Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il tribunale turco interrompe il processo nel caso di omicidio di Jamal Khashoggi e lo deferisce all’Arabia Saudita

Un tribunale turco ha sospeso il processo ai sospetti sauditi per l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi e lo ha deferito all’Arabia Saudita, traendo condanna da gruppi per i diritti umani.

Questa mossa arriva in un momento in cui Ankara sta riallacciando i rapporti con Riyadh.

Khashoggi, un residente negli Stati Uniti che ha scritto critiche al principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, è stato ucciso nell’ottobre 2018 nel consolato saudita a Istanbul.

È andato lì per ottenere un appuntamento per raccogliere i documenti necessari per sposare la sua fidanzata turca, Hatice Cengiz.

Funzionari turchi hanno affermato che Khashoggi è stato ucciso e poi smembrato con una sega per ossa all’interno del consolato da una squadra di agenti sauditi inviati a Istanbul.

Il gruppo comprendeva un medico legale, agenti dei servizi segreti e della sicurezza e individui che lavoravano nell’ufficio del principe ereditario. I suoi resti non sono stati trovati.

La scorsa settimana, il pubblico ministero turco ha chiesto il processo a 26 sospetti sauditi in contumacia per il loro trasferimento dalla Turchia alle autorità saudite.

Il ministro della giustizia turco ha poi affermato che il governo ha sostenuto la richiesta.

Ma un avvocato che rappresenta la fidanzata di Khashoggi ha criticato la mossa.

Decidi di fermarti [the trial] Viola la legge… perché la sentenza di assoluzione degli imputati in Arabia Saudita è stata completata”, ha affermato Gokmen Paspinar.

“Il fatto che il processo sia stato spostato in un Paese dove non c’è giustizia è un esempio di irresponsabilità nei confronti del popolo turco.

L’omicidio di Khashoggi ha scatenato proteste globali e ha messo sotto pressione il principe Mohammed, il sovrano de facto dell’Arabia Saudita.

Un rapporto dell’intelligence statunitense pubblicato un anno fa affermava che il principe Mohammed aveva approvato l’operazione per uccidere o catturare Khashoggi, ma il governo saudita ha negato qualsiasi coinvolgimento del principe ereditario e ha respinto i risultati del rapporto.

I gruppi per i diritti umani affermano che la decisione mostra che le autorità saudite possono “farla franca”

Un tribunale turco ha avviato il processo nel 2020, quando le relazioni tra Turchia e Arabia Saudita, due potenze regionali musulmane sunnite, sono state tese.

READ  Un aereo russo ha effettuato un atterraggio di emergenza dopo essere stato segnalato per la scomparsa, ma tutti i passeggeri sono sopravvissuti