Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Janice Johnson: una contadina di 66 anni che ha falsificato il nome del padre morto in un complotto per ereditare una tenuta del valore di quasi 2 milioni di dollari

Janice Johnson: una contadina di 66 anni che ha falsificato il nome del padre morto in un complotto per ereditare una tenuta del valore di quasi 2 milioni di dollari

Un allevatore di pecore che ha usato il padre morto come falso testimone nel suo tentativo di ereditare una proprietà da 1 milione di sterline è stata incarcerata ieri.

Janice Johnson, 66 anni, ha fabbricato documenti che indicavano il suo diritto alla piantagione del defunto John Harper.

Le diede persino una lettera con una calligrafia tremante, apparentemente del signor Harper, in cui diceva che le avrebbe lasciato la fattoria.

Successivamente la polizia ha scoperto che non aveva tremore alle mani.

In un’altra occasione un testamento fu affisso al cancello dell’ovile a Scrithwaite Farm, vicino a Mellum in Cumbria, lasciando tutto a Johnson e firmato da due uomini: il padre di Johnson, Martin Gott, e un amico del signor Harper di nome Norman Metcalf. La corte ha appreso che entrambi gli uomini erano morti.

Johnson ha utilizzato i campi del signor Harper a Skritwaite per far pascolare le sue pecore per 19 anni e potrebbe essersi accontentata dopo la sua morte nel 2016, è stato detto alla Preston Crown Court.

I pubblici ministeri hanno detto che aveva intenzione di acquisire la proprietà dopo aver appreso che il signor Harper non aveva lasciato testamento e che la terra, gli edifici e il denaro “sarebbero andati a persone che non avevano alcun interesse nella fattoria”.

Il signor Harper è morto senza parenti, ma la società di ricerca sugli eredi ha trovato 55 potenziali beneficiari, tre dei quali avevano visitato la tenuta.

Giorni dopo, una nota anonima è stata inviata a un vicino in cui si affermava che il signor Harper voleva lasciare le attrezzature agricole e il denaro ad alcuni vicini e la fattoria a J Johnson.

READ  L'aereo dell'aeronautica filippina si schianta, uccidendo almeno 29 persone
icona della fotocameraUn’allevatrice di pecore che ha usato il padre morto come falsa testimone nel tentativo di ereditare una proprietà del valore di quasi 2 milioni di dollari è stata incarcerata. credito: © Copyright Rob Noble e licenza/fornito

Quando il documento “Shaky Line” venne alla luce, Johnson portò la lettera al suo avvocato, ma le fu detto che non era valido come testamento perché non era né firmato né testimoniato. Fu allora che un nuovo “testamento” fu ritrovato inchiodato al cancello dell’ovile.

Johnson lo portò al suo avvocato ma gli fu nuovamente detto che non era valido perché non aveva data. Si dice che abbia cercato di “sostenerla” con un appuntamento.

L’accusa ha affermato che lei o qualcun altro ha trovato il diario di suo padre del 1999 e lo ha “schiacciato” in una frase tra due righe presumibilmente scritta da suo padre che era testimone di un testamento.

Ha falsificato un’altra lettera di suo padre dicendole che è menzionata nel testamento del signor Harper. Ma la corte apprese che il signor Harper era noto per essere un avaro che evitava i contatti sociali.

Perfino Johnson ammise che si sarebbe nascosto nella stalla e avrebbe chiuso a chiave la porta quando lei fosse venuta a prendersi cura delle sue pecore.

I pubblici ministeri hanno affermato che la donna ha scelto deliberatamente uomini morti come testimoni sui suoi documenti falsi in modo che non potessero essere interrogati.

È stata arrestata dopo aver commesso una serie di errori nel tentativo di aggiudicarsi la fattoria e di mandare avanti i suoi affari, ha riferito la corte.

READ  Isole Salomone: elezioni nel Pacifico monitorate da vicino da Cina e Occidente

Johnson, della vicina Fenwick Farm a Thwaite, è stato giudicato colpevole di cinque capi d’imputazione di frode per falsa testimonianza dopo un processo durato una settimana.

Ieri è stata condannata a quattro anni di carcere per ogni accusa di frode.

Il giudice Graham Knowles le ha detto che ha iniziato a rilevare la fattoria subito dopo aver incontrato i beneficiari Ellen Steele, sua figlia Claire Clark e il figlio della signora Clark, Gregory, che hanno visitato la fattoria dopo essere stato contattato dai cacciatori di eredi.

“Mi resi conto che John Harper non aveva lasciato testamento, quindi tutto ciò che possedeva andava a persone che non avevano alcun interesse nella fattoria”, le disse.

“Hai subito deciso che non vuoi che ciò accada e avrai tutto ciò che ti resta. Le lettere sono state scritte in un modo molto inetto, pieno di incongruenze e possibilità assurde…

“Sei vista come una gran lavoratrice, una donna perbene e sei rispettata nella comunità, ma del resto non puoi ammettere quello che hai fatto. È sconcertante.”

Johnson ha detto alla corte che credeva che alcuni documenti fossero autentici e ha negato di aver falsificato alcuna lettera.