Febbraio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il capo analista critica il contributo dell'Australia alla lotta alla crisi in Medio Oriente

Il capo analista critica il contributo dell'Australia alla lotta alla crisi in Medio Oriente

Un esperto esperto della difesa ha preso di mira il contributo dell’Australia alla stabilizzazione del Mar Rosso nel mezzo di un’ondata di attacchi Houthi contro le navi mercantili, sostenendo che il Regno Unito ha risposto in modo più efficace.

Il direttore dell'analisi strategica australiana, Michael Shoebridge, afferma che il “deludente” contributo militare dell'Australia alla task force del Mar Rosso “non può essere preso sul serio come un contributo”. A dicembre il governo laburista ha respinto la richiesta della Marina americana di inviare una nave da guerra nel Mar Rosso per proteggere le linee di navigazione dai ribelli Houthi sostenuti dall’Iran. Hanno invece promesso di triplicare il numero del personale dell'ADF presso la sede della CMF in Bahrein, da cinque a 16, cosa che non è ancora avvenuta, con l'arrivo del personale solo entro la fine di questo mese. “Questo sta diventando sempre più frustrante per il governo quanto più lo vediamo”, ha detto Shoebridge al collaboratore di Sky News Steve Price. “Dovrebbe in realtà riguardare il momento in cui una nave da guerra della Marina australiana si unirà al Mar Rosso, e ora al Golfo di Aden, in una missione di sicurezza per impedire agli Houthi di interrompere il commercio internazionale”. per trasportare decine di persone dall’Australia ai due mari. “Non riesco a vedere come questo possa essere preso sul serio come un contributo a un problema di sicurezza internazionale in rapida evoluzione”.

Il quotidiano australiano ha riferito martedì il governo Non ha ancora pienamente adempiuto al suo impegno “Quasi triplicato” il contributo del personale delle forze di difesa australiane alle forze marittime combinate con sede in Bahrein.

READ  Tutti vogliamo che sia più mite. Ecco perché è troppo presto per dirlo

Sembra che nessuna delle forze promesse per aiutare le forze navali combinate a mantenere la pace lungo la principale rotta commerciale sia arrivata, secondo la carta intestata.

Gli Houthi, un gruppo ribelle dello Yemen, hanno annunciato a novembre che avrebbero preso di mira le navi legate a Israele come rappresaglia per la guerra che Israele sta conducendo contro Hamas a Gaza. Foto: Getty Images

Il personale aggiuntivo dovrebbe arrivare entro la fine di gennaio, ma non avrà alcun ruolo negli attacchi contro obiettivi Houthi nello Yemen coordinati da Stati Uniti e Regno Unito, a causa delle regole delle forze marittime congiunte sulle operazioni offensive.

Parlando a Sky News Australia lunedì, Shoebridge ha affermato di non riuscire a vedere come il contributo dell'Australia possa essere “preso sul serio” in quella che ha descritto come una questione di sicurezza internazionale in rapida evoluzione.

“Sta diventando sempre più frustrante nei confronti del governo quanto più vediamo questo”, ha detto al conduttore di Sky News Australia Steve Price.

“In realtà dovrebbe riguardare il momento in cui una nave da guerra della Marina australiana si unirà al Mar Rosso e ora una missione di sicurezza nel Golfo di Aden per impedire agli Houthi di interrompere il commercio internazionale.

“Invece, abbiamo sentito che ci vuole più di un mese per trasportare decine di persone dall’Australia al Bahrein.

Il direttore dell'analisi strategica dell'Australia, Michael Shoebridge, afferma che il conflitto contro i ribelli Houthi sostenuti dall'Iran nel Mar Rosso si sta “intensificando” mentre “espandono la loro area di attacchi”. Lunedì i ribelli hanno attaccato una nave mercantile di proprietà americana nel Golfo di Aden. Ciò è avvenuto meno di un giorno dopo che i ribelli Houthi avevano lanciato un missile antinave contro un cacciatorpediniere americano nel Mar Rosso. “Si sta intensificando perché gli Houthi stanno passando dall’invio di missili e droni nel Mar Rosso all’espansione delle loro operazioni e alla minaccia della navigazione nel Golfo di Aden”, ha detto Shoebridge al corrispondente di Sky News Steve Price. “I numeri contano quando si ha a che fare con gli Houthi, quindi il contributo che l'Australia può dare a questa forza di protezione marittima diventa ancora più importante man mano che gli Houthi espandono la loro area di attacchi. Sono necessarie più navi da più paesi per mantenere sicura la navigazione internazionale .”

READ  Come si è diffusa nel mondo una falsa storia sulla donazione di 13 milioni di dollari di Leonardo DiCaprio all'Ucraina

“Come potrebbe volerci un mese per trasportare dozzine di persone?”

Shoebridge ha messo in dubbio la capacità dell'esercito australiano di rispondere rapidamente al conflitto nella regione dell'Indo-Pacifico, data la sua risposta alla crisi nel Mar Rosso.

“Il personale della difesa ha un margine di azione limitato perché deve agire rapidamente”, ha spiegato.

“Quindi non può volerci un mese per mandare decine di persone all'estero.

“Voglio dire, e se ci fosse una vera crisi nella nostra regione? Il governo sarà in grado di agire più rapidamente?

Ha poi paragonato la risposta dell'Australia a quella del Regno Unito, affermando che quest'ultimo ha dimostrato di essere in grado di “muoversi molto rapidamente”.

Lunedì il signor Shoebridge ha discusso delle crescenti tensioni in Medio Oriente su Sky News Australia.

Caricamento incorporamento…

Il governo del Regno Unito ha inviato una nave da guerra per incoraggiare la calma nel Mar Rosso meridionale e nello stretto di Bab al-Mandeb quando il gruppo ribelle Houthi con sede in Yemen, sostenuto dall’Iran, ha iniziato a prendere di mira le navi commerciali per la prima volta a novembre.

Ha poi dirottato la HMS Diamond per assistere nell’operazione Prosperity Guardian guidata dagli Stati Uniti, che mira a proteggere le rotte di navigazione da ulteriori attacchi di droni e missili.

“Quindi il Regno Unito sembra essere un vero alleato attivo degli Stati Uniti”, ha detto Shoebridge.

“E sembra che quando ci chiedono qualcosa che non vogliamo, diciamo che manderemo le persone e poi non si fanno vedere.”