Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il food truck italiano degli alumni parte per le gare

Il food truck italiano degli alumni parte per le gare

13/06/2023

di Ed Brennan

È quasi mezzogiorno di un mercoledì recente nel centro di Boston, W.L.L Ingegnere meccanico Alum Matt Minichiello ’21 corre leggero su una delle catene di montaggio più deliziose che tu abbia mai visto.

Quando la folla dell’ora di pranzo inizia a crescere fuori da una finestra Bizaniil food truck italiano che lui e il collega UMass Lowell Ryan Palmer ’20 hanno avviato l’anno scorso, Minichiello corre per tenere il passo con gli ordini di panini Drunken Parm, Caprese Melanzana e Sloppy Paisani.

Con la precisione di un ingegnere, affetta panini freschi, mestoli di salsa di vodka su cotolette di pollo e cime melanzane croccanti con mozzarella, ricotta montata al miele e glassa balsamica.

“È un sacco di lavoro, ma è molto soddisfacente”, afferma Minichiello mentre i clienti affamati continuano a radunarsi in Dewey Square fuori South Station.

La loro attività sta per ottenere un grande impulso: Minichiello e Palmer stanno gareggiando nella prossima stagione di “The Great Food Truck Race” di Food Network, che debutterà il 18 giugno. Nello spettacolo, che è stato girato a Los Angeles all’inizio di quest’anno, camion di cibo provenienti da tutto il paese partecipano a sfide settimanali per avere la possibilità di vincere un primo premio di $ 50.000.

Immagine tramite Food Network

Paisani è uno dei nove food truck in gara nella nuova stagione di “The Great Food Truck Race”, che è stato girato a Los Angeles.


“È pazzesco che saremo sulla televisione nazionale. Chi l’avrebbe mai detto?” Palmer dice, chi ha ottenuto un lavoro Laurea con specializzazione in Marketing e Finanza. “Non vedo l’ora di rivivere l’intero viaggio con la famiglia e gli amici.”

Pisani, che è un gioco di parole italiane Bizan, che significa connazionale o amico, ha aperto i battenti lo scorso luglio. È stato scelto per lo spettacolo dopo che Minichiello e Palmer sono stati contattati dai produttori. Sebbene non possano rivelare dettagli sulla stagione, Minichiello può confermare che “è stata un’esperienza straordinaria, davvero stimolante, e abbiamo incontrato un sacco di persone fantastiche”.

Gli imprenditori del food truck si sono incontrati come studenti del primo anno che vivevano a Fox Hall. Hanno stretto un legame con un amore condiviso per la cucina italiana e alla fine avrebbero servito pasti fatti in casa agli amici nei loro appartamenti fuori dal campus. Al loro ultimo anno, decisero di voler avviare un’attività alimentare insieme.

Palmer ha lavorato per diversi anni al Salvatore’s Italian Restaurant nella sua città natale di Medford, nel Massachusetts, dove dice di aver “fatto di tutto: spostare i tavoli, servire il cibo, lavare i piatti, cucinare in linea, servire come ospite”. Sapeva per esperienza che ci sarebbero voluti anni per risparmiare abbastanza soldi per avviare un ristorante tutto loro, quindi hanno iniziato a fare ricerche sull’industria dei food truck.

Tre giovani lavorano in un camion di cibo mentre i clienti aspettano fuori in un cortileImmagine via Ed Brennan

I clienti aspettano i loro ordini a Dewey Square mentre l’equipaggio di Paisani lavora al camion.


“Non volevamo aspettare, quindi abbiamo deciso che un carrello del cibo era il modo più fattibile per andare avanti senza spendere una fortuna”, afferma Palmer.

Hanno raccolto capitali e acquistato un camion di cibo Freightliner del 2011 dotato di una cucina nuova di zecca. Poi sono arrivati ​​i dossi. Innanzitutto, hanno dovuto versare quasi $ 5.000 in un nuovo generatore. Successivamente, hanno dovuto imparare a navigare nel temuto processo di rilascio dei permessi nella città di Boston.

“Boston è uno dei luoghi più difficili per avviare un’attività di food truck. L’abbiamo sicuramente imparato nel modo più duro”, afferma Palmer.

“Ho fatto centinaia di ore di ricerca sui food truck e sull’avvio di un’attività, ma ci sono così tante cose che dovevamo fare solo per scoprirlo”, aggiunge Minichiello. “Imparo qualcosa di nuovo ogni giorno.”

