Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Australia e Filippine tengono esercitazioni militari e pianificano di pattugliare il Mar Cinese Meridionale | Notizie sul Mar Cinese Meridionale

Australia e Filippine tengono esercitazioni militari e pianificano di pattugliare il Mar Cinese Meridionale |  Notizie sul Mar Cinese Meridionale

Circa 1.200 soldati australiani e 560 marines filippini hanno preso parte a un’esercitazione militare che includeva un assalto alla spiaggia.

Il ministro della Difesa australiano Richard Marls ha affermato che l’Australia ha un interesse in termini di sicurezza nel Mar Cinese Meridionale e lavorerà a stretto contatto con le Filippine per pattugliamenti congiunti nelle acque contese.

Marlies ha fatto l’annuncio venerdì mentre osservava circa 2.000 membri del personale di difesa australiano e filippino, nonché marines statunitensi, prendere parte ad esercitazioni di sbarco anfibio e assalto aereo come parte di esercitazioni congiunte a cui sta partecipando anche il presidente filippino Ferdinand Marcos Jr..

L’esercitazione congiunta avviene in un contesto di rinnovate tensioni tra Manila e Pechino nel Mar Cinese Meridionale, e ha comportato l’arrivo di truppe con veicoli d’assalto anfibi, paracadute e aerei Osprey statunitensi per assaltare la spiaggia.

Due aerei da caccia F-35 australiani hanno fornito supporto aereo ravvicinato e le navi da guerra australiane hanno assicurato le acque circostanti.

Soldati filippini prendono parte a un’esercitazione congiunta di assalto anfibio su larga scala il 25 agosto 2023, presso la base navale di San Antonio, Zambales, Filippine. [Riley Blennerhassett/Australian Department of Defence via AP Photo]

Le esercitazioni aeree, marittime e terrestri furono le prime esercitazioni congiunte su larga scala tra Australia e Filippine, simulando la riconquista di un’isola controllata dal nemico.

Il presidente Marcos ha detto ai giornalisti che le Filippine vogliono un rapporto di lavoro più stretto con gli eserciti dei suoi vicini regionali.

“È un aspetto importante del modo in cui ci prepariamo ad ogni eventualità, tenendo presente che ci sono molti eventi che testimoniano la volatilità della regione”, ha detto in una conferenza stampa dopo le esercitazioni.

Marlis ha detto dopo l’esercitazione che i primi pattugliamenti congiunti nel Mar Cinese Meridionale da parte delle marine australiana e filippina “avverranno presto”.

READ  Il corpo risulta positivo al COVID-19 dopo aver lavato via le spiagge di Vanuatu

Ha inoltre riaffermato il suo sostegno a una sentenza del 2016 emessa da un tribunale arbitrale dell’Aia ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare che ha ampiamente invalidato la rivendicazione della Cina su quasi tutto il Mar Cinese Meridionale e ha confermato il controllo filippino della risorsa nel 2000. -Miglia nautiche (equivalenti a circa 370km) dalla zona economica esclusiva.

La Cina ha rifiutato di partecipare all’arbitrato e continua a contestare la sentenza, mantenendo le sue rivendicazioni sulla maggior parte del mare.

“Si possono fare molti danni all’Australia prima che qualsiasi potenziale avversario metta piede sulle nostre coste. Preservare l’ordine basato sulle regole nel Sud-Est asiatico, preservare la sicurezza collettiva del Sud-Est asiatico, è fondamentale per preservare la sicurezza nazionale del nostro Paese.” Marls ha detto in un’intervista venerdì scorso.

Stati Uniti, Australia e Filippine sono tra i critici più feroci delle azioni aggressive della Cina e del crescente confronto nelle acque contese, ma l’esercito filippino ha affermato che Pechino non era l’obiettivo percepito delle esercitazioni di combattimento di venerdì.

Negli ultimi scontri tra Filippine e Cina nelle acque contese, una nave della guardia costiera cinese ha utilizzato un cannone ad acqua il 5 agosto per cercare di bloccare l’arrivo dei rifornimenti filippini a Second Thomas Shoal, dove sono di stanza le truppe filippine.

L’Australia e gli Stati Uniti hanno espresso sostegno alle Filippine e hanno espresso forti preoccupazioni per le azioni delle navi della guardia costiera cinese.

Washington ha rinnovato l’avvertimento che è obbligata a difendere le Filippine, il suo più antico alleato in Asia, se le truppe, le navi e gli aerei filippini verranno attaccati, anche nel Mar Cinese Meridionale.

READ  Google, Apple Navalny 'censurato' mentre iniziano i sondaggi in Russia

Due navi da rifornimento filippine sono riuscite a superare il blocco cinese martedì, in uno stallo teso testimoniato dai giornalisti.

La Cina ha avvertito gli Stati Uniti di non farsi coinvolgere in quella che definisce una disputa puramente asiatica.

Filippine, Malesia, Vietnam, Brunei e Taiwan rivendicano la sovranità su alcune aree del Mar Cinese Meridionale.