Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Gran Bretagna potrebbe rappresentare il punto di svolta nella “resa dei conti globale”

La Gran Bretagna potrebbe rappresentare il punto di svolta nella “resa dei conti globale”

Nel corso del prossimo anno l’Italia dovrà rifinanziare il proprio debito pari al 24% del Pil annuo. Moody’s ha appena declassato i titoli di Stato italiani portandoli ad un livello sopra il rischio. L’Italia è relativamente ricca, con alcune aziende di livello mondiale. Ma manca la crescita: il Pil rimane lo stesso del 2006.

Alla fine, mentre la Germania e gli altri “creditori del Nord” si lamenteranno, la BCE verrà in soccorso di Roma, tornando ad un aggressivo programma di allentamento quantitativo per acquistare titoli italiani. Il salvataggio avrà luogo – e il “progetto europeo” deve essere protetto a tutti i costi.

Ma ci vorrà molto tempo e molta drammaticità politica per raggiungere questo risultato, creando spazio per massicce pressioni sui mercati del debito sovrano in tutto il mondo e le relative ricadute economiche che si estendono ben oltre il continente.

Tuttavia, secondo Fitch Ratings, quest’anno è il Regno Unito, non l’Italia, ad affrontare il conto degli interessi sul debito più alto nel mondo sviluppato. La Gran Bretagna spenderà 110 miliardi di sterline, uno sbalorditivo 10,4% delle entrate pubbliche, per il servizio del debito nel 2023 – la seconda voce più grande nel bilancio nazionale, dopo il Servizio Sanitario Nazionale – a causa della nostra elevata quota di obbligazioni indicizzate all’inflazione.

L’economia del Regno Unito ha vacillato, con gli ultimi sondaggi PMI che suggeriscono che il PIL si sta già contraendo, motivo per cui la Banca d’Inghilterra manterrà sicuramente i tassi di interesse invariati giovedì.

In quanto importatore di petrolio, con uno stoccaggio di gas molto limitato, la Gran Bretagna è particolarmente vulnerabile se una combinazione di un inverno freddo, turbolenze in Medio Oriente e macchinazioni geopolitiche dovesse causare un aumento dei prezzi del petrolio e del gas, il che potrebbe far salire nuovamente l’inflazione, spingendo al rialzo i prestiti pubblici. . Costi più elevati.

READ  Una soluzione tanto necessaria ai problemi della forza lavoro rimane una sfida

A mio avviso, è più probabile che l’Europa costituisca il “punto di svolta” che scatenerà una “resa dei conti globale” rispetto agli Stati Uniti o alla Cina – e questo include il Regno Unito.