Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La campagna di esenzione fiscale aumenta i timori di fuga di cervelli italiani

La campagna di esenzione fiscale aumenta i timori di fuga di cervelli italiani

La decisione dell'Italia di tagliare gli incentivi fiscali progettati per attirare a casa espatriati di talento ha lasciato in difficoltà la 35enne dirigente marketing Serena Romeo.

Romeo ha lasciato l’Italia dieci anni fa in cerca di migliori opportunità di lavoro all’estero – uno dei circa mezzo milione di giovani italiani che hanno lasciato il Paese dal 2011 – e stava negoziando un trasferimento nella sua città natale, Napoli, quando ha saputo che non avrebbe più avuto i requisiti per pagare le tasse. sollievo. .

Senza preavviso, il governo della Georgia Meloni ha ridimensionato il programma a partire dal 1° gennaio, sostenendo che i suoi benefici non giustificavano il costo di circa 1,3 miliardi di euro all’anno in mancate entrate fiscali.

Romeo, che lavora come responsabile del marketing del marchio per una multinazionale tedesca, ha sospeso i suoi piani di ritorno.
“Se non fosse per l’esenzione fiscale, il mio reddito sarebbe molto inferiore”, ha detto Romeo dalla sua casa di Berlino, spiegando che il ritorno a Napoli la esporrebbe a minori opportunità di lavoro, soprattutto nel Sud Italia.

“Non voglio perdere la tranquillità.”

Le preoccupazioni di Romeo riflettono i sentimenti di circa 110.000 laureati persi dal Bel Pais tra il 2011 e il 2021, secondo i dati dell'OCSE, equivalenti a un terzo del suo gruppo annuale di laureati.

Secondo l’indice di fuga umana e fuga di cervelli di GlobalEconomy.com, l’Italia è al secondo posto, dopo il Giappone, tra le economie del G7.

In Italia, che soffre di invecchiamento della popolazione, l’esodo di giovani di talento è esacerbato da una delle percentuali più basse di laureati tra i paesi sviluppati, una combinazione che sta mettendo a dura prova il tessuto economico del paese oppresso dal debito.

READ  In che modo i problemi economici della Gran Bretagna si accumulano rispetto all'Europa: uno sguardo più da vicino ai numeri | economia

Esportare capitale intellettuale

Gli analisti affermano che l'esportazione di capitale intellettuale da parte dell'Italia riduce il potenziale innovativo del Paese e ne riduce la produttività a lungo termine.

“Stimiamo che reperire così tanti talenti all’estero costi all’Italia circa un punto percentuale all’anno di crescita della produzione”, ha affermato Brunello Rosa, amministratore delegato di Rosa & Roubini Associates, una società di consulenza con sede a Londra.

In un rapporto pubblicato a gennaio, l’OCSE ha avvertito che le debolezze di lunga data del settore dell’istruzione superiore in Italia gli stanno impedendo di sfruttare appieno gli incrementi di produttività derivanti dalle nuove tecnologie.

Negli anni Roma ha cercato di contrastare l’esodo dei talenti proponendo piani sempre più generosi per chi rientrava in Italia.

Prima del 2024, ai rimpatriati viene offerta un’esenzione fiscale del 70% per cinque anni, che può essere prorogata per altri cinque anni in determinate circostanze. Per chi si trasferiva nelle zone povere del Sud l'agevolazione fiscale era del 90%.

Tuttavia, il programma ha avuto risultati contrastanti. Il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti ha dichiarato in ottobre che 24.500 persone avevano beneficiato del programma tra il 2015 e il 2021, ma solo 1.200 erano insegnanti o ricercatori, settori in cui l’Italia soffre particolarmente di una carenza di competenze.

I critici affermano che il sistema ha distorto il mercato del lavoro ed è stato abusato da persone che affermavano di essersi trasferite nel sud Italia e che in realtà lavoravano a distanza da altrove.

Il programma ridotto del governo si concentrerà su competenze specifiche. Docenti e ricercatori che si trasferiscono continueranno a ricevere le stesse generose agevolazioni fiscali, ma i trasferimenti intra-organizzativi sono ora esclusi e si applicherà una riduzione del 50% a chi ha un reddito fino a 600.000 euro.

READ  La Toscana chiede un compenso costoso per il nuovo terminale italiano di GNL

Preoccupazioni per la fuga dei cervelli

Molti temono che questi cambiamenti possano aggravare la fuga dei cervelli dal Paese.

“I benefici cancellati sono stati uno degli elementi principali nel decidere se tornare in Italia, mentre i nuovi benefici sono solo qualcosa in più che difficilmente farà la differenza”, ha detto Controisodo, un gruppo di lobby che aiuta gli espatriati a tornare in Italia.

In Trentino Alto Adige, regione al confine con Austria e Svizzera, solo due studenti di lingua tedesca su dieci che studiano all'estero tornano in Italia.

La politica locale Julia Unterberger ha affermato che per risolvere il problema sarà necessario un approccio su più fronti, affrontando non solo la disparità salariale, ma anche l’accesso agli alloggi e all’assistenza all’infanzia.

“Ma allo stesso tempo, gli incentivi fiscali sono stati l’unica misura che ha avuto un impatto positivo”, ha aggiunto.

Il Cancelliere Brunello Rosa ritiene che gli incentivi finanziari per attrarre lavoratori qualificati a tornare in patria siano il modo più rapido per rivitalizzare l’economia italiana.

“Il massiccio ritorno della cosiddetta 'fuga dei cervelli' potrebbe, in brevissimo tempo, aumentare il potenziale di crescita dell'economia”, ha affermato.

Oltre il 40% dei rimpatriati è arrivato in Lombardia, la regione settentrionale che circonda Milano, rilanciando la capitale finanziaria italiana la cui produzione è cresciuta del 10,2% dal 2019 rispetto ad appena il 3% per l'intera nazione.

“La situazione a Milano è molto vivace, in parte perché ci sono molti giovani professionisti con esperienza internazionale che stanno apportando cambiamenti”, ha affermato Alessandra Mariani, direttrice marketing di 29 anni presso un’importante azienda tecnologica trasferitasi dal Regno Unito nel 2017. 2021, usufruendo del sistema di incentivi annullato.

READ  Modificare la Costituzione italiana sulla base della Laudato si'?

Senza gli incentivi fiscali non avrebbe preso la sua decisione.

“In Italia gli stipendi sono più bassi che in altre economie sviluppate e spesso ai giovani viene data meno responsabilità decisionale. Ciò significa che trasferirsi in Italia può essere una scommessa sul proprio percorso professionale. Bisognerebbe quindi essere ricompensati per aver intrapreso un simile percorso” rischio”,” ha detto.