Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Corte Suprema italiana ha stabilito che un rigido regime carcerario per le gang viola la costituzione

I prigionieri si radunano attraverso una finestra sbarrata durante i disordini all’interno del carcere di San Vitor a Milano, in Italia, il 9 marzo 2020. REUTERS / Flavio Lo Scalzo

Martedì l’Alta Corte del paese ha stabilito che il rigido regime carcerario italiano per le bande che si rifiutano di cambiare le risorse dello Stato viola la costituzione, esortando il parlamento a modificare la legge entro un anno.

Le persone condannate all’ergastolo per crimini legati alla mafia in Italia non hanno diritto alla libertà condizionale o ad altre concessioni per buona condotta se non forniscono informazioni che potrebbero aiutare le autorità nelle loro indagini.

I giudici affermano che la regola è importante per trasformare la mafia in informatori, ma la sentenza della Corte Costituzionale mette gli autori in una posizione di confusione inaccettabile, mettendo a rischio le loro famiglie.

Le famiglie della mafia che si rivolgono a fonti statali sono spesso prese di mira da bande criminali organizzate che le tradiscono.

La corte ha affermato in una dichiarazione che gli autori di reato potrebbero dover affrontare una “triste scelta” tra cooperare per proteggere la propria libertà e mettere in pericolo i propri cari o rinunciare alla libertà di proteggerli.

“La cooperazione non è un segno di pentimento credibile … può essere il risultato di mere considerazioni utilitaristiche quando si esaminano i benefici ad essa collegati”, ha aggiunto la corte.

In una sentenza simile del 2019, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha criticato il regime carcerario italiano, affermando che il rifiuto di collaborare non è sempre il risultato di una libera scelta perché i detenuti possono temere ritorsioni contro le loro famiglie.

READ  I tifosi in Italia definiscono la Super League europea 'la morte del calcio' Super League Europea

I giudici della Corte costituzionale hanno chiesto al parlamento di modificare la legge entro maggio 2022. In caso contrario, la Corte può utilizzare i suoi ampi poteri per imporre direttamente le modifiche legislative necessarie.

Il tribunale ha affermato che il suo verdetto non si applica ai criminali mafiosi più pericolosi che applicano una regola speciale di isolamento.

L’Italia ha rafforzato le carceri per bande e militanti condannati dopo gli omicidi mafiosi negli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, culminando in due omicidi di alto profilo nel 1992 da parte dei magistrati antimafia siciliani Paulo Porcelino e Giovanni Falcon.

Altri detenuti a lungo termine condannati all’ergastolo in Italia possono beneficiare della libertà sulla parola dopo aver scontato 26 anni di carcere.

“I diritti dei cittadini sono in pericolo. E ‘giusto che il tribunale fissi una scadenza. Spetta al parlamento agire di conseguenza”, ha detto Stefano Secandi, legislatore della camera bassa del Partito Democratico al governo.

I nostri standard: Principi della Thomson Reuters Foundation.