Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Rinascimento solare dell’Italia

Il Rinascimento solare dell’Italia

Congestione di fase

PV Tech Premium Recentemente ho parlato con Cristiano Spillati, amministratore delegato di Limes, uno sviluppatore di energia solare e rinnovabile con sede in Italia. La nostra conversazione si è svolta nella hall dell'hotel Europa solare su larga scala nel 2024 Conferenza A Lisbona il mese scorso. Come si evince dalla nostra copertura dell’evento all’epoca, le griglie erano un argomento ricorrente, soprattutto quando la conversazione si spostava verso l’Europa meridionale.

Spillati ha affermato che circa 140 GW di progetti solari fotovoltaici sono attualmente in linea per la connessione alla rete in Italia, con un totale di tutte le energie rinnovabili che supera i 300 GW. Ciò significa che “non esistono barriere all'ingresso”, afferma, poiché i progetti accettati attualmente costano solo 3.000 euro per punto di connessione.

Ha continuato: “Ci sono molti individui o organizzazioni che fanno solo i primi due passi; Firmano [for] Un pezzo di terra, ottengono il punto di aggancio, anche senza accettarlo… hai un'idea per un progetto che puoi vendere a un prezzo più alto. [than you spent on the applications].”

“Questo è il motivo per cui, solo nel solare, il fabbisogno di connessione è pari a 140 GW.”

Questo tipo di speculazione progettuale intasa la sequenza di interconnessione con progetti che non hanno basi per una futura implementazione. Ciò, ha detto Spilati, allunga il già burocratico iter di approvazione. Terna, il gestore della rete nazionale, ha tre mesi di tempo per rispondere alla richiesta di connessione alla rete; “All'inizio ottieni una risposta dopo un mese, ma ora, alla fine degli anni '90Gi Il giorno in cui riceverai la risposta è perché sono così tanti.”

READ  L'Italia batte l'Australia e vince la Coppa Davis Notizie, sport, lavoro

“E in Italia, anche se sì [approvals] Centralizzato a livello ministeriale e aiutato a ottenere l’approvazione ambientale per i grandi progetti… c’è il problema, e poi vanno alle regioni per l’approvazione finale. Hai tutte queste piccole autorizzazioni che richiedono un po' di tempo.

Divisione Nord-Sud

La distribuzione degli asset solari sul territorio e sulla rete crea un altro problema per l’Italia. Secondo un censimento del 2011, le regioni più popolate dell’Italia – e con la domanda di elettricità più densa – si trovano principalmente al nord, ma i livelli di radiazione solare sono più alti al sud e, di conseguenza, lì vengono implementati più progetti solari.

La realtà fisica dello spostamento degli elettroni lungo un paese rappresenta una sfida per un efficace sviluppo solare in Italia perché ci sono limiti a ciò che la rete di trasferimento può fare.

In assume un altro tema prevalente LSS UE Alla conferenza, ha affermato che questo fatto apre l'opportunità per progetti di stoccaggio energetico co-localizzati con il solare fotovoltaico. “L'unica soluzione è il risparmio”, ha detto, “non c'è altro modo. È molto meno costoso, soprattutto ora con il CAPEX in calo [of storage plants] – piuttosto che aggiungere chilometri e chilometri di griglia.”

“Inoltre, se le autorizzazioni per gli impianti fotovoltaici sono un problema, potete immaginarlo per centinaia di chilometri di rete? Risparmio di risposta a breve termine.

Cita il Cile, dove la sua azienda, Limes, possiede energia solare e risorse di stoccaggio e sta riducendo lo stoccaggio perché è “impossibile gestire il nostro impianto solare”. “Arriveremo a quel punto” in Italia, prevede, “perché ne hai bisogno per la rete… e la domanda di colocation aumenterà”.

READ  L'Italia si unisce alla Francia nella richiesta di servizi del vaccino COVID-19 - National

PV Tech Premium Il mese scorso ha pubblicato un articolo sul crescente business case del solare e dello stoccaggio. LSS Conferenza.

Terna, l'operatore di rete italiano, ha recentemente annunciato un investimento di 18 miliardi di euro nei prossimi cinque anni per modernizzare e potenziare la rete di trasmissione italiana. In primo luogo, man mano che sempre più fotovoltaico, stoccaggio di energia e altre fonti rinnovabili saranno online, gli aggiornamenti sosterranno il passaggio a un sistema decentralizzato. Questo livello di investimenti ha il potenziale per decongestionare il mercato e accelerare la crescita dal 2023 in poi.

Una siccità EPC

Trovare un appaltatore EPC per facilitare la costruzione del progetto è un altro grosso ostacolo che Spillati vede.

“Bisogna trovare una banca EPC, e non basta, certamente in Italia”, ha detto. Ciò è indicativo della composizione dei mercati dell'edilizia e dell'ingegneria in Italia in generale, ha affermato. La mancanza di istituti bancari porta a molta concorrenza e, di conseguenza, a prezzi contrattuali elevati per sviluppare un progetto.

PV Tech Premium Ha chiesto se esiste la possibilità che emergano contratti quadro EPC in Italia, come quello firmato tra Sonnedix ed Eiffage per lavorare su un portafoglio di progetti solari da 858 MW in tutta Europa.

“Se si guarda al modo in cui sono organizzate le imprese di costruzione in Europa, si vede che le principali EPC italiane non sono coinvolte nel solare”, ha detto Spillati. “Ecco qua [major construction firms] Maire Tecnimont e Bonatti… il loro mercato principale è il petrolio e il gas. Ci sono aziende che costruiscono strade, concessioni, ecc. Ancora una volta non sono alla luce del sole.

READ  Francia-Italia 5-1: Azzurri storditi dai brillanti Blues

Paragona l’Italia alla Spagna, dove la major dell’EPC Vinci ha acquistato il ramo di sviluppo solare e rinnovabile di un’altra società di costruzioni, ACS Group. “È qualcosa che manca in Italia”, ha detto.

“Quindi non ci sono grandi EPC con grandi saldi bancari che possano accettare contratti strutturati.”

Ciò è dovuto al fatto che la dimensione media degli impianti solari in Italia è piccola rispetto ad altri paesi europei: il paese è molto collinoso e alcune aree sono concentrate su terreni pianeggianti. Gli EPC non possono stipulare contratti da dieci o cento milioni di euro che possano garantire economie di scala e una maggiore bancabilità per lo sviluppo solare.

Come in molte discussioni Un’UE solare su larga scala La conferenza, i divieti e le sanzioni sono passati in secondo piano rispetto alla convinzione più ampia e diffusa di riavere progetti fotovoltaici in tutta l’Europa meridionale.

Spillati ha affermato che con la fine dei sussidi per il fotovoltaico sui tetti, che hanno spinto molte installazioni solari in Italia, si aspetta “quasi tre volte più energia solare su scala industriale rispetto al 2023” e “una dimensione media dei progetti”. Diventerà più grande”.