Aprile 12, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il satellite cattura la tempesta solare scoppiata sull’ammasso stellare delle Pleiadi

Il Sun and Heliospheric Observatory (SOHO) della NASA ha documentato un ipnotizzante spettacolo spaziale lunedì, catturando i momenti in cui una massiccia eruzione di massa coronale è esplosa dalla superficie del sole e ha danzato davanti a un ammasso stellare noto come le Pleiadi, o Sette Sorelle.

Le espulsioni di massa coronale, o CME, possono lanciare nello spazio particelle ad alta energia, plasma solare e ulteriore caos magnetico.

Questo enorme CME è saltato dal lato più lontano del sole. La scena impressionante ha catturato l’attenzione SpaceWeather.comun punto di smistamento per le informazioni meteorologiche spaziali, che condivide le immagini.

L’aurora boreale e quella australe attraversano il pianeta in uno straordinario spettacolo dell’aurora boreale

Il CME di lunedì ha assunto la forma di un “alone CME completo”, o una forma che produce una firma ad anello sugli strumenti, in questo caso il satellite SOHO. L’onda d’urto interstellare sembrava irradiarsi verso l’esterno in tutte le direzioni, ricordando le increspature che circondavano una roccia caduta in uno stagno.

Quando è diretto verso la Terra, l’intero alone si scontra con la magnetosfera terrestre, o il nostro campo magnetico protettivo, ed è spesso associato a imminenti manifestazioni dell’aurora boreale e australe, rispettivamente dell’aurora boreale e australe. Tali potenti tempeste solari possono distruggere le infrastrutture elettriche, danneggiare i satelliti e persino causare radiazioni malsane ai passeggeri delle compagnie aeree che volano vicino ai poli.

READ  Il test del missile lunare Artemis I della NASA è stato rinviato

Tuttavia, in questo caso, il CME si stava allontanando dalla Terra, forse a velocità superiori a un milione di miglia all’ora, il che significa che non c’era alcun potenziale impatto.

Il CME catturato da SOHO è stato particolarmente notevole per il passaggio davanti alle Pleiadi, un ammasso stellare a circa 444 anni luce dalla Terra (il che significa che la luce che vediamo quando guardiamo le stelle è in realtà dai tempi di Shakespeare). Prima del lancio di SOHO nel 1995, individuare le stelle da un sensore puntato verso il sole era solo un sogno irrealizzabile.

Perché i “brillamenti solari” stanno diventando più comuni?

Molte espulsioni di massa coronale sono precedute da brillamenti solari, che sono filamenti più concentrati di magnetismo e luce visibile che possono durare da minuti a ore.

La maggior parte dei brillamenti solari e delle CME proviene da macchie solari o cambiamenti di colore che sembrano lividi sulla superficie del sole. Sono regioni di temperature più fredde da cui viene emesso il flusso magnetico. Le macchie solari nascono dalle interazioni tra bande magnetiche sovrapposte che circondano il sole.

Le macchie solari sono più comuni ogni 11 anni al culmine del “ciclo solare”. Mentre qualsiasi macchia solare può produrre un CME e una tempesta solare efficaci per la Terra, un numero maggiore di macchie solari significa una maggiore propensione a forzare gli eventi.

Il ciclo solare continuo, il venticinquesimo che gli scienziati hanno seguito, “ha preso vita” più velocemente del previsto, Secondo SpaceWeather.come dovrebbe raggiungere il picco ovunque tra la fine del 2024 e il 2025.

In effetti, il sole è stato pieno di attività negli ultimi mesi. Spettacoli multipli e mozzafiato dell’aurora boreale hanno raggiunto l’estremo sud anche negli Stati Uniti meridionali, e altri potrebbero esserlo nel prossimo futuro.

READ  Un nuovo studio rileva che il cambiamento climatico sta facendo cambiare colore ai nostri oceani