Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il serial killer di Hollywood Michael Gargolo che ha ucciso la fidanzata di Ashton Kutcher è stato condannato a morte

Michael Gargiulo “The Hollywood Reaper” è stato condannato a morte sabato in California (AEST) per l’omicidio di due donne, tra cui la fidanzata di Ashton Kutcher, durante un’irruzione in casa.

Gargiulo, ex buttafuori, riparatore di condizionatori e aspirante attore, è stato condannato nell’agosto 2019 per gli omicidi del 2001 di Ashley Ellerin, 22 anni, e Maria Bruno, 32 anni, nel 2005.

È stato anche condannato per tentato omicidio nell’attacco del 2008 a una donna di Santa Monica.

Irene, che è stata trovata nella sua casa di Hollywood con 47 coltellate, doveva uscire con Kutcher, che allora era un giovane attore emergente.

Kutcher ha testimoniato al processo di Gargiulo per l’omicidio di Gargiulo che era in ritardo nella scelta di Illyrin, ma la chiamò ripetutamente per farle sapere il suo ritardo.

Quando finalmente arrivò alla sua porta sulle colline di Hollywood, lei non rispose. Kutcher ha testimoniato che pensava che fosse in piedi, ma in realtà Gargiulo l’ha uccisa.

Kutcher ha detto che ha guardato fuori dalla finestra e ha visto quello che pensava fosse vino rosso rovesciato sul pavimento prima di andarsene, presumendo che fosse già fuori.

I pubblici ministeri hanno detto che Gargiulo ha preso di mira giovani donne di bell’aspetto che vivono nelle vicinanze e lo ha soprannominato “The Boy Next Door Killer”. Ma si è guadagnato i soprannomi “The Chiller Killer” e “The Hollywood Ripper” dai media.

Il giudice della Corte Suprema di Los Angeles Larry B. Fiedler ha giudicato “brutale e spaventoso” il 45enne Gargiulo quando ha pronunciato la sentenza.

“Ovunque vada il signor Gargiulo, seguono morte e distruzione”, ha detto Fiedler.

READ  Timori di fuoriuscita di petrolio mentre la nave da carico chimica in fiamme è affondata al largo della costa occidentale dello Sri Lanka Lanka

Gargiulo dovrebbe essere estradato in Illinois per essere processato per l’omicidio nel 1993 della 18enne Tricia Pacacchio.