Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il fascino permanente della musica da biblioteca “drammatica” dei compositori italiani

Il fascino permanente della musica da biblioteca "drammatica" dei compositori italiani

Un giorno dell’estate del 2011, Lorenzo Fabrizi ha guidato con il suo amico in un magazzino abbandonato lontano da Roma. Il guardiano dell’edificio, che ha dichiarato di averlo acquistato per circa 100 dollari, ha permesso loro di vederne il contenuto: 10.000 sterline libanesi, stima Fabrizi. Il proprietario ha detto che possono prendere quello che vogliono; Faceva la birra sul posto e non ne beneficiava.

Fabrizi aveva appena iniziato la sua carriera di appassionato di dischi rari. Questo gruppo, precedentemente di proprietà della Radio Vaticana (la stazione di proprietà del Vaticano), era in gran parte indesiderato da tutti in Italia all’epoca. Ma Fabrizi ha trovato qualcosa che non aveva mai visto prima: la musica della “biblioteca”, i dischi in vinile occulti di canzoni scritte direttamente per radio, televisione o pubblicità, in questo caso gli arrangiamenti audaci, funk e jazz di musica classica di grandi compositori italiani.

“Non c’era interesse per queste cose quando ho iniziato”, ha detto recentemente Fabrizi durante una chiamata Zoom da Roma, dove ha eseguito la riedizione del nome. Uscite musicali di Sonor Dal 2013. “Hanno stampato 200, 300, 500, 1.000 copie, ma non era destinato a negozi o distributori. Sono stati dati solo ai circoli ristretti di moderatori musicali, giornalisti e persone che hanno lavorato in televisione”.

Sonor è uno dei tanti brand degli ultimi decenni che hanno fatto rivivere i classici italiani del genere librario europeo (a luglio pubblicherà le colonne sonore perdute di Nico Fedenko per Emmanuelle in America del 1977 e Utopia di Sandro Brugnoli). Dagli anni ’60 agli anni ’80, c’erano molti soldi da guadagnare in temi: i produttori di TV e radio avevano bisogno di musica per accompagnare i titoli di testa, scene d’azione o d’amore, sequenze di giochi a premi o pubblicità. I compositori ben addestrati avevano accesso a grandi gruppi e budget, e gli italiani in particolare si davano da fare.

ha detto Mike Wallace, un collezionista di San Diego che ha prodotto a compilare Dal lavoro del compositore italiano Piero Omiliani nel 2017. “È così sorprendente”.

L’ultimo album del produttore e compositore Adrian Younge “Negro americano” Incorpora fiori orchestrali simili su note di fondo chiare. “Era come se i musicisti di formazione classica chiedessero di comporre musica nera moderna, ma per l’Europa avresti queste band pazze, ma sarebbe comunque non convenzionale”, ha detto Young. “Avevano molto più spazio perché non facevano questa musica per un pubblico specifico”, ha aggiunto. “Quindi, se hanno bisogno di qualcosa di drammatico, possono fare le cose più folli. [expletive] E non devi avere a che fare con qualcuno che dice: “Non è abbastanza figo”.

READ  Ehi Canada, dove sono le mie ciambelle oi miei biglietti della lotteria gratuiti? È ora di iniettare qualche stimolo nell'introduzione del nostro vaccino

Senza vita commerciale per lei, le produzioni di molti talentuosi compositori rimasero nascoste per anni. Ma alla fine degli anni ’90, etichette come Easy Tempo hanno iniziato a ripubblicare colonne sonore e set italiani. Facendo cadere queste monete vecchie di decenni in una classifica di Venn per produttori hip-hop, collezionisti di dischi e amanti della musica di breve durata rinascita della sala, crea un’increspatura.

Ennio Morricone, il compositore più noto per le sue ballate drammatiche dei cosiddetti “Spaghetti Western” come “Il buono, il brutto e il cattivo”, era il più grande telaio in quell’epoca della musica italiana. Ma quando i collezionisti hanno iniziato a rivelare le registrazioni di Omilani, Brunoli e Alessandro Alessandroni, il pozzo del talento italiano ha cominciato a guardare molto più in profondità.

Il dilagante empirismo del catalogo della biblioteca italiana deve essere esaminato anche nel contesto del suo tempo. La fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’80 – noti come “anni di piombo” o “anni di piombo” – furono pieni di disordini tra i manifestanti italiani di sinistra, di estrema destra e neofascisti. “È stato devastante”, ha detto Fabrizi. “C’erano persone che sparavano per le strade, scontri con la polizia”. Mentre questi compositori erano rinchiusi negli studi, i suoni fantasiosi che producevano servivano da portali verso un mondo diverso.

