Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il regista italo-israeliano porta i sogni al cinema – comment

Il regista italo-israeliano porta i sogni al cinema - comment

Non molte persone sanno sognare. E tra quelli che lo fanno, pochi sanno come trasformare i propri sogni in azione. Ma lo sa bene Ronnie Velos, fondatore e uno dei direttori artistici del Festival del cinema italiano in Israele, fondatore e direttore del festival “Vineta la Comedy” (sic). La sua passione per il cinema e la connessione di italiani e israeliani attraverso i film lo hanno riportato in Israele.

Nel 2019 ha lasciato il sole della Toscana (e i suoi uliveti dove ancora oggi produce olio d’oliva di alta qualità) e le pittoresche strade di una delle città più belle del mondo, Roma, dove Ronny Velos ha vissuto di più del tempo. della sua vita, stabilirsi per sempre a Tel Aviv, la città in cui è nato.

Philos è nato in una famiglia italo-israeliana. Suo padre, un italiano di Tripoli, ha conosciuto sua madre mentre viveva da 18 anni a Tel Aviv. A Ronnie Velos piace raccontare la storia della sua famiglia di tre generazioni nata in Terra d’Israele, ma ufficialmente in paesi diversi: Sua nonna è nata a Gerusalemme durante l’Impero ottomano (la bisnonna di Rone si è trasferita a Gerusalemme dallo Yemen alla fine del il XIX secolo). Sua madre è nata a Tel Aviv sotto il mandato britannico e Ronnie Vilos, o meglio Ronen, è stato il primogenito della sua famiglia nello Stato di Israele, a Tel Aviv, nel 1958. Due anni dopo, i suoi genitori hanno deciso di trasferirsi a Italia.

Come molti ebrei della diaspora, Ronnie Vilos possiede non solo due passaporti (israeliano da quando è tornato ufficialmente a casa come casa Tochav, cittadino di ritorno, due anni fa), ma anche una doppia identità. È italiano in Israele e israeliano in Italia.

È cresciuto a Roma, ma da giovane che desiderava Israele, è venuto qui per studiare sociologia ed economia a Gerusalemme. Dopo gli studi, è tornato in Italia, dove ha iniziato la sua carriera di successo come commerciante di diamanti.

Per molti anni, Vilos ha gestito la sua azienda italiana e si è preso cura della sua famiglia (è padre di due figlie adulte), mentre da parte ha gestito la sua attività di produzione di olio d’oliva in Toscana. Era una vita perfetta, ma sentiva che mancava qualcosa.

READ  TransPerfect MediaNEXT selezionata da Azoomee e Da Vinci Media per tradurre la linea di produzione originale in spagnolo e italiano.

“Volevo fare qualcosa di più creativo”, dice. Poiché sentiva sempre il suo legame con Israele e la cultura ebraica, iniziò a diventare più attivo nella comunità ebraica a Roma. Philos ha organizzato riunioni di festa e “Giornate del libro ebraico” per la comunità ebraica locale. Nel 2006 ha organizzato il primo festival cinematografico israeliano a Roma, che è diventato un punto di svolta nella sua vita. Fu un enorme successo e raggiunse ben oltre la comunità ebraica.

“Il pubblico italiano ha scoperto i film israeliani”, afferma Philos.

Il festival del cinema è diventato un evento annuale e Philos ha invitato Dan Angelo Mogia – un italiano di origini italiane, educatore cinematografico, critico e attore – a collaborare con lui al progetto. A quel tempo non stavano pianificando alcun festival in Israele.

Mentre viveva ancora in Italia, Philos iniziò a visitare frequentemente Israele per selezionare i film per il festival con Mogia.

“Ho iniziato ad andare regolarmente ai festival cinematografici di Haifa e Gerusalemme e al Dukaviv Documentary Film Festival di Tel Aviv”, dice.

Nel 2013, durante Doc Aviv, ha avuto un annuncio: proprio come con l’Israel Film Festival a Roma, ha pensato, dovrebbe esserci un festival specchio dei film italiani in Israele.

Gli israeliani amano tutto ciò che è italiano: cibo, musica, opera e cinema. Ma per gli israeliani il cinema italiano consisteva solo di vecchie commedie. Qui mancavano i film italiani contemporanei. “Certo, alcuni film vengono proiettati nei cinema israeliani, i distributori locali partecipano, ma non c’era la possibilità di vedere i 10 migliori film italiani dell’anno in Israele. C’era un festival cinematografico francese, un festival cinematografico irlandese, ma Quello italiano. Ho sentito un vuoto”.

