Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Ferrari F40 “Kaido Racer” potrebbe essere l’incredibile assistente CGI di uno scienziato pazzo

Gli appassionati di auto eclettiche devono prestare la dovuta attenzione all’ultimo progetto digitale dell’artista virtuale Abimelec Arellano. Dopotutto, è una combinazione di così tante cose che persino un pixel master ha bisogno di una lunga descrizione per spiegarsi.

Molti esperti di CGI lanciano auto bomba fantasy sui loro fan e poi li iscrivono credendo che le immagini valgano più di mille parole. Beh, a volte è vero. Ma in molte altre occasioni, ci sentiamo derubati della visione dell’artista semplicemente perché la creatività digitale non è accompagnata da poche parole che spieghino appieno l’idea dietro lo shenanigan.

Fortunatamente, la già folle trasformazione della Ferrari F40 della fine degli anni ’80 non perde la lunga spiegazione. Quindi, si scopre che il pixel master voleva tornare in gioco con il produttore di auto sportive italiano F40 dopo aver sbloccato un’innovazione a basso appetito.

Ma se pensavi che la F40 potesse essere oltraggiosa, faresti meglio a distogliere lo sguardo da questa nuova interpretazione perché ora è fuori questione. È piuttosto ridicolo, e molti dei suoi fan l’hanno amata proprio per questo. Inoltre, coloro che non hanno familiarità con le idee di design ottengono una spiegazione approfondita della sottocultura a cui fa appello.

Quindi, mentre molti americani lo classificherebbero rapidamente come lo stile Bosozoku, questo è il movimento giovanile in Giappone dagli anni ’50 in poi associato a bande di motociclisti e motociclisti personalizzati. Invece, è un Kaido racer, che era un tipo di veicolo più modificato ispirato alle auto da corsa d’epoca degli anni ’80.

Naturalmente, questo è solo un pio desiderio. Più precisamente, insinua un esperto di CGI”C’è una possibilità a palla di neve all’inferno che questo accadrà nella vita reale, “Solo per essere sicuri che nessuno svenisse all’idea di qualcuno che lo implementasse. Dopotutto, ci sono state solo 1.315 Ferrari F40 prodotte tra il 1987 e il 1992, quindi forse nessuno oserebbe sacrificare nessuno degli esempi sopravvissuti… si spera !