Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il tempo non è dalla parte di Vodafone nelle fusioni e acquisizioni italiane

Il tempo non è dalla parte di Vodafone nelle fusioni e acquisizioni italiane

Apri Editor's Digest gratuitamente

I giganti caduti possono essere lenti nel comprendere appieno la realtà delle loro posizioni ridotte. Prendi Vodafone. Il gruppo di telecomunicazioni, un tempo molto apprezzato, sta affrontando tutta una serie di problemi nel suo portafoglio internazionale, vendendo asset in Spagna e annunciando una fusione con Three nel Regno Unito. Tuttavia, in Italia, dove la sua attività ha lottato in un mercato altamente competitivo, ha rifiutato un’offerta di fusione da 15 miliardi di euro da parte della rivale francese Iliad. Questa è una mossa sbagliata. Il tempo non è dalla parte di Vodafone.

È vero, la presentazione dell'Iliade è stata tutt'altro che un successo. Le due società immaginavano di unire le loro attività italiane in una joint venture 50-50, un incubo di governance in attesa di accadere. L'atteggiamento aggressivo dell'Iliade – che annunciava la proposta non concordata e poi ne annunciava la fine – non era un inizio promettente per una sana partnership.

Per motivi di valutazione, l’accordo proposto era a favore di Iliad. La joint venture, che ha un valore aziendale di 14,9 miliardi di euro, avrebbe raccolto 7 miliardi di euro di nuovo debito per ripagare Vodafone 6,6 miliardi di euro e 0,4 miliardi di euro per Eliad. Ciò avrebbe lasciato a Vodafone liquidità e titoli per un valore di 10,5 miliardi di euro, ovvero otto volte gli utili prima di interessi, tasse, svalutazioni e ammortamenti della sua unità italiana dopo i canoni di locazione. Secondo le stime di Karen Egan della società di analisi Enders, la Eliad, che è certamente in più rapida crescita ma poco redditizia, sarebbe stata valutata 17 volte l’utile al lordo di interessi, tasse, svalutazione e ammortamento.

READ  L'Italia approva la legge sul "diritto all'oblio" per i sopravvissuti al cancro

Tuttavia, un accordo con Eliade sarebbe stato il miglior risultato strategico per le attività italiane di Vodafone. La combinazione dei due player mobile avrebbe generato un risparmio sui costi di 600 milioni di euro, almeno secondo Iliad. La combinazione di questa audace startup contribuirebbe anche a rafforzare un mercato altamente competitivo.

Vodafone ha una possibile seconda opzione. Si vocifera di una partnership con Fastweb di Swisscom. Potrebbe essere più semplice convincere tutte le parti interessate di ciò in termini di adattamento culturale, governance e controllo normativo. Ma Fastweb è in gran parte un operatore di rete fissa, il che significa costi più bassi e meno concorrenza sulla telefonia mobile.

Nel frattempo, difficilmente l'attesa migliorerà la situazione di Vodafone. “L'Iliade” colpisce per le sue opere italiane. Le entrate dei servizi mobili del Paese sono diminuite di oltre il 5% nella prima metà dell'anno fiscale, mentre gli utili prima di interessi, tasse, svalutazioni e ammortamenti sono diminuiti del 15%.

A livello di gruppo, il nuovo amministratore delegato, Margherita Della Valle, deve affrontare una sfida importante. Si è impegnata a invertire un lungo periodo di sottoperformance del titolo, che ha lasciato il titolo ai minimi di 25 anni. Ora dovrà dimostrare agli azionisti che è in grado di mantenere le sue promesse. Altrimenti potrebbero aumentare le richieste di secessione completa. L’ultima cosa di cui Della Valle ha bisogno è affrontare questo round di accordi da una posizione di completa disperazione.

Lex è la principale rubrica di investimento giornaliero di FT. Se sei abbonato e desideri ricevere avvisi quando vengono pubblicati articoli Lex, fai semplicemente clic sul pulsante “Aggiungi a myFT”, che appare nella parte superiore di questa pagina sopra il titolo