Giugno 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il governo olandese si dimette dopo non essere riuscito a raggiungere un accordo sulle procedure di asilo

Il governo olandese si dimette dopo non essere riuscito a raggiungere un accordo sulle procedure di asilo

Le dimissioni del primo ministro Mark Rutte, il primo ministro più longevo del paese, significano che il paese dovrà affrontare le elezioni generali entro la fine dell’anno. Rutte e il suo gabinetto rimarranno in carica ad interim fino a quando non verrà scelta una nuova coalizione di governo.

Il governo olandese è crollato venerdì per differenze inconciliabili all’interno della coalizione a quattro partiti su come frenare l’immigrazione, una questione controversa che ha diviso i paesi in tutta Europa.

Le dimissioni del primo ministro Mark Rutte, il primo ministro più longevo del paese, significano che il paese dovrà affrontare le elezioni generali entro la fine dell’anno. Rutte e il suo gabinetto rimarranno in carica ad interim fino a quando non verrà scelta una nuova coalizione di governo.

“Non è un segreto che i partner della coalizione abbiano opinioni molto diverse sulla politica migratoria”, ha detto Rutte ai giornalisti a L’Aia. E oggi, purtroppo, dobbiamo concludere che queste differenze sono inconciliabili. Ecco perché mi sottoporrò subito… a presentare per iscritto al Re le dimissioni dell’intero governo”.

I parlamentari dell’opposizione non hanno perso tempo a chiedere nuove elezioni anche prima che Rutte confermasse ufficialmente le sue dimissioni.

“Elezioni veloci adesso”, ha twittato Gert Wilders, leader del Freedom Party anti-immigrazione. In tutto lo spettro politico, anche il leader della sinistra verde Jesse Claver ha chiesto elezioni e ha detto all’emittente olandese NOS: “Questo paese ha bisogno di un cambio di direzione”.

Rota ha presieduto le riunioni notturne di mercoledì e giovedì che non hanno prodotto un accordo sulla politica di immigrazione. In uno degli ultimi round di colloqui di venerdì sera, i partiti hanno deciso all’unanimità di non potersi accordare e, di conseguenza, di non poter restare uniti nella coalizione.

READ  Stellantis afferma che la carenza di chip sta peggiorando e potrebbe durare fino al 2022

La decisione ha evidenziato divisioni ideologiche che esistono dal giorno in cui la coalizione ha prestato giuramento poco più di 18 mesi fa tra partiti che non supportano una dura repressione dell’immigrazione – D66 e il centrista Cristinoni, o Unione Cristiana – e partiti che favoriscono un’azione più dura. Partito popolare conservatore Rutte per la libertà e la democrazia e Democrazia cristiana.

Dibattiti simili si stanno svolgendo tra le divisioni politiche altrove in Europa, mentre i migranti in fuga dai conflitti o in cerca di una vita migliore effettuano traversate marittime dal Nord Africa per raggiungere il continente. Centinaia di migliaia di persone sono anche fuggite dalla devastante guerra in Ucraina.

L’immigrazione dovrebbe essere un argomento centrale per le elezioni parlamentari dell’Unione Europea del prossimo anno, ma la questione è emersa presto nei Paesi Bassi, un paese a lungo diviso tra l’accoglienza di un’apertura internazionale e una crescente resistenza alle influenze straniere.

L’alleanza Rutte sta cercando da mesi di raggiungere un accordo per arginare il flusso di nuovi immigrati in arrivo nel Paese di circa 18 milioni di persone. Secondo quanto riferito, le proposte includevano la creazione di due categorie di asilo – una temporanea per le persone in fuga da conflitti e una permanente per le persone che cercano di sfuggire alle persecuzioni – e la riduzione del numero di familiari autorizzati a raggiungere i richiedenti asilo nei Paesi Bassi.

L’anno scorso, centinaia di richiedenti asilo sono stati costretti a dormire all’aperto in condizioni squallide vicino a un centro di accoglienza sovraffollato poiché il numero di persone che arrivavano nei Paesi Bassi superava i posti letto disponibili. Le agenzie umanitarie olandesi hanno fornito assistenza.

