Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il percorso fuori dal blocco terrà conto del costo economico dei blocchi e dei tassi di vaccinazione

Scarica

I modelli del Tesoro analizzano scenari che vanno dalle restrizioni più blande alle chiusure radicali per considerare i rischi per l’economia e l’occupazione. I risultati forniscono un contrappeso al lavoro del Doherty Institute perché il gabinetto nazionale può tenere conto delle conseguenze economiche nel fissare un obiettivo di vaccinazione più ambizioso o nel sostenere chiusure prolungate.

Ad oggi, il 14,2% della popolazione totale, o 3,7 milioni di persone, è stato completamente vaccinato e il 31,7% (8,1 milioni) ha ricevuto una prima dose.

Il gabinetto nazionale discuterà anche su come affrontare al meglio gli arresti improvvisi per affrontare una variante delta, dopo il successo di Victoria e South Australia nell’affrontare l’epidemia.

“Penso che la lezione delle ultime sei settimane circa sia che con lo stress di Delta, muoversi rapidamente e presto è chiaramente il nuovo approccio al processo”, ha detto Morrison a Nine Network.

“E abbiamo visto Victoria e South Australia uscire velocemente. E questa è una grande notizia in quei paesi. Ma dobbiamo spingere nel NSW, a Sydney dobbiamo assicurarci che questo blocco sia efficace”.

Il ministro della Sanità Greg Hunt ha affermato che il rapporto del Doherty Institute sarebbe stato reso pubblico quando il governo nazionale lo avesse elaborato, ma quel titolo aveva precedentemente rivelato che avrebbe raccomandato un tasso di vaccinazione più alto per gli australiani più anziani rispetto al gruppo più giovane.

Stephen Duckett, che dirige il programma sanitario del Grattan Institute, ritiene che il modello del Doherty Institute avrebbe una conclusione simile al rapporto Grattan. Il rapporto dell’istituto afferma che oltre alla copertura vaccinale dell’80% per l’intera popolazione, dovrebbe essere vaccinato il 95% delle persone a rischio, comprese quelle di età superiore ai 70 anni.

READ  Una petroliera esplode in Libano, uccidendo almeno 28 persone | Notizie dal Medio Oriente

“Quello che stiamo cercando di fare è ridurre al minimo i ricoveri e i decessi”, ha detto, aggiungendo che si aspetta che il governo nazionale accetti in gran parte l’obiettivo dell’80%.

Il rapporto di Grattan ha rilevato che un tasso di vaccinazione dell’80% impedirebbe il collasso del sistema ospedaliero se il virus si diffondesse nella comunità e porterebbe a un minor numero di morti.

Ha indicato Singapore, che di recente è entrata in un blocco parziale con casi in aumento nonostante il 73% della popolazione abbia ricevuto almeno una dose del vaccino.

Scarica

“Se sei [open up] Con l’80%, il virus ha ancora maggiori probabilità di diffondersi nella comunità”, ha affermato il dott. Duckett.

“È questo il compromesso che stiamo facendo… volevamo parlarne il prima possibile, quindi le persone erano entusiaste di dire: ‘Facciamolo e facciamolo, portiamo a termine questi compiti di vaccinazione.'”

È stato anche possibile per i bambini sotto i 12 anni iniziare a vaccinare quest’anno, ha detto Duckett. Pfizer sta conducendo prove del suo vaccino sui bambini più piccoli e il dottor Duckett ha affermato che i dati sulla sua sicurezza ed efficacia nei bambini di età compresa tra 2 e 11 anni sono previsti per settembre o ottobre, il che significa che è probabile che l’Australia ne approvi l’uso in quella fascia di età prima fine. dell’anno.

Scarica

La professoressa Marie-Louise McLaws, epidemiologa e consulente dell’OMS, ha affermato che il rapporto di Grattan è in linea con le aspettative di altri paesi, inclusa la Nuova Zelanda, nonché con le stime di esperti indipendenti.

Ma ha detto che raggiungere l’obiettivo dell’80% sarebbe una sfida formidabile, osservando che i tassi di vaccinazione negli Stati Uniti e nel Regno Unito sono rallentati nonostante la rapida diffusione iniziale.

READ  Il Tower Bridge "bloccato" dopo un grave fallimento

“Faccio davvero appello alle autorità affinché si rendano conto che assorbiranno molto bene [initially] E poi troveranno davvero difficile ottenere l’ultimo 20 o 15 percento delle persone. “Sarà molto, molto lento”, ha detto.

“Ecco perché devono essere davvero coinvolti ora e incoraggiare il maggior numero possibile di persone a prenderlo.

Hunt ha affermato che il governo federale è determinato a offrire vaccini a tutti gli australiani quest’anno.

“Il nostro obiettivo è molto chiaro ed è garantire che entro la fine dell’anno, entro Natale, ogni australiano abbia la possibilità di essere vaccinato e che venga vaccinato il maggior numero possibile di australiani”, ha detto ai giornalisti.

Tieniti informato sugli sviluppi più importanti relativi alla pandemia con il Corona Virus Update. Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale.