Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il rapporto ha rilevato che la lotteria da $ 80 milioni potrebbe aumentare il tasso del vaccino COVID come parte di un piano obiettivo dell’80% 80

L’Australia deve mantenere la sua strategia COVID-zero fino a quando l’80% della popolazione non sarà completamente vaccinata, incluso il 95% delle persone di età superiore ai 70 anni, secondo un rapporto del Grattan Institute.

Il think tank indipendente ha anche raccomandato al governo di offrire una lotteria da $ 80 milioni con $ 10 milioni di premi in denaro a dieci vincitori che sono stati vaccinati ogni settimana a partire da novembre, quando sono stati risolti i problemi di approvvigionamento.

“Ciò che fa è dare alle persone un incentivo a uscire e ottenere un vaccino e premiare coloro che hanno fatto la cosa giusta dal punto di vista della comunità”, ha affermato Danielle Wood, CEO di Grattan.

“Ci siamo trovati a fare molte cose che non ci aspettavamo di fare negli ultimi due anni. L’aumento del numero di vaccinazioni è fondamentale, quindi dobbiamo pensare fuori dagli schemi”.

Il centro di ricerca ha modellato scenari su come un focolaio delta si diffonderebbe a diversi tassi di vaccinazione.

Arriva come lo considera il governo federale Modellazione dal Doherty Institute Per aiutare i decisori a tracciare il percorso dell’Australia fuori dalla pandemia.

Questa era la modellazione consegnato al governo Ora sarà preso in considerazione dal Gabinetto Nazionale, che fisserà gli obiettivi di vaccinazione nell’apertura della nazione.

Ci sono vantaggi nell’attesa

Il Grattan Institute ha modellato il numero di casi, ricoveri e decessi in seguito a epidemie delta con diversi tassi di vaccinazione.

“I nostri modelli suggeriscono che l’80% è il livello di cui abbiamo bisogno per il sollievo poiché abbiamo interrotto il legame tra i casi di COVID e gli effetti gravi sulla salute”, ha affermato Wood.

“Anche se il virus fosse all’estremità più trasmissibile, non finiremmo con migliaia di persone negli ospedali, non finiremmo per superare la nostra capacità di terapia intensiva e, in effetti, il COVID a quel punto sembra più un’influenza stagionale. “

E stare lontano dal COVID-0 troppo presto, ha detto, rischia di seminare un focolaio diffuso che va rapidamente fuori controllo.

“Ci sono rischi nell’andare troppo presto… ci sono scenari plausibili in cui si ottiene una crescita dei casi molto forte, un numero elevato di casi gravi e si finisce con una capacità enorme per il sistema ospedaliero… di solito a questo punto i governi finiscono per tornare a operazioni di chiusura.

“Ci sono vantaggi nell’attesa, abbiamo una possibilità per farlo bene”.

Gli incentivi possono aumentare i numeri

Sebbene ci sia un numero significativo di persone che non sono ancora vaccinate, indagini regolari indicano che non ci sono molti “anti-vaccinatori” in Australia.

Coerentemente, solo un australiano su 10 ha detto ai sondaggisti che non sarà mai vaccinato.

Un recente sondaggio di Essential Research ha rilevato che la maggior parte delle persone è già vaccinata o è desiderosa di vaccinarsi il prima possibile.

Il Grattan Institute afferma che l’obiettivo dovrebbe essere quello di persuadere le persone nel mezzo, che probabilmente si faranno vaccinare ma sono in ritardo.

“C’è un problema per gli incentivi… una cosa che consigliamo è la lotteria”, ha detto Wood.

“Pensiamo anche che dovremmo guardare i passaporti delle vaccinazioni e richiedere alle persone di mostrare la prova della vaccinazione per andare a ristoranti, eventi su larga scala ed eventi sportivi”.

Grattan ha consigliato di organizzare una lotteria nazionale settimanale da $ 10 milioni in Australia con premi da $ 10 milioni ogni settimana, a partire dalla prima estrazione della Melbourne Cup – e poi ogni settimana fino al martedì prima di Natale.

Ha suggerito che ogni australiano vaccinato potrebbe partecipare al sorteggio ogni settimana (così come le persone con un’esenzione medica dalla vaccinazione) e che coloro che hanno ricevuto una vaccinazione avrebbero una possibilità ogni settimana, con quelli completamente vaccinati che raddoppiano le loro possibilità.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 2 minuti e 34 secondi

Quanto sono riluttanti gli australiani a farsi vaccinare?

Quanto tempo ci vorrà?

La Wood ha affermato che attraverso sforzi concertati, un tasso di vaccinazione dell’80% è “ambizioso, ma realizzabile”.

“I nostri numeri suggeriscono che si potrebbe raggiungere l’80% entro la fine dell’anno se il vaccino diventa disponibile per i bambini sotto i 12 anni e lo distribuisce nelle scuole”, ha affermato.

