Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La guerra in Ucraina ostacola le prospettive di crescita nell’Europa orientale

L’invasione russa costerà all’economia ucraina fino alla metà della sua produzione economica quest’anno, secondo le previsioni dell’Istituto di studi economici internazionali di Vienna.

Le previsioni di primavera del think tank, pubblicate mercoledì, mostrano che è probabile che anche la Russia subisca una profonda recessione a causa delle sanzioni occidentali, mentre il resto dell’economia dell’Europa centrale e orientale è a rischio di un embargo su petrolio e gas.

Il rapporto afferma che l’Ucraina perderà il 38% del suo prodotto interno lordo quest’anno anche se nei prossimi mesi fosse concordato un cessate il fuoco. “Anche con una soluzione politica, è improbabile che una forte ripresa inizi fino al 2024, quando gli investitori privati ​​tarderanno a tornare nel Paese”, ha affermato Vasily Astrov, capo economista dell’istituto.

Se la lotta continua, il danno alla produzione potrebbe raggiungere il 45%.

Il deficit di bilancio dell’Ucraina potrebbe raggiungere un quarto del PIL, con le regioni orientali – responsabili di oltre la metà della produzione del Paese, oltre il 40 per cento della sua produzione industriale e un terzo della sua produzione agricola – duramente colpite dal conflitto. Kristalina Georgieva, amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, ha avvertito la scorsa settimana che l’Ucraina avrebbe bisogno di 5 miliardi di dollari al mese per i prossimi tre mesi per colmare le lacune di finanziamento lasciate dal conflitto.

Le esportazioni hanno sofferto molto poiché i porti del Mar Nero, che movimentavano metà di tutto il carico, sono in gran parte inutilizzabili. Anche i tassi di disoccupazione sono aumentati.

Il rapporto afferma che l’economia russa starebbe meglio, riducendosi di circa il 9% senza un embargo energetico, ma scendendo fino al 15% se le esportazioni di petrolio e gas fossero interrotte.

READ  Virgin Galactic si ritira dai voli spaziali commerciali

Mentre i governi occidentali saranno in grado di gestire meglio l’impatto della guerra, parti dell’economia come il settore automobilistico soffriranno di forniture dolorose e turbolenze del mercato. Tuttavia, un embargo energetico farebbe precipitare perdite di produzione ancora maggiori in tutta la regione.

Secondo le stime compilate dall’istituto sulla base di uno scenario geopolitico più negativo, l’embargo spingerà la maggior parte dell’Europa orientale in un’altra recessione dopo che la regione si sarà rapidamente ripresa dagli effetti della pandemia di coronavirus.

Grafico a barre della variazione prevista del PIL nel 2022 secondo lo scenario di base (%) che mostra il danno economico della guerra tra Ucraina e Russia

L’Ungheria è gravemente soggetta all’embargo, con la sua economia che potrebbe crollare più drasticamente rispetto ai suoi vicini se l’embargo entrerà in vigore. Il neo rieletto primo ministro Viktor Orban è tra gli strenui oppositori delle sanzioni.

Un altro paese a rischio di embargo energetico è la Serbia, dove la crescita dovrebbe essere spazzata via quest’anno se verrà imposto un embargo energetico. Ha detto al Financial Times che il presidente Aleksandar Vucic rifiuta qualsiasi sanzione alla Russia, dicendo che deve tenere le luci accese.

Il Paese meno esposto della regione è la Slovenia, la cui economia è strettamente legata a quella di Germania, Austria e Italia, anche se Lubiana vedrebbe una crescita lenta in caso di embargo energetico.

L’inflazione, che ha già raggiunto picchi pluriennali in molti paesi, diventerà particolarmente acuta se le importazioni di energia russe saranno bandite. “Se c’è un embargo energetico contro la Russia, il tasso di inflazione sarà a due cifre in quasi tutti i paesi”, ha affermato Astrov, autore principale delle previsioni di primavera dell’istituto. Il tasso di inflazione della Turchia dovrebbe salire al 55% anche senza un embargo energetico e al 67% se viene imposto un divieto.

READ  Natuzzi sta assumendo un nuovo CEO con la crescita delle vendite internazionali

Sebbene prendersi cura di milioni di rifugiati ucraini possa costare al continente fino a 40 miliardi di euro, molti potrebbero presto trovare lavoro e alleviare la persistente carenza di manodopera nella regione, fornendo un rivestimento d’argento alle prospettive economiche generalmente cupe.