Giugno 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Movimento per rendere i luoghi di lavoro “amici della menopausa”

Movimento per rendere i luoghi di lavoro “amici della menopausa”

Negli ultimi anni, i manager di Nvidia, l’azienda globale di grafica computerizzata, hanno iniziato a sentire un nuovo tipo di lamentela: alcune dipendenti donne soffrivano di vampate di calore, affaticamento, annebbiamento del cervello – sintomi comuni della transizione menopausale – e la loro regolarità. I medici non offrivano guida o sollievo.

“Sono venuti da noi e hanno detto: ‘Da chi vado? “Erano tipo, ‘Abbiamo il supporto per la fertilità, abbiamo il congelamento degli ovuli, abbiamo la maternità surrogata e l’adozione. E io?'”

Alcuni problemi di salute delle donne, come le lotte per la fertilità e la depressione postpartum, sono già stati riconosciuti come problemi che i datori di lavoro possono affrontare. Ma fino a poco tempo fa, la discussione sui sintomi della menopausa e della perimenopausa, il periodo di molti anni che porta alla fine degli anni fertili di una donna, era in gran parte un tabù.

Questo sta iniziando a cambiare. Sta emergendo un nuovo movimento per creare “posti di lavoro favorevoli alla menopausa”, a partire dalla Gran Bretagna, dove si ritiene che le donne in postmenopausa siano le donne in più rapida crescita forza lavoro demografica.

Più di 50 organizzazioni britanniche, tra cui HSBC UK, Unilever UK e la squadra di calcio West Ham United, sono ora accreditate come “Menopausa amichevoleSebbene sia stato sviluppato da Henpicked: menopausa sul posto di lavoroSocietà britannica di formazione professionale. Sondaggio moderno È stato stimato che tre luoghi di lavoro su 10 in Gran Bretagna ora dispongono di un qualche tipo di politica sulla menopausa. C’è anche un file Cerimonia di premiazionetenutasi a Londra, per le aziende più amiche della menopausa.

Parlamento britannico tenuto Molteplici udienze Sull’amenorrea sul posto di lavoro negli ultimi due anni, chiede che queste politiche, che includono formazione sui sintomi, servizi fisici come ventilatori da ufficio e uniformi modificate e orari più flessibili, siano più diffuse.

Ora, la tensione sta raggiungendo gli Stati Uniti. Il sindaco di New York City Eric Adams ha promesso all’inizio di quest’anno di “cambiare lo stigma intorno alla menopausa in questa città” e di “creare luoghi di lavoro più favorevoli alla menopausa per i lavoratori della città migliorando le politiche e gli edifici”.

Un numero crescente di aziende “fem-tech” e altri imprenditori focalizzati sulla salute delle donne sono alla ricerca di opportunità di profitto in tutto, da Descrizione degli ormoni in vendita A tema menopausa Pezzi nutrienti.

I datori di lavoro riconoscono che offrire assistenza è un modo per mantenere le donne esperte nella forza lavoro, poiché emergono ulteriori prove del fatto che i sintomi della menopausa danneggiano la produttività e inducono le donne a dimettersi o a considerare di lasciare il lavoro.

recentemente studio britannico, ad esempio, ha rilevato che un terzo delle donne di età compresa tra 50 e 64 anni ha riportato difficoltà da moderate a gravi ad affrontare il lavoro a causa dei sintomi della menopausa. UN Sondaggio 2021 della Mayo Clinic Si stima che circa il 10% delle donne di età compresa tra 45 e 60 anni si sia preso una pausa nell’ultimo anno negli Stati Uniti a causa dei sintomi della menopausa, costando ai datori di lavoro circa 1,8 miliardi di dollari.

Il primo passo verso un posto di lavoro favorevole alla menopausa, ha affermato Deborah Garlick, fondatrice di Henpicked, è fornire istruzione per ridurre lo stigma. Ciò può comportare la pubblicazione di informazioni sui siti Web aziendali e la formazione di dipendenti e dirigenti, indipendentemente dal sesso.

Molte persone, ad esempio, non sanno che i sintomi della menopausa possono iniziare già a 30 anni di una donna, e anche modifiche minori, come consentire a un dipendente di prendersi una breve pausa quando compaiono i sintomi, possono aiutare.

Aiuta anche ad assumere “campioni della menopausa”, personale disposto a parlare della menopausa e aiutare le donne a trovare supporto, ha detto; Più sono in alto nei ranghi dell’azienda, meglio è. “Quando un’organizzazione mostra attraverso i suoi alti dirigenti che questo è qualcosa di importante e che lo prendono sul serio, dà a tutti il ​​​​permesso di parlarne”, ha detto.

I luoghi di lavoro possono fornire ai dipendenti l’accesso alle cure. Alcuni hanno iniziato ad assumere aziende che offrono appuntamenti virtuali con operatori specializzati nella cura della menopausa, come ad esempio Esperto diE mezzogiornoE Pieno di saluteazienda britannica che ha recentemente aperto un ufficio a Brooklyn.

In Gran Bretagna, alcuni luoghi di lavoro offrono ventilatori da scrivania per le donne. L’uniforme potrebbe essere modificata per respirare meglio. Le donne che stanno attraversando un periodo particolarmente brutto possono chiedere di cambiare turno o lavorare da casa fino a quando i loro sintomi non saranno sotto controllo. UN lista di controllo Offri altre idee.

