Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Prada punta sulla trasmissione generazionale degli artigiani, ampliando la produzione e la forza lavoro in Italia

Prada punta sulla trasmissione generazionale degli artigiani, ampliando la produzione e la forza lavoro in Italia

Torgiano Il Gruppo Prada sta espandendo la propria presenza produttiva in Italia, includendo decine di nuovi posti di lavoro presso il suo maglificio in Umbria, concentrandosi sullo slogan “Made in Italy” come parte integrante dell’etica del marchio e sviluppando nuovi talenti artigianali per facilitare la collezione di lusso Attraverso generazioni di trasformazione della sua forza lavoro.

L’amministratore delegato di Prada Andrea Guerra, nominato lo scorso anno come parte di un cambio generazionale nell’azienda a conduzione familiare Prada, ha dichiarato martedì durante l’inaugurazione della fabbrica ampliata che l’azienda investirà 60 milioni di euro (65 milioni di dollari) nella produzione quest’anno.

A Torgiano, Prada ha aggiunto quest’anno 30 nuovi posti di lavoro, rispetto ai 65 dell’anno scorso, portando la forza lavoro a circa 220 dipendenti, la maggior parte dei quali donne, per creare Maglieria Prada e i marchi Miu Miu, categoria chiave per il gruppo. Il sito contava solo 39 dipendenti quando Prada lo acquistò nel 2001.

“Per molti anni Torgiano è stato un piccolo, importante luogo, legato alla tradizione della maglieria umbra”, racconta Guerra, e dedito soprattutto alla ricerca e allo sviluppo del prodotto. “Negli ultimi sei o sette anni, con l’eccezionale crescita nel settore della maglieria, abbiamo deciso di creare un centro di produzione completo”, aggiungendo la produzione a un centro di ricerca e sviluppo rafforzato.

Questa innocua fabbrica, identificata dalla piccola e semplice targa Prada vicino al cancello, è al centro di una rete di decine di piccole aziende che insieme producono circa 30.000 pezzi di maglieria al mese per il gruppo globale del lusso. Tra questi i bellissimi pantaloni rossi all’uncinetto di Miu Miu e le morbide giacche grigie di Prada che sono diventate un marchio di fabbrica.

READ  I giovani di Glen Rose trascorrono la loro estate in Italia insegnando ai cadetti e sperimentando la cultura

Guerra ha descritto l’impronta industriale del gruppo di moda con sede a Milano nell’Italia centrale come una “rete di relazioni intelligenti e artigianalità combinate con la continua capacità di portare innovazione sul mercato”.

Gli investimenti di Prada per esercitare un maggiore controllo sulla propria catena di fornitura si stagliano sullo sfondo di una recente indagine che ha messo in luce le condizioni delle fabbriche di proprietà cinese che producono beni di lusso per altri marchi italiani nella regione Lombardia, dove si trova la capitale italiana della moda, Milano. Braccio di produzione per Giorgio Armani È stata posta in amministrazione controllata nell’ambito di un’indagine in corso sulla catena di fornitura.

Prada si è concentrata su quella che chiama integrazione verticale della sua catena di fornitura, lavorando con piccole imprese, alcune con solo pochi artigiani, che offrono competenze specifiche, e talvolta uniche. Per le sue operazioni di maglieria, Prada lavora con circa 60 piccole aziende che definisce “partner” o “collaboratori”.

“Appaltatori, subappaltatori, non è qualcosa che è legato a questo mondo. Ci sono fasi di produzione che vengono affidate ai nostri collaboratori e partner”, ha detto Guerra, aggiungendo: “Il modo in cui lavoro dentro, e il modo in cui lavoro fuori dovrebbero essere il Stesso.”

Una governance forte è la chiave per evitare “tali incidenti”, ha affermato Lorenzo Bertelli, direttore marketing e responsabile della responsabilità sociale delle imprese, che è destinato a rilevare l’azienda dai suoi genitori Patricio Bertelli e Miuccia Prada. Ha attribuito a suo padre il merito di aver avviato Prada consolidandone la catena di fornitura negli anni ’90.

Stefania Saviolo, esperta di moda e lusso presso l’Università Bocconi di Milano, ha affermato che gli audit dei fornitori, che fino ad ora erano volontari, diventeranno obbligatori nel 2025 ai sensi della legislazione sul reporting di sostenibilità aziendale, che mira a controllare le violazioni. Ha detto che gli inserzionisti come Prada, che sono abituati a un livello di trasparenza e reporting, probabilmente avranno vita più facile rispetto ad altri.

READ  (Ufficiale) Ministri chiave nel nuovo governo italiano

Il consolidamento della catena di fornitura non significa solo che un attore importante acquisisca aziende più piccole, ma può anche investire in macchinari specifici o aiutarle a ottenere finanziamenti bancari, ha affermato. “Non si tratta di proprietà, si tratta di un accordo a lungo termine sulla falsariga di un modello di partnership”, ha affermato Saviolo, aggiungendo che tali rapporti forniscono anche un senso di sicurezza per le piccole imprese che sono più vulnerabili alle turbolenze del mercato.

Sottolineando che le industrie del lusso e della moda si affidano da tempo alla produzione conto terzi, Luca Solca, analista globale di beni di lusso presso Bernstein, ha affermato che il tipo di investimenti che Prada sta facendo per integrare le operazioni di produzione interna “è in un certo senso al passo con i migliori nel mondo.” Attori di altissimo livello nel settore.

Una parte importante degli investimenti di Prada è finalizzata a garantire il know-how per la prossima generazione, una transizione alla quale l’azienda si è preparata anche nella sua gestione e produzione. Ruoli creativi.

Lorenzo Teodori, che gestisce lo stabilimento di Torgiano, afferma che trovare nuovi lavoratori con esperienza e passione è difficile, anche in una regione dove la maglieria fa parte della tradizione locale.

Per colmare questa lacuna, Prada gestisce un’accademia interna secondo necessità nei suoi 23 siti produttivi italiani per formare giovani artigiani. Il prossimo progetto inizierà in autunno a Torgiano, dove lavoratori esperti formeranno la prossima generazione.

“Attraverso l’Accademia Prada abbiamo visto come questo dialogo sia ancora vivo e vincente”, ha detto Bertelli. “Ci serve per formare i futuri tecnici, che a loro volta saranno i futuri docenti. È un corso fondamentale per il nostro gruppo”.

READ  Perché MedOr e il Tel Aviv Institute for National Security Studies stanno rafforzando la loro collaborazione

Copyright 2024 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.