Dicembre 1, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La politica anti-Covid scuote l’economia e lo “spirito” di Hong Kong

HONG KONG – Perry Lam era fiducioso che la sua azienda avesse resistito al peggio della pandemia. Diverse serie di chiusure di pub a Hong Kong hanno offuscato la vivace vita notturna della città, minacciando di distruggere il suo birrificio. Ma le cose sono andate meglio alla fine dell’anno scorso.

Dopo gli incessanti sforzi del governo per debellare il virus, non ci sono state infezioni locali e i bar hanno ricominciato a ordinare fusti di birra e i soldi sono arrivati. “Ho visto il lato positivo”, ha detto il signor Lamm, 34 anni.

Ciò è cambiato questo mese quando Omicron ha iniziato a diffondersi e i funzionari sono tornati al fidato playbook Zero Covid che Hong Kong condivide con la Cina continentale. I ristoranti sono stati costretti a chiudere entro le 18:00 e gli animali giovani sono stati abbattuti. I voli da otto paesi sono stati sospesi. Le importazioni si sono fermate.

Hong Kong sta perseguendo la stessa strategia contro il virus della Cina, sperando che rafforzi i legami con Pechino e le consenta di dichiarare la vittoria sul Covid-19. Ma nel frattempo, un luogo precedentemente noto come “Città globale dell’Asia” si è isolato dal mondo esterno, schiacciando un’economia dipendente dal commercio internazionale in un momento in cui la catena di approvvigionamento globale era già gravemente tesa.

Ora, le aziende locali che hanno resistito a diversi focolai stanno tremando mentre il loro centro urbano a molti piani si trasforma in quella che sembra un’altra città cinese isolata.

Hong Kong ha segnalato circa 300 casi di Omicron, la maggior parte dei quali sono stati rilevati da visitatori stranieri durante la quarantena. Ma negli ultimi giorni, le infezioni locali sono aumentate ed emerse da origini inaspettate, mettendo in crisi i funzionari sanitari. In tutto, dall’inizio dell’epidemia ha registrato 13.096 casi di virus e 213 decessi.

Quei numeri bassi erano troppo per la linea di tolleranza zero di Pechino, un’apparente precondizione per Hong Kong per riaprire il confine con la Cina – una priorità assoluta per i funzionari locali sotto pressione per avvicinare l’ex colonia britannica alla terraferma.

Le implicazioni per le imprese locali sono state sbalorditive. Gli economisti della banca di Wall Street hanno abbassato le loro stime sulla crescita economica della città per l’anno. L’agenzia di rating Fitch ha avvertito che il divieto di viaggiare all’estero minaccerà gravemente il futuro economico di Hong Kong.

Nei giorni successivi all’annuncio delle ultime misure anti-virus da parte della città, diverse piccole imprese, tra cui una catena di rosticcerie, un famoso wine bar, una birreria artigianale e un gastropub, hanno dichiarato che avrebbero chiuso. Il signor Lamm si è detto determinato che il suo birrificio, HK Lovecraft, non sarà il prossimo.

“Ho cercato di resistere il più a lungo possibile, ma stiamo perdendo soldi”, ha detto.

Solo pochi anni fa, quando stava studiando per diventare un birraio in Germania, il signor Lam aveva sogni molto più grandi: “Volevo avere qualcosa che fosse Hong Kong, fatto localmente”, ha detto.

Tornò in città e costruì con i suoi soldi un birrificio con attrezzature speciali spedite dalla Germania. Ha detto che se avesse saputo cosa sarebbe successo, avrebbe aspettato. “Sembra che non stia migliorando, e ci sono stati momenti in cui ho pensato a come andare avanti”.

Anche prima dell’ultimo round di misure contro il virus a Hong Kong, il costo della spedizione di orzo e luppolo era diventato una sfida per molti birrifici. Quando la pandemia ha schiacciato la catena di approvvigionamento globale, i prezzi sono aumentati vertiginosamente.

Le navi imbottite di materie prime sono ancora bloccate in mare. Ci sono più camion per le consegne che autisti.

Ian Gibbett, che ha avviato un birrificio di Hong Kong chiamato Gweilo Beer nel 2015 con sua moglie e un amico, ha detto che prima della pandemia pagava circa 2.000 euro per un contenitore di luppolo. “Ho appena accettato di pagare € 15.500”, ha detto, o più di $ 17.500.

