Giugno 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I mercati dei metalli trattengono il fiato mentre la Cina riapre

I mercati dei metalli trattengono il fiato mentre la Cina riapre

attraverso Minatore di metalli AG

L’economia cinese può riprendere il suo normale percorso di crescita nel 2023 dopo aver registrato uno dei tassi di crescita più bassi nel 2022? Di recente, il paese ha introdotto alcuni stimoli fiscali e ha allentato le sue contromisure draconiane contro il COVID-19. Questo mondo è rimasto in attesa del ritorno dell’industrializzazione cinese e dell’economia in generale. Ma il nuovo anno porterà i risultati che desidera?

Industrializzazione, stagnazione e normative cinesi

Sfortunatamente, non è ancora chiaro se tutti questi desideri per un 2023 migliore svaniranno in un “pio desiderio”. La maggior parte degli economisti globali ritiene che qualsiasi ripresa in Cina potrebbe essere più a forma di U che a forma di V. La stessa previsione si applica ai metalli e ai settori dei metalli. Se tutto va secondo i piani, potrebbe esserci una graduale ripresa verso la fine del nuovo anno o anche più tardi. Tuttavia, anche questo è condizionale. Nello specifico, non ci saranno più focolai di COVID-19 in Cina.

Negli ultimi due mesi circa, i prezzi e la domanda dei metalli hanno mostrato segni di ripresa. Ciò è in gran parte dovuto all’allentamento delle normative COVID-19 in tutta la Cina. Ma mentre ciò ha suscitato speranze, molti esperti del settore temono che ciò possa essere solo temporaneo.

Ovviamente, con le recessioni previste nella maggior parte dei paesi del mondo, l’aumento della domanda cinese dovrebbe contribuire ad aumentare la domanda globale e i prezzi dei minerali. Ma gli analisti hanno notato che mentre l’allentamento delle restrizioni sul coronavirus da parte della Cina potrebbe avere effetti positivi, i guadagni potrebbero richiedere del tempo per concretizzarsi. In effetti, molti si aspettano che la produzione cinese e le altre attività economiche non riprenderanno fino a metà anno. Tuttavia, i produttori di acciaio del paese beneficeranno sicuramente di costi energetici inferiori. Ciò sarà dovuto al calo dei prezzi del carbone. In effetti, la materia prima ha registrato un calo del 20% a dicembre a 250 dollari la tonnellata, principalmente a causa della debole domanda globale.

READ  Coalizione del blocco indiano di 7 famiglie: Amit Shah | Notizie dall'India

Il Fondo Monetario Internazionale mette in guardia su debole manifattura in Europa, Stati Uniti e Cina

Il Fondo monetario internazionale (FMI) prevedeva che il 2023 sarebbe stato un anno difficile in termini economici, poiché l’organizzazione ha indicato che i principali motori della crescita globale – Stati Uniti, Europa e Cina – soffrivano di una debole attività economica. L’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, ha dichiarato a “Face the Nation” della CBS che il nuovo anno sarà “più duro dell’anno che ci lasciamo alle spalle”.

Argomenti correlati: petrolio e gas statunitensi non hanno fretta di crescere

A ottobre, il Fondo monetario internazionale ha notevolmente abbassato le sue previsioni per la crescita economica globale nel 2023. A quel tempo, si riferivano a fattori come l’invasione dell’Ucraina, le elevate pressioni inflazionistiche e così via.

L’effetto yo-yo e le previsioni per il 2023

L’economia cinese per il 2022 può essere meglio descritta come un motore automobilistico vacillante. Le batterie sono morte per la maggior parte dell’anno a causa del coronavirus. Quando il governo ha annunciato ulteriori stimoli fiscali a novembre, le importazioni di rame e alluminio sono aumentate. Tuttavia, i prezzi dell’alluminio hanno subito subito correzioni significative. Anche le esportazioni di acciaio sono aumentate, ma non è necessariamente una buona cosa. Per molti, ha semplicemente mostrato un aumento della produzione nonostante la minore domanda interna. Il “mantra” cinese per la crescita è stato quello di aumentare la prima ed espandere la seconda, che ora è a un punto morto.

La situazione “toccata e fuga” relativa alla produzione cinese ha mandato in tilt i mercati dei metalli. Ciò è stato evidente nel calo dei prezzi dei metalli a Shanghai il 2 gennaio 2022. Questo calo è stato dovuto alle preoccupazioni per la tiepida domanda, a causa della recrudescenza del coronavirus e della contrazione delle attività di fabbrica.

READ  Donald Trump marcia a Firenze, in Arizona, e dice "Ci riprenderemo la Casa Bianca"

recentemente Reuters Il rapporto ha fornito alcune informazioni sul problema manifatturiero cinese. Ha spiegato come il Purchasing Managers’ Index (PMI) ufficiale della Cina abbia mostrato una contrazione dell’attività di fabbrica per il terzo mese consecutivo a dicembre. Inoltre, si è ridotto al ritmo più veloce in quasi tre anni, poiché l’infezione da COVID-19 ha spazzato via le linee di produzione in tutto il paese.

Il rapporto prevedeva anche che il blocco esteso avrebbe accumulato scorte di minerali primari utilizzati per realizzare prodotti finiti. Ciò, a sua volta, metterà sotto pressione i prezzi di varie materie prime fino al 2023.

altro rapporti Dice che la contrazione degli ordini (nazionali e dall’estero) ha costretto le fabbriche di articoli in metallo nella provincia del Guangdong della Cina meridionale a iniziare a chiudere in anticipo per il capodanno lunare. Altre fabbriche hanno recentemente rivelato che taglieranno i piani di produzione per il prossimo anno, aggiungendosi ai problemi di produzione della Cina.

Scritto da Sohrab Darabsho

Altre letture importanti da Oilprice.com: