Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il leader italiano condanna la proliferazione delle armi in Europa e chiede la pace

Il leader italiano condanna la proliferazione delle armi in Europa e chiede la pace

ROMA – Il cardinale italiano Matteo Zuppi, inviato di pace personale di Papa Francesco per la guerra in Ucraina, ha condannato il crescente numero di armi che raggiungono l'Europa in un momento in cui molti paesi forniscono continuo sostegno di sicurezza all'esercito ucraino.

Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della potente Conferenza episcopale italiana (Cei), ha espresso preoccupazione per la spinta nazionale verso l'eutanasia, ha chiesto maggiori investimenti nelle cure palliative e ha dato voce al “sinodale interno all'Italia. cammino” del processo di riforma ecclesiastica.

Intervenendo nella giornata di apertura della sessione primaverile del Sinodo permanente della Cei, dal 18 al 20 marzo, Zuppi ha affermato che le varie guerre che infuriano nel mondo rappresentano la lotta per essere “fratelli, residenti di una casa comune”.

“Vediamo anche le conseguenze della 'non scelta', della procrastinazione criminale, delle opportunità mancate”, ha affermato, sottolineando che la guerra non è l'unica soluzione al conflitto.

Il 13 marzo 2013 ha rivolto i suoi auguri all'undicesimo anniversario della sua elezione al soglio pontificio, rilevando che l'appello alla pace Francesco era stato spesso lanciato durante i suoi anni di mandato.

“In questo tempo di conflitti, divisioni, sentimenti nazionali, odio, contraddizioni, il servizio della Chiesa all'unità risplende come luce di speranza”, ha affermato, aggiungendo che le persone e le comunità “devono essere artigiani e tessitori di pace. Unione in ogni ambiente .”

L'Europa, ha detto Zuppi, sta vivendo “un Venerdì Santo molto lungo”, in cui l'oscurità sembra inghiottire la terra e la speranza sta svanendo.

“La storia richiede di trovare un nuovo quadro, un diverso paradigma, che coinvolga la comunità internazionale per trovare una pace giusta e sicura insieme alle parti coinvolte”, ha affermato, chiedendo “una reinvenzione dei paesi e delle istituzioni europee, compresa l'Unione europea”. L'industria originaria era basata sulla cooperazione nelle relazioni internazionali.”

Pur non menzionando espressamente la guerra in Ucraina, Zuppi nel chiedere la pace ha affermato che come Chiesa “non possiamo rassegnarci alla proliferazione incontrollata delle armi e tanto meno alla guerra come via verso la pace”.

READ  APTOPIX Italia Calcio Serie A | sport nazionale

La Costituzione italiana afferma che “rifiuta la guerra come strumento di aggressione contro le libertà degli altri popoli e come strumento di risoluzione dei conflitti internazionali”, aggiungendo che questo dovrebbe essere l'atteggiamento dell'Europa nel suo complesso.

Ha sottolineato l'importanza di costruire la fraternità, dicendo: “Questo dovrebbe essere il nostro suggerimento incessante, speriamo che l'impegno di molti artigiani per la pace possa ispirare gli architetti di una pace giusta e sicura”.

Le parole di Zuppi giungono in un contesto di rinnovata tensione tra il Vaticano e l’Ucraina nel conflitto del dopoguerra con la Russia, dopo che Papa Francesco ha suggerito in una recente intervista che l’Ucraina dovrebbe alzare “bandiera bianca” e aprirsi ai negoziati per porre fine allo spargimento di sangue.

Le parole di Papa Francesco sono state accolte con una dura reazione civile ed ecclesiastica, con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba che ha insistito sul fatto che l'unica bandiera che sventolerà mai in Ucraina è “blu e gialla”.

Correlato: Il Papa affronta la reazione civile ed ecclesiastica sui commenti della “bandiera bianca” dell'Ucraina

L’estate scorsa, dopo aver messo in dubbio la moralità di armare l’Ucraina, il Papa ha scelto Zuppi come suo inviato di pace personale in Ucraina. In tale veste, Zuppi si è recato a Kiev, Mosca, Washington DC e Pechino, principalmente sul fronte umanitario per assistere e garantire il ritorno dei bambini ucraini deportati in Russia.

Nel suo intervento, Juppi ha fatto riferimento alle prossime elezioni europee di giugno e ha citato il rapporto della Commissione del Sinodo dell'Unione Europea (COMECE): “Il progetto europeo dell'Europa è unito nella diversità, forte e democratico. , Libero, pacifico, prospero e giusto, è il progetto che condividiamo e di cui ci sentiamo proprietari.

“Siamo tutti chiamati a dimostrarlo eleggendo e votando in modo responsabile gli eurodeputati che rappresenteranno i nostri valori e lavoreranno per il bene comune nel prossimo Parlamento europeo”, ha affermato.

READ  Gli USA non possono dettare gli interessi strategici dell'Ue: l'ex premier italiano

Parlando del processo di riforma sinodale nazionale avviato su richiesta del papa, Zuppi ha lamentato il continuo calo della partecipazione alla messa e della partecipazione alla vita parrocchiale dopo la conclusione del sinodo dei vescovi di Papa Francesco lo scorso ottobre.

Ha detto che vanno valutati diversi aspetti della vita ecclesiale, tra cui il ruolo dei poveri all'interno della Chiesa, il dialogo con la cultura, le relazioni religiose e interreligiose, l'economia, la politica, i professionisti e l'importanza della vita consacrata. .

“È tempo di tradurre l'ascolto in scelte di governo chiare e visionarie. Una luce in un mondo che spesso appare buio e cupo.

Il dibattito sulla Chiesa e le sue posizioni “non ci spaventa”, ha detto Juppi, ma piuttosto, “di fronte al futuro complesso e incerto del nostro mondo, la Chiesa deve interrogarsi sul suo ruolo e sulla sua missione per farlo”. La conversazione, tra tanti cristiani, in modo popolare, come è avvenuto, è digitale”, non in polemiche sterili, polarizzate e di comodo.

Ha notato quello che Papa Francesco spesso chiama un atteggiamento malsano di “guardare indietro”, una nostalgia per il passato e per le cose che si facevano una volta.

«Guardare al passato è una tentazione facile quando si invecchia, forse più facile in un Paese anziano come l'Italia, o in una Chiesa avanzata di qualche anno», ha detto, ma ha sottolineato che «continuando a guardare al passato con nostalgia .” Una manifestazione dell’invecchiamento ecclesiastico”.

Questo desiderio di guardare indietro, ha detto, “è alimentato dalla nostalgia per un'età dell'oro, per alcuni prima del Concilio, per altri dopo il Vaticano II”, riferendosi ai dibattiti sulle riforme del Concilio Vaticano II.

Nella Chiesa, però, “non esiste una mitica età dell’oro. I credenti non possono guardare al passato e lamentarsi del presente della Chiesa o del Paese.

READ  WhatJobs.com lanciato in Italia | Onrec

“La Chiesa viene da una lunga storia, per certi versi è segnata, ma – radicata nel presente – guarda al futuro con speranza”, ha detto Zuppi, “vivendo così la Chiesa può e deve essere. Un segno di speranza nella società italiana.”

A questo proposito ha messo in dubbio la “stabilità del sistema Paese”, soprattutto in considerazione dell'attuale crisi sociale ed economica dell'Italia, del suo “inverno demografico” e della mancanza di servizi di base.

“Secondo i principi di solidarietà, subordinazione e solidarietà sociale, una struttura istituzionale che possa promuovere lo sviluppo dell'unità non verrà meno”, ha affermato, affermando la continua vigilanza della Chiesa in questo ambito.

Zuppi ha sottolineato anche la necessità di prestare maggiore attenzione ai giovani, che hanno un futuro ricco di opportunità, e agli anziani che spesso sono isolati e abbandonati.

Nuovi servizi devono essere disponibili agli anziani e alle loro famiglie, ha affermato, e uno di questi dovrebbe essere un nuovo sistema di welfare in grado di sostenere la crescente popolazione anziana italiana, “soprattutto coloro che non sono autosufficienti”.

Ha chiesto maggiori investimenti nelle cure palliative, affermando che ogni persona che soffre di una condizione cronica o di una malattia terminale dovrebbe “essere sempre accompagnata da cure, medicine e intimità umana, che ridurranno la sua salute fisica e mentale. Dolore interno. “

“Governate da una buona legge, ma ancora trascurate, le cure palliative vanno incrementate e messe a disposizione di tutti senza alcun approccio preferenziale su base regionale, perché rappresentano una via sicura per assicurare dignità fino alla fine e un'alta espressione di amore. ,” Egli ha detto.

Se pienamente utilizzata, la disposizione del pre-trattamento nell'ordinamento italiano costituisce “un'ulteriore garanzia di dignità e solidarietà per tutelare la persona nella sua sofferenza e debolezza”, ha affermato.

Segui Elise Ann Allen su X: @eliseannallen