Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Incursioni europee sui dispositivi di sconfitta nei motori diesel Suzuki

Una vista mostra il logo di un camion Suzuki in vendita presso la concessionaria Suzuki di National City, California, il 6 novembre 2012. REUTERS/Mike Blake/File Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

BERLINO (Reuters) – I pubblici ministeri in Germania, Italia e Ungheria hanno condotto ricerche sull’uso di impianti di manipolazione illegali che forniscono letture false delle emissioni per conformarsi alle normative dell’Unione Europea nelle auto Suzuki. <7269.T> alimentato a diesel.

I pubblici ministeri tedeschi hanno dichiarato in una dichiarazione mercoledì che le loro indagini riguardano le persone responsabili di Suzuki, la casa automobilistica numero 4 al mondo, Stylantis. E l’azienda giapponese Marelli, produttrice di ricambi per auto.

Le ricerche sono in corso in Germania, Italia e Ungheria nell’ambito di un’azione coordinata da Eurojust, l’Agenzia europea per la cooperazione nel campo della giustizia penale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Jorgst ha affermato che i raid sono stati effettuati “per contrastare l’uso di emettitori difettosi nei motori utilizzati nelle auto di un produttore giapponese”.

“I dispositivi sarebbero stati installati nei motori diesel di fabbricazione italiana di un gran numero di auto, dando l’impressione che le emissioni di ossido di azoto dei veicoli fossero in linea con le normative UE”, ha affermato l’agenzia.

I motori sono stati poi assemblati nei modelli delle case automobilistiche in uno stabilimento di produzione in Ungheria, ha aggiunto l’agenzia.

La giapponese Suzuki, che ha la sua sede europea in Germania, ha rifiutato di commentare.

Stylantis e Marelli non hanno subito risposto alle richieste di commento.

READ  Nuove aggiunte ad ADAC, Natuzzi Americas apre le sue porte ai designer italiani e non solo

L’uso di software illegale, o la sconfitta dell’hardware, ha portato allo scandalo “Dieselgate” della Volkswagen (VOWG_p.DE) nel 2015, il più grande caso del suo genere fino ad oggi.

Volkswagen ha ammesso di aver utilizzato il software per condurre test sui motori diesel e ha affermato che sono stati coinvolti 11 milioni di veicoli in tutto il mondo. Finora, lo scandalo è costato alla casa automobilistica tedesca più di 40 miliardi di dollari in ristrutturazioni automobilistiche, multe e disposizioni per future rivendicazioni legali.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Nick Curry e Miranda Murray), Montaggio di Thomas Eskerrit e Tomasz Janowski

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.