Giugno 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I motori delle auto stanno morendo, il futuro è elettrico – Politico

I motori delle auto stanno morendo, il futuro è elettrico – Politico

BRUXELLES – L’amministratore delegato della Renault ha avvertito martedì che il governo tedesco sta cercando di assicurarsi un futuro con i motori a combustione, ma potrebbe essere troppo tardi. Questo perché le case automobilistiche hanno già investito miliardi di dollari in batterie e idrogeno.

Parlando all’evento Politico, Luca de Meo, che è anche presidente dell’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA), ha affermato che le case automobilistiche hanno già ascoltato i piani dell’UE per imporre una politica di vendita a emissioni zero per auto e camion dal 2035, vietando di fatto il vendita di automobili Il nuovo inquinante – iniettando miliardi di euro nella tecnologia delle automobili pulite.

“Non credo ci sia nessuno… che sta sviluppando un motore completamente nuovo in Europa”, ha detto De Meo. “Nessuno, come sai, sta sviluppando da zero un nuovo motore a combustione in Europa. … Tutti i soldi andranno all’elettricità o alla tecnologia dell’idrogeno.

Tutte e tre le principali istituzioni dell’UE hanno sostenuto le Zero Carbon Sales 2035 dell’UE Obiettivo, ma una mossa tardiva della Germania, insieme a Italia, Bulgaria, Polonia e Repubblica Ceca, ha bloccato l’approvazione finale. Berlino è ora in trattativa diretta con la Commissione europea su una riforma che potrebbe fornire una scappatoia per l’e-fuel, un’alternativa sintetica a benzina e diesel.

La questione rischia di degenerare in una guerra a tutto campo all’interno del blocco in vista del vertice dei leader dell’UE questa settimana.

L’Italia ha ampliato le richieste del governo tedesco chiedendo alla commissione – in un documento visto da Politico – di preparare una soluzione su misura per le vendite di auto che funzionano con tutti i carburanti a emissioni zero, compresi gli e-carburanti e alcuni biocarburanti.

READ  Recensione Zafferano. ristoranti italiani di Sydney; Ristorante italiano Paddington

Martedì, in un discorso ai parlamentari in Parlamento a Roma, il primo ministro Georgia Meloni ha affermato che il divieto del 2035 era “troppo ideologico” e ha avvertito che gli sforzi per preparare l’economia nazionale “ci porteranno direttamente alla deindustrializzazione”.

Ma la Francia e altri hanno affermato di voler attenersi all’accordo originale del 2035, così come la Commissione europea, che ha dichiarato martedì a Politico che non riaprirà una legge sulle auto verdi concordata l’anno scorso.

Mentre alcune case automobilistiche, inclusa la Renault, erano inizialmente desiderose di posticipare la data di eliminazione graduale del 2035, la maggior parte ha già annunciato l’intenzione di passare alle vendite completamente elettriche in Europa entro il 2030.

VolvoE roccaforte E Audi Tra coloro che annunciano scadenze definitive per la loro produzione di modelli di veicoli tutt’altro che elettrici in Europa c’è entro pochi anni, mettendo la maggior parte delle più grandi aziende del settore sulla buona strada per ridurre le vendite di veicoli inquinanti in tutto il continente entro il prossimo decennio. La Renault ce l’ha Egli ha detto Si sta preparando a offrire auto esclusivamente elettriche in tutto il continente entro il 2030.

Piuttosto che reinventare il motore, l’obiettivo principale è raggiungere la Cina, che secondo de Meo ha un decennio davanti a sé nella tecnologia delle batterie per veicoli elettrici.

De Meo ha sottolineato di essere a favore della “neutralità tecnologica”, il che significa che la legislazione sulle emissioni dell’UE non dovrebbe dettare il modo in cui le case automobilistiche raggiungono il loro obiettivo di emissioni zero nel 2035. Così com’è, le regole significano effettivamente che solo le batterie e l’idrogeno sono valide alternative. e benzina.

READ  Un'azienda italiana accusata di blasfemia per la pubblicità televisiva delle patatine

Mentre gli e-fuel sono attualmente “una specie di soluzione di nicchia” perché la produzione è ancora scarsa e l’industria ha bisogno di costruire catene di approvvigionamento, è “un’opportunità”, ha affermato il dirigente del veicolo. “Come sempre, si parte da una nicchia.”

Tuttavia, il CEO di Renault ha convenuto che i veicoli elettrici sono sulla buona strada per diventare la soluzione dominante del mercato alla sfida delle emissioni zero.

Ha affermato che la tendenza ad allontanarsi dai motori è irreversibile, con i fornitori – che hanno decine di migliaia di dipendenti in tutta Europa – che si allontanano dal motore a combustione.

Tutti i fornitori di primo livello [which provide equipment directly to car manufacturers] Stanno smettendo completamente di investire nei motori a combustione.” “Vedrai la prossima ondata.”

Giorgio Lyali ha contribuito alla segnalazione.