In questa atmosfera carica, i compositori italiani stavano ascoltando la musica fatta dai neri americani. Il rock classico dell’epoca fu influenzato da innovatori come Robert Johnson, Howlin’ Wolf e Chuck Berry; La frontiera fu spinta da Miles Davis, Thelonius Monk e Charles Mingus; E il funk e l’R&B hanno avuto un picco su etichette come Stax e Motown. E poi, ovviamente, c’erano le colonne sonore di film di sfruttamento come “Shaft” e “Super Fly”.

“La musica insolitamente nera è venuta alla ribalta nel cinema tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’70; i compositori europei e i compositori italiani, ha detto Young, hanno preso questo suono e lo hanno mescolato con i loro insegnamenti classici”. che ha ispirato i produttori hip-hop delle generazioni successive che stavano provando Trova i campioni più interessanti. È diventato un tesoro per molti di noi”.

Per i romanzi hip-hop basati sui personaggi, un genere basato sulla ricerca di episodi di dischi che pochi avevano sentito, queste composizioni stavano praticamente chiedendo di essere estratte. Il prolifico produttore Madlib è stato uno dei primi a provare record della biblioteca italiana Ad un vasto pubblico, nel suo album del 2000 Quasimoto, “Non visto”. Usa un Cut Chemist dalla versione più popolare di Alessandroni, “Parata all’aperto”, Nel suo LP del 2006 “Ascolta il pubblico”. Non appena si sparse la voce degli italiani, iniziò una corsa agli armamenti per i collezionisti.

“Sono diventato molto ossessionato da Moricon e ho iniziato a comprare molti dei suoi dischi, e poi trovi ragazzi di lì come Bruno Nicolai, Alessandroni e Rez Ortolani”, ha detto Sven Wonder, un musicista di 37 anni di Stoccolma e il suo nuovo album . “sopravvivenza,” Venerdì, è uno degli equivalenti moderni più vicini alla biblioteca italiana. “Sembra che ogni fanatico della registrazione finisca nella sezione della biblioteca ad un certo punto.”

Le prime due registrazioni di Wunder, “Eastern Flowers” e “Wabi Sabi” dello scorso anno, riflettono l’influenza dei compositori mediorientali e del jazz giapponese, ma “Natura Morta” è un chiaro riferimento alla collezione della biblioteca italiana. Scritto principalmente durante la pandemia, presenta il debole ritmo ritmico di quei classici degli anni ’70, sormontato da una sezione di archi di 15 pezzi. (“Dovevano essere 16 metri, ma non siamo riusciti a ottenere la giusta quantità di metri tra tutti i giocatori”, ha detto Wunder a proposito della sessione di punteggio socialmente distanziata. “I contrabbassisti dovevano andare”.

READ  Marie Jose, l'ultima regina d'Italia, oggetto di nuovi progetti cinematografici e televisivi - scadenza

“Natura Morta”, distribuito e promosso negli Stati Uniti dallo store online Rappcats gestito da Eothen Alapatt (proprietario dell’etichetta di ristampa Now-Again Records) e dall’etichetta Light in the Attic, si riempie di sensuale flauto, raddoppia la risonanza di Fender Assoli e melodie di Rhodes Long su chitarra a 12 corde e clavicembalo. È musica sensibile e travolgente – e anche il tipo di cosa che la maggior parte degli artisti indipendenti troverà difficile sopportare nel 2021. (È stata creata con l’aiuto di una sovvenzione del governo svedese).

Alapatt ha elogiato l’album come un’innovazione: “Hanno cercato di capire come potevano farlo in un modo che rendesse omaggio alle lodi e inoltre non sembrasse derivato”.

La maggior parte dei compositori la cui opera Fabrizi ha presentato a un nuovo pubblico non è più viva, e c’è ancora altra musica da scoprire; Sonor rilascerà un’altra colonna sonora di Alessandroni questa estate. Fabrizi ha detto che la sfida principale è sul lato commerciale delle cose. Poiché i manifesti più grandi hanno arricchito i loro cataloghi negli ultimi decenni, il lavoro della biblioteca è andato perso nel riordino.

“È molto difficile” interagire con i grandi marchi, ha detto, osservando che la musica da libreria non è una priorità per loro. Il problema è che non sanno di averlo. Non lo sanno, perché non hanno i documenti. Non hanno contratti originali”.

Ma i collezionisti come Wallace trovano eccitante cercare ciò che è sepolto in quei caveau. “Una delle cose molto frustranti di queste cose, ma anche molto divertenti, è che impariamo cose nuove ogni giorno”, ha detto. “Sappiamo più di quanto sapevamo cinque anni fa. Sappiamo più di quanto sapevamo l’anno scorso”.