READ  L'antidoto all'invecchiamento? Ruolo critico di HKDC1 nel mantenimento della giovinezza cellulare

I migliori datori di lavoro sono quelli che chiedono ai loro colleghi: ‘Cosa ti impedisce di essere il meglio che puoi essere sul lavoro e cosa possiamo fare per aiutarti?'”, ha affermato la signora Garlick. “Gli aggiustamenti ragionevoli sono di solito piccole cose e in un breve periodo di tempo.”

C’è un apprezzamento 34 sintomi transitori della menopausaE i sintomi emergono spesso quando le donne raggiungono altezze maggiori sul lavoro, aggiungendo un’ulteriore sfida agli ostacoli dell’età e del sessismo già presenti in molti luoghi di lavoro.

In parte a causa della mancanza di educazione sulla menopausa, molte donne non sanno che ciò che le infastidisce è legato al cambiamento ormonale.

Wendy Sachs, una regista e produttrice newyorkese di 52 anni, ha ricordato come diversi anni fa, mentre lavorava a una serie televisiva, aveva perso il filo dei pensieri. “Ho avuto questa nebbia su di me per tutto il tempo, e onestamente ho pensato ‘ho la demenza ad esordio precoce'”, ha detto.

Non ha pensato di dirlo ai suoi colleghi, molti dei quali erano uomini. Passò molto tempo prima che finalmente trovasse uno specialista della salute delle donne – pagò di tasca sua $ 1.400 per vederlo – che le prescrisse una terapia ormonale sostitutiva. L’agopuntore raccomandava anche vitamine. “E mi sento davvero come se la nebbia si fosse diradata”, ha detto.

La signora Sachs era una delle circa 80 donne che hanno assistito alla proiezione alla fine di aprile di un nuovo documentario su Judy Blume — l’autrice del cui romanzo del 1970 “Are You There God? It’s Me, Margaret” ha abbattuto le barriere con la sua sincera discussione sul ciclo mestruale – seguito da un pannello intitolato “Bisogni della menopausa”. Alla nostra Margaret.” svoltasi a Club di comunicazione femminile A New York City, l’evento ha attirato donne che sostengono la causa della menopausa, tra cui Stacy Londrastilista e personaggio televisivo, W tocco fadlun’ancora di notizie locali.

La signora Garlick ha detto che le cose in Gran Bretagna nel 2016 erano più o meno le stesse di oggi a New York, con le donne generalmente riluttanti a portare l’attenzione sulla loro età e sullo stato della menopausa.

“Ho avuto persone che dicevano: ‘Non so perché ne stiamo parlando'”, ha detto, ricordando la particolare resistenza delle donne che hanno scalato i ranghi in campi dominati dagli uomini come le forze di polizia. preoccupato di come sarebbero stati percepiti”.

READ  Un uomo viene infettato da batteri carnivori sulla spiaggia

Durante quello osservazioni di gennaioIl signor Adams ricorda come l’insonnia di sua madre durante la menopausa le rendesse difficile svolgere il suo lavoro di cuoca. impegno alla riforma.

Ma alcuni esperti avvertono che rivelare i sintomi della menopausa comporta anche dei rischi, in quanto potrebbe avere un ruolo nell’ipotesi che le donne siano meno produttive sul lavoro man mano che invecchiano. Di conseguenza, potrebbe essere meglio iniziare lentamente negli aiuti alla menopausa con le risorse esistenti sul posto di lavoro, piuttosto che introdurre qualcosa di completamente nuovo, come una cella frigorifera, ha affermato la dott.ssa Stephanie Faubion, direttore medico per Associazione nordamericana della menopausa.

“L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è un altro motivo per discriminare le donne sul posto di lavoro e per trattenerle in qualche modo dicendo che c’è qualcosa di sbagliato nel fatto che stanno attraversando la menopausa e richiedono un alloggio”, ha detto.

Nvidia, che ha circa 13.000 dipendenti negli Stati Uniti, quest’anno ha iniziato a offrire l’accesso a Peppy Health a quei dipendenti e ai loro partner, dopo che circa una dozzina di donne hanno chiesto aiuto per trovare sollievo dai sintomi. Rosa ha affermato che il servizio, che fornisce assistenza medica virtuale tramite un’app, era già presente negli uffici britannici di Nvidia.

Bristol-Myers Squibb, l’azienda farmaceutica globale con sede a New York, è nelle prime fasi della preparazione del supporto per la menopausa per i suoi dipendenti con sede negli Stati Uniti. Prende il nome dalla sua filiale britannica, che consente al personale di sviluppare piani personalizzati per gestire i sintomi Il datore di lavoro dell’anno favorevole alla menopausa nel 2022.

La responsabile del Women’s Network di Bristol-Myers Squibb, Carla Daily, ha affermato che il primo passo dell’azienda sarebbe quello di creare un hub di informazioni sulla menopausa sulla sua intranet. In definitiva, prevede di offrire ai dipendenti americani le stesse opportunità delle loro controparti britanniche.

“Se stessi attraversando la menopausa nel Regno Unito, potrei avere questa conversazione onesta con il mio capo su ciò di cui avevo bisogno nel caso in cui si verificasse una riacutizzazione o nel caso avessi bisogno di prendermi del tempo per me stessa”, ha detto. Non ce l’abbiamo negli Stati Uniti.

Suono prodotto Avanti Abecasi.