Jebet, che ha ampliato la sua attività ad altri mercati, tra cui Gran Bretagna e Australia, ha affermato che l’aumento dei costi per beni, affitti e manodopera, oltre alle misure di blocco, ha reso Hong Kong uno dei mercati più difficili in cui operare. “Sono stupito che non ci siano state più vittime”.

La Hong Kong Shipping and Logistics Association ha affermato che la quarantena di 21 giorni della città e gli sforzi per reprimere Omicron hanno causato una carenza di personale di cabina che probabilmente farà aumentare i prezzi del 30-40% nelle prossime settimane.

Carrie Lam, amministratore delegato della città, ha riconosciuto il problema e ha avvertito che il costo sarebbe stato sostenuto da tutti. “Non abbiamo quasi nessun carico in arrivo tramite voli cargo”, ha detto la scorsa settimana.

Motorino, pizzeria popolare in due località della città, sta finendo la salsa di pomodoro.

Syed Asim Hussain, co-fondatore di Black Sheep Restaurant Group, che possiede Motorino e altri 28 ristoranti, ha detto che un pallet di salsa ha lasciato Napoli, in Italia, diversi mesi fa, ma è stato ritardato quattro volte.

READ  Mango Himsagar dal Bangladesh è in viaggio verso Italia, Francia e Regno Unito

Anche il numero dei commensali sta diminuendo.

Quando ha calcolato le sue entrate giornaliere in tutti i ristoranti dopo l’annuncio delle nuove restrizioni sulla pandemia, Hussein ha affermato che era inferiore a quello che uno dei suoi ristoranti ha portato all’ora di pranzo solo un mese fa.

Sullo sfondo, Hong Kong sta ancora navigando sulla scia delle proteste pro-democrazia del 2019 che hanno diviso la città e i suoi 1.000 dipendenti.

READ  L'Italia multa Amazon per 1,3 miliardi di dollari, accusando danni a venditori esterni

Al Carboni, uno degli altri ristoranti italiani del signor Hussein, dicembre è stato scandito da cene d’addio per le persone che lasciavano la città, piuttosto che da chiassose feste natalizie. Ha detto: “Nessuno alla scuola di economia ti insegna come gestire due eventi come questo ‘Black Swan’.

Un altro ostacolo all’allentamento delle restrizioni Covid-19 è il tasso di vaccinazione della città, che è basso rispetto a molti paesi sviluppati. Solo 70 per cento della popolazione è stata completamente vaccinata, con molti che si sono dichiarati scettici nei confronti del governo.

Secondo Tommy Cheung, un legislatore che rappresenta il settore della ristorazione di Hong Kong, la perdita stimata dalle attuali misure contro il virus, che dovrebbe durare per diverse settimane, è di almeno 1,2 miliardi di dollari in quattro settimane.

“Non andrà via come la SARS”, ha detto, riferendosi al coronavirus che ha devastato Hong Kong nel 2003 e ha contribuito a plasmare la risposta della città al Covid-19. “Quello è un tunnel in cui non vedo la luce alla fine. Tutti questi ristoranti mi chiedono di tagliare il nastro, continuo a dire: ‘Ragazzi siete molto coraggiosi.'”

La scorsa settimana la signora Lam ha annunciato un fondo di soccorso per la pandemia di 500 milioni di dollari per ristoranti, rivenditori e agenzie di viaggio, ma molte aziende affermano che non sarà sufficiente.

Rob Cooper, proprietario di quattro ristoranti del Gruppo Enoteca, ha affermato di aver ricevuto quattro round di sostegno dal governo tra novembre 2020 e maggio 2021, ma è riuscito a raggiungere il pareggio solo quest’anno grazie alla generosità dei proprietari e ad alcuni risparmi.

Ora che meno chef e lavoratori della ristorazione sono disposti a trasferirsi a Hong Kong e a sopportare la quarantena, non è sicuro che sarà in grado di sopravvivere a un altro focolaio con la politica zero-Covid.

Non apriremo mai”, ha detto il signor Cooper. “La prossima alternativa è dietro l’angolo. È solo scienza, giusto? Come si apre un’economia se tutto viene importato? Il resto del mondo è pieno di Omicron”.

Per il signor Hussain, residente a Hong Kong di quinta generazione, la perdita dei bistrot, dei ristoranti e dei ristoranti all’aperto che rendono la sua casa così vivace cambierà la città in modo irreversibile.

“I vecchi mi assicurano che andrà tutto bene. Ma io sono preoccupato come ristoratore e come uomo d’affari. Sono preoccupato per l’anima della città”.