Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Regno Unito prevede di inviare richiedenti asilo in Ruanda, come parte di una politica di immigrazione inasprita

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato che la Gran Bretagna potrebbe inviare decine di migliaia di richiedenti asilo in Ruanda per il reinsediamento.

Le dichiarazioni delineavano un approccio più duro per smantellare le reti di traffico di esseri umani e arginare il flusso di migranti attraverso il canale.

Le preoccupazioni per l’immigrazione sono state un fattore importante nel voto sulla Brexit del 2016 e Johnson è stato sotto pressione per mantenere la sua promessa di “riprendere il controllo” dei confini britannici, ma il suo piano è stato accolto con rapide critiche da parte dell’opposizione e degli enti di beneficenza.

“Dobbiamo assicurarci che l’unico modo per ottenere asilo nel Regno Unito sia sicuro e legale”, ha affermato Johnson.

Stava tenendo un discorso nel Kent, nel sud-est dell’Inghilterra, dove l’anno scorso migliaia di migranti sono sbarcati su piccole imbarcazioni sulle rive della Manica.

Chiunque sia arrivato illegalmente in Gran Bretagna dal 1 gennaio ora può essere trasferito in Ruanda, nell’Africa orientale, il che sconvolgerebbe il modello di business delle bande di trafficanti di esseri umani.

“L’accordo che abbiamo fatto non è stato determinato e il Ruanda avrà la capacità di reinsediare decine di migliaia di persone nei prossimi anni”, ha affermato.

Il piano ha suscitato pesanti critiche dai partiti di opposizione, con il ministro dell’Interno Priti Patel e la controparte laburista Yvette Cooper che hanno affermato che era costoso, “impraticabile e immorale”.

Sono state sollevate preoccupazioni anche in merito alla situazione dei diritti umani in Ruanda, un record registrato lo stesso governo britannico l’anno scorso.

Johnson ha affermato che il Ruanda è “uno dei paesi più sicuri al mondo”, aggiungendo tuttavia che il rischio che finisca nel paese si sarebbe rivelato un “deterrente significativo” nel tempo.

Patel ha firmato giovedì l’accordo di partnership a Kigali e lo ha presentato in una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri ruandese Vincent Perrota.

Birota ha affermato che la storia recente del Ruanda gli ha dato un “profondo legame con la difficile situazione di coloro che cercano sicurezza e opportunità in una nuova terra”.

Un uomo e una donna si stringono la mano davanti alle telecamere.
Il governo del Regno Unito in passato ha sollevato preoccupazioni sulla situazione dei diritti umani in Ruanda.(Reuters: Jan Bizimana)

Il Ruanda ha già accolto quasi 130.000 rifugiati da molti paesi, tra cui Repubblica Democratica del Congo, Burundi, Afghanistan e Libia.

La leader dell’opposizione ruandese Victoire Ingabier ha affermato che il Paese è ospitale ma che i suoi problemi interni devono prima essere risolti.

Johnson ha affermato che il piano dovrà affrontare sfide legali, ma ha affermato che la partnership è “pienamente compatibile” con gli obblighi legali internazionali.

Il governo contribuirà con un importo iniziale di 120 milioni di sterline.

Un ministro del governo ha affermato che il piano si concentrava sui giovani non sposati.

“Si tratta principalmente di migranti economici maschi”, ha detto a Sky News il ministro di Stato per il Galles Simon Hart.

“Ci sono una serie diversa di problemi con donne e bambini”.

I parlamentari dell’opposizione hanno affermato che Johnson stava cercando di distogliere l’attenzione dalle rinnovate richieste di dimettersi dopo essere stato multato dalla polizia martedì per aver partecipato a una manifestazione il giorno del suo compleanno nel giugno 2020, quando la mescolanza sociale era vietata dalle regole COVID-19 introdotte dal suo governo. .

Ha detto che il nuovo approccio vedrebbe la Royal Navy assumere il comando operativo dalla Canal Frontier Force e sarebbero stati aperti rifugi in stile greco in Gran Bretagna.

Il capo di un gruppo di difesa dei rifugiati ha affermato che lo schema violava il principio di dare ai richiedenti asilo un’equa udienza sul suolo britannico.

Enver Solomon, amministratore delegato del Refugee Council, ha dichiarato a BBC Radio: “Penso che sia un po’ insolito per il governo essere così ossessionato dal controllo piuttosto che dall’efficienza e dalla compassione”.

Reuters

READ  Tutto ciò che sappiamo sui voli per Sydney con casi confermati di Omicron COVID-19