Poco più di 21.500 persone extraeuropee hanno chiesto asilo nei Paesi Bassi nel 2022, secondo l’ufficio statistico del paese. Altre decine di migliaia si sono trasferite nei Paesi Bassi per lavorare e studiare.

READ  Il Capri Film Festival sposta Omicron mentre amplia le celebrazioni

I numeri mettono sotto pressione gli alloggi, che già scarseggiavano nel paese densamente popolato.

Il governo di Rutte ha lavorato per una legge che potrebbe costringere i comuni a fornire alloggio ai richiedenti asilo appena arrivati, ma la legislazione deve ancora passare attraverso entrambe le camere del Parlamento.

Il primo ministro ha anche incoraggiato gli sforzi dell’Unione Europea per rallentare l’immigrazione nel blocco delle 27 nazioni. Rutti ha visitato la Tunisia il mese scorso con il suo omologo italiano e il capo del comitato esecutivo dell’Unione Europea per offrire più di un miliardo di euro in aiuti finanziari per salvare l’economia traballante del paese nordafricano e fermare la migrazione dalle sue coste verso l’Europa.

Il governo di coalizione di Rutte, il quarto che ha guidato, ha preso il potere nel gennaio 2022 dopo i più lunghi negoziati di coalizione nella storia politica olandese.

Le elezioni per la camera bassa del parlamento olandese entro la fine dell’anno si svolgono in un panorama politico polarizzato e diviso: ci sono 20 partiti nella camera bassa da 150 seggi.

Durante le elezioni provinciali all’inizio di quest’anno, un partito populista pro-agricoltore ha piazzato il partito di Rutte al secondo posto. La sconfitta è stata vista come un potenziale catalizzatore per Root per fare del suo meglio per tenere unita la sua coalizione fino alla fine del suo mandato nel 2025.

La coalizione sta cercando da mesi di raggiungere un accordo per arginare il flusso di nuovi migranti in arrivo nel Paese di circa 18 milioni di persone. Secondo quanto riferito, le proposte includono la creazione di due categorie di asilo – una temporanea per le persone in fuga dai conflitti e una permanente per le persone che cercano di sfuggire alle persecuzioni – e la riduzione del numero di familiari autorizzati a raggiungere i richiedenti asilo nei Paesi Bassi.

READ  Necrologio: Vito El Chiazzo III

“Ci stiamo lavorando da molto tempo e tutte le informazioni sono sul tavolo. Dobbiamo guardare insieme per vedere se possiamo ottenere qualcosa”, ha detto il ministro della Giustizia Dylan Yeshelgos-Zygerios, un membro del partito di Rutte, prima l’ultimo ciclo di colloqui.

Poco più di 21.500 persone extraeuropee hanno chiesto asilo nei Paesi Bassi nel 2022, secondo l’ufficio statistico del paese. Altre decine di migliaia si sono trasferite nei Paesi Bassi per lavorare e studiare.

I numeri mettono sotto pressione gli alloggi, che già scarseggiavano nel paese densamente popolato.

Il governo di Rutte ha lavorato per una legge che potrebbe costringere i comuni a fornire alloggio ai richiedenti asilo appena arrivati, ma la legislazione deve ancora passare attraverso entrambe le camere del Parlamento.

Il primo ministro ha anche potenziato gli sforzi dell’UE per rallentare la migrazione verso il blocco delle 27 nazioni. Rutti ha visitato la Tunisia il mese scorso con il suo omologo italiano e il capo del comitato esecutivo dell’Unione Europea per offrire più di un miliardo di euro in aiuti finanziari per salvare l’economia traballante del paese nordafricano e fermare la migrazione dalle sue coste verso l’Europa.

Il governo di coalizione di Rutte, il quarto che ha guidato, ha preso il potere nel gennaio 2022 dopo i più lunghi negoziati di coalizione nella storia politica olandese.