Una volta che il camion era pronto per partire, si sono assicurati posti per l’ora di pranzo (dalle 11:30 alle 14:00) nei parcheggi per camion di cibo di Boston: il martedì a Rowes Wharf e il mercoledì e il giovedì a Dewey Square, servendo fino a 200 clienti al giorno. La domenica dalle 11:00 alle 16:00 al SoWa Open Market nel South End, Palmer dice che fanno i loro affari “cinque volte” durante i giorni feriali. Visitano anche birrifici locali e fanno catering.

Poiché il cibo non può essere preparato sul camion, si accordano per condividere la cucina con Salvatore. Minichiello, che vive nella sua città natale di Canton, nel Massachusetts, si alza ogni mattina alle 5:30 e si dirige a Medford, dove lui, Palmer e il loro dipendente Thomas Southwick preparano cotolette di pollo, melanzane, arancini, fette di pomodoro e mozzarella. Raccolgono il pane ogni mattina da Winter Hill Bakery a Somerville, nel Massachusetts, e il lunedì preparano più di 100 litri di condimento alla vodka, abbastanza per farli passare il fine settimana.

Un uomo in guanti neri cosparge di erbe aromatiche un panino al pollo e parmigianoImmagine via Ed Brennan

Matt Minichiello ’21 dà gli ultimi ritocchi al suo panino Drunken Parm.


Minichiello si è laureato in ingegneria meccanica perché gli piace progettare e costruire cose, ma dice che l’imprenditorialità è la sua vera vocazione.

“Ho sempre avuto la mia piccola attività da quando avevo 10 anni: appendere mazze da lacrosse o dipingere i controller Xbox delle persone”, dice. “Ho una laurea in ingegneria se mai avessi voluto usarla, ma non credo che avrei mai capito cosa volevo fare senza andare a UMass Lowell.”

Nel frattempo, Palmer utilizza le sue capacità di marketing gestendo i canali dei social media e il sito Web di Paisani.

“Sono in grado di applicare ciò che ho imparato all’UMass Lowell a diverse cose che si presentano ogni giorno al lavoro”, afferma.

Palmer sta anche facendo di Bizzani un affare di famiglia: viene premiato suo fratello minore, il 23enne Mike Palmer assistenza infermieristica Ha conseguito la laurea in UML questa primavera e sta aiutando con il camion fino a quando non inizierà a lavorare al Lowell General Hospital ad agosto.

Una donna prende un sacchetto di cibo dal finestrino di un camioncinoImmagine via Ed Brennan

Alumna Tricia Keefe ’91, presidente dei servizi aziendali presso Loomis, Sayles & Co. Un pranzo in ufficio.


“È fantastico che siano arrivati ​​così lontano così in fretta. Sono così orgoglioso di questi ragazzi”, ha detto Mike prima di iniziare un turno dietro il registratore di cassa in Dewey Square.

A volte, anche i loro clienti ne sono orgogliosi. Lo stesso giorno, due dipendenti della vicina società di investimento Loomis, Sayles & Co. , che raccolgono panini e arancini per un incontro a pranzo. Una di loro, la Head of Corporate Services Tricia Keefe ’91, è laureata in UML.

“Ero così eccitato quando ho letto sul loro sito web che erano andati a UMass Lowell”, dice Keefe, che stava facendo la sua prima visita in camion. “Sono sicuro che sarà nella mia routine all’ora di pranzo di tanto in tanto.”

Mentre Minichiello e Palmer si stanno godendo finora il viaggio di successo del loro camion di cibo, hanno ancora l’obiettivo di aprire un giorno un ristorante fisico.

“Ciò che abbiamo realizzato in meno di un anno è piuttosto sorprendente, ma questo è solo l’inizio”, afferma Minichiello. “Personalmente voglio avviare una multi-attività”.

“Abbiamo una buona comprensione della tabella di marcia”, aggiunge Palmer, che è contento che lui e Minichiello si siano incrociati alla Fox Hall nel 2017. “Sono grato per come tutto ha funzionato all’UMass Lowell. Ho incontrato così tanti meravigliosi persone che rimarranno amiche per molto tempo.”vita”.

Parla come un vero Bizan.

READ  Il tribunale italiano respinge la richiesta di sblocco dello yacht dell'imprenditore russo By Reuters