Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un portavoce militare israeliano ha difeso il raid che ha ucciso l'operatrice umanitaria australiana Zumi Frankcom e altre sei persone

Un portavoce militare israeliano ha difeso il raid che ha ucciso l'operatrice umanitaria australiana Zumi Frankcom e altre sei persone

Il portavoce dell'IDF, tenente colonnello Peter Lerner, ha lanciato una difesa contro gli attacchi dei droni israeliani che hanno ucciso l'operaio umanitario australiano Zumi Frankcom, durante un'intervista a 7.30 in cui ha anche detto che Israele sta esaminando se sia necessaria un'indagine penale.

Alla domanda se l'incidente costituisse un crimine di guerra, il tenente colonnello Lerner ha negato, ma ha affermato che ci sono stati una serie di fallimenti da parte delle forze di difesa israeliane.

Tuttavia, ha sottolineato che si tratta di incidenti comprensibili avvenuti sotto la copertura dell'oscurità in un'area dove le forze dell'esercito israeliano credevano che fossero presenti militanti di Hamas.

“I camion provenivano da dove le scorte di cibo della nave World Central Kitchen venivano scaricate nei magazzini”, ha detto alle 7:30.

L'operatrice umanitaria australiana Zomi Frankum è stata uccisa nei raid.(LinkedIn)

“Mentre i camion viaggiavano, terroristi armati sono saliti su almeno uno dei camion e hanno sparato diversi colpi mentre si muoveva.

“Quei camion che si dirigevano verso il magazzino hanno incontrato quattro veicoli, quei quattro veicoli della sorveglianza aerea sembravano molto simili ai camioncini Toyota arrivati ​​in Israele il 7 ottobre”.

Il 7 ottobre è stata la data in cui i terroristi di Hamas sono entrati in Israele e hanno ucciso circa 1.200 persone, secondo dati israeliani.

READ  Il fatiscente palazzo storico Mavisbank House è stato salvato per 5 milioni di sterline

Il tenente colonnello Lerner ha detto che l'incidente ha influenzato il pensiero dell'esercito la notte in cui Frankcom è stato ucciso.

“Questa è stata la conclusione che l'operatore e le truppe hanno capito”, ha detto il tenente colonnello Lerner.

“Sono giunti alla conclusione che questo deve essere Hamas”.

Ha poi detto che, nonostante la sospetta presenza di Hamas, alti esponenti militari avevano chiesto agli operatori di droni dell'IDF di non colpire a causa della vicinanza dei depositi di aiuti.

Tuttavia, ha detto che le idee sono cambiate subito dopo, quando alcuni camion hanno lasciato la zona.

“Un veicolo si è diretto a nord, ha proseguito verso un altro magazzino e quindi non è stato bombardato perché si trovava nella zona umanitaria.

“Gli altri tre veicoli erano separati e, nella mentalità degli operatori… che hanno diretto il fuoco, pensavano che stesse inseguendo tre veicoli di Hamas.

“Questa era la mentalità ed era sbagliata.

“Poi hanno ordinato lo sciopero e non sono tornati indietro per ottenere nuovamente l’approvazione, ma hanno portato avanti lo sciopero”.

Rifiutarsi di riconoscere l'incidente è stato un crimine di guerra

Il governo australiano non è rimasto impressionato dalla risposta di Israele al raid che ha ucciso un cittadino australiano, con il primo ministro Anthony Albanese irritato dalla descrizione dell'incidente da parte del suo omologo israeliano Benjamin Netanyahu come “ciò che accade in guerra”.

In quanto tale, il governo ha nominato l'ex segretario alla Difesa Mark Binskin consigliere speciale sulla risposta di Israele all'attacco aereo.

Persone ispezionano il luogo in cui i lavoratori della World Central Kitchen sono stati uccisi in un attacco di droni israeliani

Sono rimasti pochissimi camion dopo l'attacco dei droni dell'esercito israeliano.(Afp: Abdel Karim Hanna)

Quando è stato chiesto se si trattasse di un crimine di guerra, il tenente colonnello Lerner è rimasto vago e ha affermato che deve essere seguito il giusto processo, ma ha detto che il procuratore militare israeliano Yifat Tomer Yerushalmi potrebbe avviare un'indagine.

READ  Benjamin Netanyahu vincerà le elezioni israeliane?

“Il procuratore militare sta cercando di scoprire se esiste un'indagine penale attraverso un'intesa operativa e un'indagine indipendente”, ha detto.

Il tenente colonnello Lerner ha anche detto che mentre due ufficiali coinvolti erano stati dimessi dai loro ruoli a causa del loro coinvolgimento nell'attacco, solo un ufficiale, un riservista, era stato completamente rimosso dall'IDF, mentre l'altro era sotto inchiesta.

Uomo in uniforme militare.

Il portavoce dell'IDF è il tenente colonnello Peter Lerner. (Facebook)

Tuttavia, anche se ha suggerito la possibilità di un'accusa per crimini di guerra, non è stato d'accordo con la valutazione che l'incidente sia stato semplicemente un incidente quando è stato insistito sulla questione.

“Dobbiamo aspettare che l'indagine, se c'è un'indagine penale, venga avviata dal procuratore militare”, ha detto alle 19:30.

“Non mi aspetto che sia così.

“Non sono d’accordo con la tua conclusione secondo cui questo è il caso.

“Ci possono essere errori in uno stato di guerra, in uno stato di guerra, questo è chiaramente un errore.

“Ci siamo presi la responsabilità dell’errore”.

Egli guarda 7.30dal lunedì al giovedì alle 19:30 Spettacolo dell'ABC E la televisione ABC