READ  Grant aiuta Smith Center ad accelerare la riapertura a settembre

FELLUS non esitò. Ha contattato rapidamente l’ambasciata italiana ed era molto convinto che nel 2014 Cinema Italia avesse rilasciato la sua prima versione in Israele.

“In collaborazione con Dan Angelo Mogia, e in collaborazione con gli Istituti Italiani di Cultura di Tel Aviv, Haifa, Monica Moscato (Cinecita Los-Filmtalia) e la Cineteca, abbiamo creato il festival ed è diventato rapidamente un appuntamento fisso nel calendario culturale in Israele .”

Nel 2016, Philos ha fondato il secondo festival in Israele (nell’autunno di ogni anno) dedicato specificamente alla commedia italiana “Finita la Commedia” e che è diventato anche un appuntamento fisso nel calendario culturale locale.

Nel 2020, a causa del COVID-19, entrambi i festival si svolgeranno solo online. Quest’anno, il 3 giugno, torna al cinema di Tel Aviv l’ottava edizione del Festival del cinema italiano in Israele, “Cinema Italia”. Sedici film, sia contemporanei che classici, vengono proiettati nei cinema di tutto Israele per tutto il mese.

La sezione classica di quest’anno omaggia il Maestro Ettore Scola con sei produzioni straordinarie, e il 50° anniversario dell’uscita di Morte a Venezia di Luchino Visconti, che il festival presenterà in versione restaurata. Il festival ospiterà anche il documentario “La Dolce Vita” di Giuseppe Pedersoli, sulla genesi di un capolavoro della storia del cinema.

Le restrizioni del coronavirus rendono ancora impossibile invitare gli ospiti a socializzare quest’anno, ma negli anni precedenti (e si spera in futuro) c’è stato un Q&A con i registi, attori e produttori cinematografici italiani che hanno avuto una parte importante del festival. Philos vuole anche avvicinare israeliani e italiani invitando ospiti.

I registi e gli attori italiani che vengono qui per domande e risposte dopo le loro proiezioni cinematografiche trovano Israele una grande sorpresa. Sono stupiti di quanto sia vivace e giovane Israele, specialmente Tel Aviv. Si divertono a mangiare cibo locale, noleggiare biciclette, pedalare lungo il Rothschild Boulevard e acquistare spezie al mercato Lewinsky”.

Attraverso questi incontri, Israele divenne accessibile agli italiani. In questo modo, il festival funge da forma di diplomazia pubblica.

READ  Nuovo hot spot a LoDo per vivere in loft e condomini di alto livello

Nel processo, anche gli italiani si sono avvicinati agli israeliani. I film vengono proiettati al festival con sottotitoli sia in ebraico che in inglese.

“Vogliamo renderlo accessibile a un vasto pubblico”, afferma Rooney. “Un anno abbiamo avuto una storia divertente, un film su Fellini è stato sorprendentemente mostrato in spagnolo. C’è stato un po’ di panico nel cinema. Dopo pochi minuti, abbiamo riavviato lo spettacolo in italiano, ovviamente”.

Chiunque incontri Ronnie Velos almeno una volta lo considera un esperto di cinema. Ma lui risponde: “Non sono un esperto, sono il più grande fan del cinema”.

Il suo hobby è diventato una vera passione e ha anche cambiato la sua vita. La gente non sa mai cosa potrebbe riportarli in Israele. Ma per Philos l’idea di creare un festival del cinema italiano in Israele e la sua grande passione per il cinema lo hanno riportato a Tel Aviv. Due anni fa, Philos è tornato ufficialmente in Israele e ha ricevuto la sua carta d’identità Teudat Zehut.

Ma è ancora l’italiano in Israele. Ha cambiato posto ma non ha rinunciato al suo stile di vita italiano. esattamente il contrario. Mangia come gli italiani e non beve mai un cappuccino (o “hafoush”) israeliano nel pomeriggio, porta olio d’oliva dalla Toscana e frequenta una sinagoga conservatrice dove il rabbino è il suo amico d’infanzia, il rabbino italiano Roberto Arbib. Philos ha molti parenti in Israele, e a volte si incontrano in un ristorante italiano a Tel Aviv di proprietà di uno dei suoi cugini. A Ronnie stesso piace cucinare e invitare gli amici a cena con del vino italiano, ovviamente. Spesso si siedono per ore intorno al tavolo. Proprio come in un film italiano.

Una cosa è certa.. un italiano in Israele o un israeliano in Italia – al cinema: la stessa persona.