in una struttura sanitaria con sintomi di influenza – febbre, oltre a tosse o mal di gola. Non si basa su casi di influenza confermati in laboratorio.

Ciò significa che i dati potrebbero includere casi che risultano essere altre malattie respiratorie, come il Covid o il virus respiratorio sinciziale, ma i casi potrebbero anche essere sottostimati se le persone restano a casa e combattono la malattia da sole.

Sebbene non disponiamo di numeri esatti, il CDC stima che finora ci siano stati almeno 10 milioni di malattie, 110.000 ricoveri e 6.500 decessi durante questa stagione influenzale. Morirono anche ventisette bambini.

Copyright 2023 Nexstar Media Inc. tutti i diritti sono salvi. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.