Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La grande avventura del cinema italiano

La grande avventura del cinema italiano

Più di cinquanta anni fa Gian Piero Brunetta Professore Emerito Storia e critica del cinema presso l'Università di Padova Ha seminato un grande amore: l'amore cinema italiano . In un’intervista realizzata con lui circa vent’anni fa, non è un caso che si definisse “uno scienziato indisciplinato, un viaggiatore avido di immagini, che si nutre solo di cinema, inquieto e curioso, che ama mescolare strumenti, contaminare metodologie , e lavorare allo stesso modo. Solo attraverso gruppi e anche in progetti non accademici. Ho utilizzato tutti i media a disposizione per parlare del cinema italiano, e per cercare di descriverne la grandezza nel cinema mondiale con orgoglio nazionale (ma non ho cercato di nasconderne le crisi e la miseria)”.

Ero devoto a Brunetta Studio e passione insaziabile Al cinema locale che ha portato a Alcuni libri essenziali per comprendere la settima arte della nostra casa .

cinema italiano. Grande storia 1905-2023 ” (Einaudi, 2024, pp. 592, anche e-book) appartiene alla raccolta di questi testi indispensabili per chi ama il cinema italiano. Nasce con l'obiettivo di offrire a tanti studenti di cinema una prima panoramica e proporre nuove strade di ricerca, il libro riprende, infatti, Caratteristiche del viaggio attraverso registi, attori, film e generi cinematografici, un viaggio capace di coinvolgere anche il semplice appassionato, invitandolo a godere delle enormi possibilità di immersione fino a pochi anni fa inimmaginabili nel mondo del cinema. Il cinema italiano del passato, che rinasce in tutte le sue forme grazie ai restauri, a Internet e alle piattaforme digitali.

L'avventura del cinema italiano si rivela allora come una delle storie che, in tempi diversi, hanno indirizzato e modificato il corso del cinema mondiale. Una storia che ha cambiato profondamente gli approcci narrativi, stilistici, espressivi e produttivi di molte sale cinematografiche e che può essere affrontata da una nuova prospettiva, potendo attingere alle fonti cinematografiche e rendendole fruibili in una misura impensabile solo pochi anni fa .

READ  Recensione film: L'ombra di Caravaggio - Glam Adelaide

La Cupertina del Pro

Il percorso del volume di Brunetta tiene così conto di micro e macro storie, riscoperte e lavori recenti per restaurare e valorizzare il patrimonio del cinema muto e di quello avvenuto tra le due guerre. Soprattutto, personalizza la dimensione Un ampio panorama degli ultimi vent'anni di cinema italiano , un periodo poco studiato dalla critica e sul quale Brunetta invita a una profonda riflessione. È un periodo di profondo cambiamento in tutti gli ambiti della produzione, della paternità, della tecnologia e del consumo. Grazie all'avvento del digitale e alla scomparsa di pellicole, macchine fotografiche e cineprese, A Un nuovo modo di raccontare storie con confini più ampi che mai Si è affermata negli ultimi anni.

In questo contesto, il cinema italiano continua a mostrare grande vitalità, reinterpretando i principali generi della sua tradizione, dai film di impegno civile o di riconsiderazione della storia moderna, dal dramma al poliziesco, dai film di esplorazione psicologica alle commedie e alle commedie. . Così, accanto ai grandi nomi dei classici, il lettore incontrerà, in una prospettiva sempre attenta al racconto della storia del cinema italiano nella più ampia storia sociale d'Italia, Una produzione moderna di registi famosi (da Avati a Bellocchio, da Olmi a Moretti, da Verdone a Mazzacurati, da Giordana a Tornatore), ma anche Voci nuove e consolidate in molti casi : Sorrentino, Garrone, Martone, Ferzi, Archibugi, Comincini, Rubini, Soldini, Ozpetic, Ando. Nomi che ce lo fanno capire La lunga avventura del cinema italiano non è ancora finita .

©Reproduzione Riservata