“Se non otteniamo l’approvazione nei prossimi mesi per questo tipo di vaccino, ci vorrà molto più tempo… pensiamo sicuramente che entro la fine di marzo 2022 si possa ottenere”.

Il regolatore australiano ha approvato il vaccino Pfizer per i bambini di età superiore ai 12 anni e sono in corso studi clinici Gruppi di età più giovani.

L’immunità di gregge è difficile da ottenere: ricercatori

Una ricerca separata condotta da medici e matematici delle malattie infettive presso la James Cook University indica che avremmo bisogno di vaccinare fino all’85% della popolazione per ottenere l’immunità di gregge.

il carta prestampa, che non è stato ancora rivisto, osserva che sarebbe difficile raggiungere quel numero senza vaccinare anche i bambini sotto i 15 anni.

Se il virus diventa più contagioso di quanto non sia ora, l’immunità di gregge potrebbe non essere possibile attraverso la sola vaccinazione, ha affermato Emma McBride, preparatrice di malattie infettive.

L’esatto tasso di vaccinazione richiesto per ottenere l’immunità di gregge dipende sia dalla variante con cui si ha a che fare sia dall’efficacia dei vaccini.

“Con il ceppo Delta, è difficile raggiungere l’immunità di gregge”, ha detto.

“È molto più contagioso… invece di dover vaccinare il 60 percento dell’intera popolazione, è salito all’80-85 percento, il che significa che probabilmente avremo bisogno di vaccinare gli adolescenti per ottenere l’immunità di gregge”.

Ma anche se tale tasso non viene raggiunto, il professor McBride afferma che dobbiamo comunque sforzarci di avvicinarci il più possibile.

“Avremo comunque buone misure di protezione del gregge senza ottenere l’immunità di gregge”.

Ogni singola dose aiuta

Il Grattan Institute ha stimato una soglia per l’immunità di gregge simile a quella del team della James Cook University.

Ma anche se non raggiungiamo l’immunità di gregge, ne beneficiamo comunque, perché ogni singola dose priva il virus delle sue possibilità di infezione e ne riduce la velocità di trasmissione.

Sotto Delta, alcune stime hanno scoperto che ogni persona infetta trasmetterà il virus a cinque o più altre persone in un gruppo non immunizzato, in altre parole, senza vaccini, con un numero di riproduzione, o RV, di cinque.

Ogni persona vaccinata riduce il tasso di trasmissione. Quando arriviamo al punto in cui la campagna è una cosa sola attraverso le vaccinazioni e l’immunità naturale, raggiungiamo l’immunità di gregge.

Se ti apri vicino all’immunità di gregge, ma non del tutto, rimarrai con un tasso di infezione sufficientemente basso da rendere meno severe le restrizioni necessarie per controllare l’epidemia.

Indossare maschere potrebbe comportare questo, ad esempio, piuttosto che richiedere un pericoloso blocco.

I ricercatori della James Cook University hanno anche esaminato le domande su chi dovrebbe avere la priorità nel chiedere la vaccinazione.

“La migliore strategia fin dall’inizio è vaccinare prima i gruppi più anziani ea rischio”, ha detto il professor McBride.

“Da qui in poi, ora che i più vulnerabili e gli anziani hanno la possibilità di vaccinarsi, la prossima strategia è guardare alle persone che fanno il maggior numero di trasferimenti.

“Questi sono generalmente i gruppi di età più giovani… e ovviamente le professioni speciali in cui le persone sono sempre di dominio pubblico, come… le persone che lavorano nei supermercati e nei bar e quel genere di cose”.

Quando finiscono le chiusure?

L’aspetto esatto dell’Australia nelle prime fasi dell’apertura deve ancora essere determinato dal governo nazionale.

La loro proposta è di allentare prima le restrizioni locali sui residenti vaccinati, utilizzare i blocchi solo in casi estremi e iniziare ad aumentare i limiti dei visitatori, in particolare per i viaggiatori vaccinati.

Le fasi successive vedranno gli australiani vaccinati esenti da tutte le restrizioni nazionali e le restrizioni sui viaggi all’estero per i cittadini nazionali.

Fino ad allora, l’Australia si sta impegnando nella ricerca per sradicare il COVID, che è tanto difficile quanto è stato dimostrato nella regione del Delta.

“Stiamo dicendo che una volta arrivato all’80%, non dovresti davvero avere restrizioni di salute pubblica più invadenti”, ha detto Wood.

“Non più chiusure, non più limiti di capacità nei luoghi, e questo è anche il punto in cui inizierai ad aprire le frontiere in sequenza”.

READ  Un'isola caraibica ricoperta di cenere attende più potenziali eruzioni vulcaniche